Telecomunicazioni, l’esperto: “La rete unica ha senso solo per salvare Telecom Italia, piena di debiti e con troppi dipendenti”

Può migliorarlo rapidamente Velocità di Internet in Italia operando contemporaneamente fibra, 5G, satelliti e collegamenti radio Fwa? Piano B che il ministro dell’Innovazione tecnologica sta sviluppando Vittorio Colao, può funzionare. Ma la questione della rete a fibra singola e del futuro di Telecom Italia tuttavia, rimarranno la questione più spinosa per il governo di Mario draghi.

Ne è convinto Fabio Colasanti, economista che, nel 2010, è stato Amministratore Delegato diSocietà dell’informazione alla Commissione Europea. La ragione? << Quindici anni di dibattito, tra la fine degli anni '90 e il primo decennio degli anni 2000, hanno portato alla conclusione che il progetto pubblico della rete a fibra singola non genera alcun beneficio – spiega l’esperto-. Anzi, durante la discussione di questo periodo, è sorto anche il timore, forse eccessivo per certi versi, che la rete statale limitare gli investimenti necessario sull’infrastruttura, riducendo le esigenze delle compagnie telefoniche per offrire servizi sempre più avanzati ”. Questo è il motivo per cui nessun paese ha finalmente creato un’unica rete pubblica. Tranne il Qatar e Singapore.

Allora perché in Italia il tema della singola infrastruttura continua ad essere rilevante? “Ho l’impressione che il business plan della fibra sia fatto prima di tutto per salvare Telecom Italia. Quello senza il matrimonio tra i suoi FiberCop e Open Fiber rischi dovuti al pesante fardello dei dipendenti e dei debiti ”, continua l’economista, sottolineando che la situazione di Telecom Italia non è unica in Europa. “Tutte le società i vecchi monopolisti delle telecomunicazioni hanno difficoltà molto gravi perché ne portano uno con sé numero di dipendenti che non è assolutamente più giustificato dalle attuali esigenze – sottolinea l’esperto – Per questo motivo i governi francese e tedesco hanno mantenuto un partecipazione al capitale di France Telecom e di Deutsche Telekom. Credo che Telecom Italia abbia oggi raddoppiare il numero di dipendenti bisogna.

READ  Incentivi auto 2021, come arrivare fino a 10mila euro

Senza contare che andando verso la fibra ci stiamo muovendo verso un tipo di rete che ha molto minore manutenzione necessaria della vecchia rete in rame. Sfortunatamente non è facile ridurre i dipendenti. Pensa che sia in Francia che in Germania ci sono ancora molti dipendenti degli ex monopolisti che hanno ancora lo status di dipendenti pubblici ”. Come se non bastasse, il gruppo guidato da Luigi Gubitosi, che, come ci ricorda l’economista, si riduce anche debiti pesanti: “L’azienda è passata di mano due volte, facendo pagare a Telecom Italia il costo dell’acquisizione da parte della nuova società. Quindi Telecom ne prende uno con sé enorme quantità di debito e se i tassi di interesse si normalizzassero un po ‘, sarebbe quasi impossibile da gestire “, spiega.

Secondo Colasanti, la creazione di una nuova società di rete in fibra che forma l’infrastruttura di Telecom Italia e quella della sua rivale Open Fiber, lasciando il controllo della rete all’ex monopolista, renderebbe la vita più facile all’azienda di Gubitosi. Comunque “è un progetto che di per sé non ha molto senso – prosegue – La cosa è un po ‘assurda perché Fibra aperta è il concorrente che ha dato fastidio in Telecom Italia. Diciamo ora che dobbiamo mettere in piedi due concorrenti che si sono affrontati, anche in tribunale e che erano quindi davvero in competizione tra loro, è una sciocchezza. La Commissione non potrebbe in alcun caso accettare una soluzione del genere, a meno che non vi sia partecipazione alle società telefoniche della società di rete. O solo una minima presenza. L’idea che questa nuova società possa essere controllata da Telecom Italia non è né in cielo né in terra ed è lì signora Vestager (Il commissario europeo per la concorrenza, ndr) ha già rilasciato dichiarazioni in tal senso “.

READ  "Via via libera al mix, le dosi saranno sufficienti" - Corriere.it

Tuttavia, se il progetto dovesse avere successo, la costruzione della rete unica potrebbe principali effetti collaterali. “Può darsi che la Commissione veda nel funzionamento del aiuto di Stato – conclude – E l’aiuto è possibile solo quando accompagna a ristrutturazione. Di conseguenza, l’aiuto alla società sarebbe accompagnato dalla richiesta che Telecom Italia ridurre drasticamente l’occupazione, diventare più efficienti e quindi avere prospettive di sopravvivenza. “Ma, in un certo senso, anche se le condizioni finanziarie erano completamente diverse, questo è ciò che è accaduto alAlitalia? “Sì, praticamente sì”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *