terapia intensiva al collasso

L’ultimo allarme è diOrdini del dottore: non c’è tempo da perdere, serve un file blocco nazionale, la situazione è fuori controllo. professoressa Walter Ricciardi, consigliere del Ministero della Salute, ospite di Che tempo è: “È una tragedia nazionale annunciata. Abbiamo già un aumento del 10% dei decessi per infarti e ictus. Se non agiamo ora, domani avremo delle morti e oggi non saremo in grado di guarire. il confinamento in alcune aree metropolitane ciò deve essere fatto immediatamente. Avrei già deciso di farlo Napoli“.

Che cosa sta succedendo? Torniamo al 3 aprile: l’Italia era in prigione da meno di un mese, era in un tunnel di paura e incertezza di fronte a un nemico sconosciuto, il coronavirus. Nei dintorni di terapia intensiva Quel giorno furono ricoverati 4.068 pazienti. Non ce n’erano mai stati così tanti prima, non ce ne sarebbero stati così tanti nei giorni a venire. Lentamente, il numero ha iniziato a diminuire, fino all’illusione di agosto quando c’erano meno di 40 pazienti in terapia intensiva per Covid-19.

Cig Covid, i licenziamenti sono un miraggio: 207mila sono ancora in attesa

Ricciardi: “Blocco subito a Milano. Avrei fatto la zona rossa a Napoli due settimane fa “

Volo

Purtroppo in pochi mesi è cambiato tutto, ieri erano ancora 115 i seggi occupati, arrivando a un totale di 2749. Con questo trend, questo significa che in due settimane supereremo il picco del 3 aprile. Andremo ben oltre 4.068, al contrario: se l’incremento percentuale è simile a quello della scorsa settimana – intorno al 4-5 per cento – in otto giorni, raggiungeremo lo stesso numero del picco di aprile. . Tuttavia, poiché si è verificato un leggero rallentamento, possiamo ragionevolmente presumere che la soglia di 4.100 verrà superata in due settimane. Certo, rispetto all’era pre-Covid, i posti disponibili sono aumentati (erano 5.179, oggi sono circa 7.000 anche se secondo il Commissario Arcuri fino a 9.518 possono essere attivati ), ma un tale impatto è molto pericoloso. I pazienti ricoverati in ospedale rappresentano oggi il 6 per cento del totale sieropositivo in Italia. Di questa parte che richiede il ricovero, il 9,5% è in terapia intensiva. Pertanto, solo lo 0,5% di coloro che sono – ad oggi – contagiati in Italia ha bisogno di un ventilatore: sembra una piccola percentuale, ma se si considera che sono 558.000 i positivi nel nostro Paese, è facile capire che il sistema sanitario, anche quando è migliorato, non regge. Puoi creare la struttura fisica, ma alla fine non avrai un numero sufficiente di rianimatori: non ci sono specialisti formati.

READ  "Davanti agli anni passati"

Conto alla rovescia

Il professor Massimo Andreoni è direttore delle malattie infettive del Policlinico di Tor Vergata di Roma, professore e direttore scientifico della Simit (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali). Osserva: “I dati sono molto chiari, entro due settimane saremo in grado di superare il picco di pazienti in terapia intensiva ad aprile. Si noti che nei miei due reparti di malattie infettive, ad esempio, abbiamo pazienti semi-intensivi, con respirazione assistita grazie alle cuffie. Ovviamente hanno ancora un livello di assistenza molto alto, ma c’è la tendenza, ove possibile, a non sopraffare la terapia intensiva. Anche supponendo di installare più sedi, non sapremmo a quali professionisti rivolgerci. I rianimatori non vengono creati da zero ”. Cosa succederà tra due o tre settimane? “Ci troveremo in una situazione drammatica, non saremo in grado di gestire un numero così elevato di pazienti in terapia intensiva”. Ad aprile più della metà dei pazienti rianimati erano concentrati in tre regioni – Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna – oggi la distribuzione è diversa, più omogenea su tutto il territorio nazionale. “Aggiungerei – osserva il professor Andreoni – un altro ragionamento. Quando abbiamo raggiunto i 4.068 ricoveri in terapia intensiva, eravamo già stati bloccati per alcune settimane. Eravamo in una situazione in cui sapevi che prima o poi ci sarebbe stato un rallentamento, noi operatori abbiamo visto un barlume, perché eravamo consapevoli che gli effetti delle chiusure sarebbero avvenuti. Ci siamo detti: resisti, la situazione migliorerà. Oggi non vediamo questa apertura. Siamo molto più angosciati. Le restrizioni messe in atto rallentano solo l’aumento delle infezioni. Le chiusure decise durante l’ultimo Dpcm sono arrivate troppo tardi, andavano bene quando c’erano 20.000 casi al giorno, non oggi quando siamo a 40.000 ”.

READ  Open Arms, il Senato autorizza il processo di Matteo Salvini: 149 voti a favore, 141 contrari. La sua difesa: "Processo politico, un dono"

Territorio

E da tutte le regioni arrivano segnalazioni di emergenze. In Sicilia, un medico del Policlinico di Catania ha detto: “Ci sono ambulanze in fila per ore, la zona Covid è satura e costretta ad accettare la sua capienza per il bene dei pazienti. Stiamo per implodere ”. Un servizio della televisione Tgs regionale segnala che 54 pazienti Covid sono parcheggiati al pronto soccorso dell’ospedale di Palermo e che mancano le fonti di ossigeno. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in una lettera al presidente del Consiglio Conte e al governatore Musumeci afferma: “Se è vero che i pronto soccorso mancano di ossigeno ei servizi ospedalieri hanno iniziato a scegliere quali pazienti cercare di salvare e che no, sono prefigurati scenari di “medicina di guerra” ”. Il Movimento 5 Stelle Siciliano ha richiesto l’invio di ispettori del Ministero della Salute. La Regione Sicilia ha negato la mancanza di ossigeno e posti letto.

Altri esempi. In Puglia, spiega l’Ordine dei Medici: “Con il trend di crescita costante, all’Immacolata si rischia di avere 400 morti e la saturazione dei letti Covid”. L’Umbria sta allestendo un ospedale da campo a Perugia e chiederà aiuto alle Marche in terapia intensiva. Ma anche le Marche sono sotto pressione. In vari ospedali napoletani, situazione simile, con lunghe file di mezzi di soccorso e pazienti assistiti a bordo. Il Piemonte è esaurito. Alessandro Stecco, docente universitario e medico dell’ospedale di Novara, rappresentante della Lega, chiama le Ong: “Devia il personale sanitario dai tuoi ospedali all’estero al Piemonte. I letti e soprattutto il personale sono brevi. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti ”.

Covid, ecco le Regioni che rischiano di diventare zona rossa secondo il rapporto ISS

La “lista rossa” aleggia sulle regioni: Campania, Veneto e Toscana rischiano di abbandonare la zona gialla e l’Alto Adige diventa già in anticipo zona rossa. Arriva nelle prossime ore la segnalazione dell’Istituto Superiore di Sanità, con il termometro dati che potrebbe allargare la pressione anticontagio nel Paese.

video

Ultimo aggiornamento: 00:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Chi è Giuseppe Zuccatelli, il nuovo commissario alla Salute della Calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *