Sydney resterà chiusa per due settimane

Il Primo Ministro dello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud, Gladys Berejiklian, anno Domini che l’intera area metropolitana di Sydney sarà bloccata almeno fino al 9 luglio a causa dell’aumento dei contagi da coronavirus visto negli ultimi giorni. Questo è il primo blocco imposto a Sydney dallo scorso dicembre: Berejiklian ha affermato che le restrizioni si estenderanno anche alle regioni vicine di Blue Mountains, Central Coast e Wollongong.

Nei giorni scorsi intorno a Sydney sono state riscontrate più di 80 infezioni da coronavirus attribuibili a variante delta, per cui erano già state introdotte restrizioni in alcuni quartieri. L’epidemia è iniziata circa una settimana fa da Bondi, il paese che si affaccia sulla famosa spiaggia omonima; la trasmissione del contagio era stata collegata a un autista che aveva trasportato persone dall’estero dall’aeroporto alla zona di Bondi.

Dall’inizio della pandemia in Australia, sono stati rilevati poco più di 30.000 contagi e 910 decessi per cause legate al COVID-19 e alla diffusione dell’epidemia sono stati tenuti sotto controllo principalmente attraverso misure di contenimento efficaci, come i blocchi, che sono stati spesso imposti anche dopo la scoperta di pochissimi casi. La campagna di vaccinazione contro il coronavirus, però, è iniziata molto tardi, tanto che ad oggi sono state somministrate poco più di 3 milioni di dosi vaccino e solo il 3% della popolazione adulta è stato completamente immunizzato.

– Leggi anche: La variante Delta continua a diffondersi

READ  Stati Uniti, Biden eletto presidente: "Ora voltiamo pagina"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *