Green Pass, ok per il nuovo decreto Covid: le ultime novità. Il testo: versione definitiva in Pdf

Roma, 22 luglio 2021 – Pass verde Green obbligatorio ovunque ci siano assembramenti, compresi stadi ed eventi, mentre con una singola dose di vaccino in tutte le location al chiuso, come bar e ristoranti. Le principali questioni contenute nel nuovo decreto Covid, il documento approvato dal Consiglio dei ministri riunito a fine pomeriggio e che entrerà dal 6 agosto. Le disposizioni non si applicano a bambini e ragazzi esclusi per età dalla campagna vaccinale e soggetti esonerati in base ad apposito certificato medico.

Il testo del decreto legge conferma le anticipazioni fatte al termine della cabina di regia riunita a Palazzo Chigi all’inizio del pomeriggio. Quindi dal 6 agosto le regole per l’utilizzo del pass verde in bar e ristoranti: deve essere mostrato solo a tavola, se il bicchiere avverrà all’interno del ristorante. Né fuori né al bancone. Il pass in questione sarà già valido con una dose di vaccino, oppure dovrai dimostrare di aver subito un tampone negativo nelle 48 ore precedenti o di essere guarito dal Covid negli ultimi sei mesi.

Avrai bisogno del “passaporto vaccinale” per accedere palestre, cinema e Teatro, Compreso spettacoli all’aperto, ma anche per sport di squadra, terme, piscine, fiere, congressi e concorsi. Mentre il le discoteche restano chiuse: quindi divieto di ingresso nelle discoteche, nemmeno con il green pass.

Il pass verde sarà richiesto anche per entrare in passi e vai a concerti. Nel Covid dl Capacità del 50% negli impianti sportivi all’aperto ed è accessibile solo con il certificato di vaccinazione, o la guarigione entro 6 mesi o il test entro 48 ore. In particolare, per quanto riguarda “la partecipazione del pubblico – si legge nel testo del decreto – sia a manifestazioni che a concorsi di livello agonistico riconosciuti di preminente interesse nazionale”, in Zona vuota, la capacità autorizzata “non può superare il 50 per cento del massimo autorizzato al di fuori del 25 percento dentro. Nel zona gialla la capacità autorizzata non può superare il 25 per cento della massima autorizzata e, in ogni caso, la numero massimo di spettatori non può essere superiore a 2.500 per le installazioni all’aperto e 1.000 per le installazioni all’interno”.

READ  Instagram torna sui suoi passi: l'aggiornamento atteso non verrà rilasciato

Mentre, per il momento, la “certificazione verde” non sarà richiesta per viaggiare in treno, aereo e autobus. La questione dei viaggi e dei trasporti, spiegano fonti governative, dovrebbe essere rinviato più tardi e quando ci sono nuovi dati.

L’estensione del stato di emergenza fino al 31 dicembre.

Covid e scuola, Figliuolo mira al 60% degli studenti vaccinati

Pdf: la versione definitiva del decreto

Nel pomeriggio c’era qualcosa di nuovo confronto con le regioni sciogliere il nodo sulla revisione dei parametri di rischio Covid, con l’introduzione di nuove soglie che includono il numero dei ricoveri. Le prime indicazioni dicono che i nuovi parametri sono stati decisi passaggi di colore delle Regioni: la cabina di regia ha stabilito il 10% di occupazione dei letti di terapia intensiva e il 15% di ricoveri per decretare la cambia da zona bianca a zona gialla. Terapia intensiva 20% e 30% per i campi medici per diventare arancia e rispettivamente 30 e 40% per entrare Zona rossa.

Sono in corso anche lavori per scrivere sugli dei che cambiano. tempo di quarantena per chi ha il pass verde ed entra in contatto con un positivo. Il la quarantena sarà ridotta per chi è in possesso di certificato di vaccinazione mentre la possibilità di francobolli gratuiti per bambini sotto i 18, una parte della popolazione ha vaccinato solo il 25%.

Al termine dei lavori, il Presidente del Consiglio Mario draghi intervenuto in conferenza stampa con il ministro della Salute Roberto Speranza e il ministro della Giustizia Marta Cartabia.

Gimbe: raddoppiano i casi a settimana, aumentano i ricoveri

Il confronto degli ultimi giorni

In questi giorni è il “muro” di regioni, così come le fibrillazioni interne delle forze maggioritarie. Con il malcontento che, in particolare sulla proroga a lungo termine dello stato di emergenza e del certificato verde, ha animato la Lega. lui capo, Matteo salviniIeri, infatti, si è schierato con i governatori: “Non si può limitare la vita a 30 milioni di italiani”. E ha aggiunto, sull’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico, “no, non è necessario. Ad oggi – ha dichiarato – l’80% è vaccinato e si arriverà al 90% a settembre, quindi la copertura, l’immunità, è ampiamente garantita”.

READ  Borsa Italiana, commento della seduta odierna (11 novembre 2020)

Bollettino Covid 22 luglio July

Intanto sono state confermate le nuove linee guida vaccinali per chi è guarito dal coronavirus: chi ha già avuto il contagio, infatti, può fare ununa singola dose ma entro 6-12 mesi dal recupero. D’altra parte, c’è sempre il doppio per l’immunocompromesso.

Tra le richieste relative all’utilizzo del green pass c’è anche quella fatta da molti parlamentari presentare il certificato che attesta illa vaccinazione è avvenuta contro il Covid o la cura anche per entrare nel telecamera et al Senato. Mentre il governo dovrebbe discutere dell’uso dello strumento, le voci si moltiplicano tra le barzellette per includere anche palazzo della politica tra i luoghi in cui la certificazione sarà obbligatoria per l’accesso. “Stamattina si è aperto in emiciclo il dibattito tra i gruppi parlamentari sulla necessità di avere il pass verde per accedere a Montecitorio. Questa proposta l’ho fatta qualche giorno fa e dico: facciamola ora”, spiega l’on. Alessia morani. Ma ieri, durante la cerimonia del Fan, il Presidente della Camera Roberto io sono disse a se stesso perplesso di. “Il nostro problema con l’aula e le tribune è la distanza. Non mi sento molto vicino alla posizione di dire qui che si può entrare solo con il pass verde”. E ancora: “Sono contro la forzatura e per soluzioni ragionate”.

Le Regioni hanno chiesto che io impostazioni decretare il passaggio di area da bianca a gialla, con tutti i limiti del caso, prevedere il 30% letti occupati nel ospedali e il 20% nel terapia intensiva. Ma soprattutto hanno chiesto che nella zona bianca il pass verde valga solo per i maggiorenni eventi sportivi e di intrattenimento, discoteche, fiere e congressi. In sintesi, utilizzare il certificato verde per consentire la ripresa delle attività non autorizzate fino ad oggi.

READ  Borsa Italiana, commento della seduta odierna (9 novembre 2020)

Variante Delta, qualche caso anche tra vaccinati

Ma il governo – con in testa il presidente del Consiglio Mario Draghi e con l’eccezione della Lega – ha avuto un orientamento più restrittivo rispetto alle richieste delle Regioni, per fermare la corsa al Coronavirus, che grazie Variante Delta fa ancora paura. Distinguere le attività su tre livelli: i servizi essenziali che non richiedono pass verdi, quelli che ne richiedono uno ‘Versione leggera – quindi una sola dose con data già fissata e chiusa per la seconda – ed infine l’elenco delle attività per le quali il certificato verde deve certificare il vaccinazione completa.

Poi ci sono i passi, entro settembre, che il governo intende indicare di inasprire l’utilizzo del certificato verde, grazie al ritorno di un scuola così come il ritorno delle vacanze di agosto. E che nelle ultime ore non avrebbe escluso, secondo fonti governative, l’obbligo del certificato verde su trasporto pubblico da metà settembre. Ennesimo nodo difficile da sciogliere, su cui il confronto, in queste ore, è diventato sufficientemente teso da sfociare in un rinvio come sulla scuola: la decisione su bus e metro dovrebbe essere presa dopo e non in questo decreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *