Test drive: con l’Alfa Romeo Stelvio 2023 in Italia

Test drive: con l’Alfa Romeo Stelvio 2023 in Italia

Il progetto: un road trip di oltre 3.000 km in Toscana con la mia famiglia, per motivi emotivi. Prendiamo un pezzo di Bernard, mio ​​suocero prematuramente scomparso, che ogni anno veniva a riposare in Italia e poteva godere appieno di tutto ciò che questo bellissimo paese ha da offrire. Un po’ come la serie televisiva ‘Boris’, dunque, ma senza troupe cinematografica e con battute ancora meno divertenti.

Volevo renderlo un viaggio on the road rilassato, con poche soste lungo i tanti punti salienti legati all’auto che si possono trovare tra la Germania e l’Italia, il mio navigatore ha preferito attraversare tutto d’un fiato per perdere il minor tempo possibile. Il compromesso prevedeva un viaggio di andata in due tappe con alcune deviazioni, il ritorno sarebbe stato diretto. Ora c’era un altro dettaglio da controllare: il trasporto. Che è diventato di un blu brillante e ha appena fatto un restyling dell’Alfa Romeo Stelvio Veloce, con il turbo benzina da 280 CV. I consumi sarebbero migliori del previsto con tanta autostrada… giusto?

Prima impressione dinamica

Le prime impressioni quando si prende il controllo della vettura sono già buone: il feeling di sterzata del Suv italiano è esemplare, i sedili sono comodi e il motore a benzina è volontario e vivace (0-100 km/h in 5,7 secondi). Il piccolo schermo di infotainment si distingue e sembra un po’ obsoleto per un modello completamente nuovo. La connessione ad Apple CarPlay avviene solo tramite le porte USB nel vano portaoggetti sotto il bracciolo centrale – che ci sono voluti diversi minuti per trovare – e l’impianto audio suona abbastanza bene. Anche lo smorzamento con i cerchi da 21 pollici è molto migliore del previsto. Non vedo l’ora di pedalare!

Si parte venerdì mattina, con solo due deviazioni nella prima tappa: rifornimento in Lussemburgo e deviazione per Schwarzwaldhochstrasse. Lo Stelvio è carico di tre persone (la quarta ha volato) e del necessario bagaglio, di cui è già quasi pieno, con una seduta abbastanza stretta nella parte posteriore. Anche il consumo di carburante mi preoccupa: la media totale dell’auto era di oltre 12 l/100 km quando ho ritirato l’auto, anche se fortunatamente inizia a calare dopo pochi chilometri.

Schwarzwaldhochstraße

A Baden-Baden, appena oltre il confine con la Francia, tocca a me prendere il volante. Qui inizia la B500 verso Freudenstadt, nota anche come Schwarzwaldhochstrasse. Un percorso tortuoso e collinare con splendide viste attraverso la Foresta Nera che culmina al lago Mummelsee, a oltre 1.000 metri sul livello del mare. Il gran numero di motociclisti conferma che la B500 è una conoscitrice della strada, peccato solo per le scarse possibilità di sorpasso.

Dopo la strada tortuosa, è il momento per un po’ Autostrada, dove lo Stelvio dimostra di avere la grinta necessaria, ma sopra i 130 km/h comincia subito a farsi sentire il rumore del vento. Non abbiamo testato la velocità massima di 230 km/h, ma è comunque un piacere poter scegliere da soli la propria velocità di crociera, che è un po’ sopra il “nostro” limite di 120 km/h. .per essere superati dai tedeschi con velocità di potatura.

READ  Dimentica la french manicure, la versione italiana è semplice e fa sembrare le tue unghie più lunghe | Nina

Bella Svizzera

L’ultima tappa della prima giornata è all’hotel sul Lago di Walen in Svizzera, un lago circondato da montagne, una delle quali bisogna scalare per arrivare al posto letto. Un posto molto tranquillo, con il risultato che da mangiare c’è ben poco. Per fortuna la cucina è ancora aperta in un hotel vicino e possiamo mangiare una costosa cotoletta per rinforzarci per il secondo giorno.

Una giornata che inizia con una vista incredibile dalla terrazza, dove abbiamo dovuto fare colazione a bocca aperta. Che bel paese rimane la Svizzera… Il sonno notturno è stato meno ristoratore a causa di una stanza troppo calda, ma l’Alfa è pronta per partire, se riusciamo a rifornirla di un pieno di benzina fresca. Commettiamo l’errore di non tornare al distributore di benzina lì vicino, costringendoci ad accontentarci di benzina costosa sulle autostrade. Solo mezzo serbatoio. Speriamo che i prezzi del carburante siano un po’ più favorevoli in Italia…

Col San Bernardino in omaggio

Non attraversi il confine nella terra della pasta, della pizza e del vino attraverso un tunnel efficiente ma noioso. E ignoriamo anche il Passo dello Stelvio, appropriato com’è dato al nostro mezzo di trasporto. No, scegliamo (beh, io ho scelto…) di prendere il passo del San Bernardino, in omaggio al nostro caro defunto. Una salita tortuosa che culmina a 2.066 metri sul livello del mare, prima di scendere con viste spettacolari. E non siamo gli unici ad aver scelto questo percorso, perché quando arriviamo in cima, siamo improvvisamente circondati da un club Porsche locale. Le GT3, GT4 e persino alcune classiche si erano appena fermate all’Hospiz St. Bernhardin e sarebbero ripartite pochi minuti dopo per la seconda parte del loro viaggio on the road. Che bella coincidenza!

La Stelvio è pronta a prendere il ritmo, ma considerando i bagagli e lo stomaco dei passeggeri, non ho pensato che fosse una buona idea spremere il massimo. Tuttavia, l’interruttore DNA può essere nella posizione più dinamica e il cambio in manuale, in modo da poter finalmente utilizzare quelle enormi leve del cambio, che sono per lo più fastidiose durante il normale utilizzo. La Stelvio non è un’auto sportiva, ma i grandi cucchiai di metallo sono una gioia da usare, grazie al loro posizionamento perfetto e alla risposta immediata quando si seleziona una marcia più alta o più bassa. Pochi modelli prestano tanta attenzione, è vero, a un elemento molto di nicchia per un SUV familiare.

READ  Afghanistan, la "dottrina" di Biden ha cambiato il ruolo dell'America nel mondo (ma è stata sepolta dalla critica) - Corriere.it

Tentativo fallito

Quando siamo scesi di nuovo al livello del mare, è tempo di riprendere l’autostrada per tornare in Italia. Veniamo accolti da alcuni acquazzoni, che rivelano un’altra particolarità dello Stelvio: i tergicristalli non si azionano spingendo su e giù la grande leva a destra, ma con il piccolo interruttore al centro di questa leva, che a sua volta serve solo come tergicristallo posteriore. All’inizio molto confuso, ma fortunatamente non ha causato situazioni pericolose.

Il piano in Italia era di attraversare alcuni dei punti salienti legati all’automotive lungo il percorso verso la nostra destinazione in Toscana, a partire dal museo dell’Alfa Romeo vicino a Milano, passando poi per le fabbriche di Ferrari, Lamborghini e Pagani, tutte a un tiro di schioppo da tra loro e dall’autostrada nei pressi di Bologna. La veloce sosta fotografica all’ingresso del museo ha successo, con un distributore di benzina a prezzi ragionevoli nelle vicinanze, ma a causa di un errore di input nella navigazione, superiamo solo una fabbrica Pagani abbandonata (c è il fine settimana, ovviamente) nel mezzo di una zona industriale senza vita. Il tempo sta per scadere, quindi decidiamo di proseguire dritti verso la destinazione finale. Poi torna un altro anno per visitare da vicino le case automobilistiche italiane.

Divertimento sulle strade tortuose

Una volta in Toscana, siamo stanchi, ma non rotti. I sedili della Stelvio hanno svolto bene il loro lavoro e non hanno causato alcun (ulteriore) mal di schiena. Un ultimo viaggio a Roma per prendere il passeggero numero quattro, e voilà, permettendo allo Stelvio di scambiare la sua funzione di mulo da soma con quella di trasporto familiare per alcuni viaggi locali. Non riserva grosse sorprese, anche se l’aria condizionata non sembra così disposta a riscaldare l’auto dopo essere stata al sole per un po’.

Tra un viaggio e l’altro, sono stato in grado di sfruttare alcune volte il potenziale dinamico della Stelvio sulle strade tortuose e collinari della Toscana, dove si è affermata come un’auto sportiva dalle gambe alte. Il comfort rimane, ma l’agilità e la volontà di sterzata di questo SUV piuttosto grosso è semplicemente esemplare. L’auto è esattamente dove la vuoi, anche se c’è un po’ di sottosterzo se premi l’acceleratore troppo presto. Un vero tuttofare, questo Stelvio.

Maratona del ritorno a casa

E poi è il momento del ritorno, una maratona di oltre 1.400 km. La prima parte deve essere con quattro persone più tutti i bagagli, per lasciare il passeggero all’aeroporto di Firenze. Un affare serrato, che era possibile solo con una parte del sedile posteriore piatto: avevamo anche il vino e l’olio d’oliva necessari da portare a casa.

READ  La Germania chiede all'Italia di aiutare i migranti che galleggiano in mare da una settimana

Dopo Firenze, è arrivato il momento di riscaldarsi: la via più breve verso casa, per favore. Pessima decisione, si scopre, mentre ci avviciniamo al confine con la Svizzera: il GPS vuole portarci attraverso il tunnel del Monte Bianco, un taglio che ci costerebbe più di 50 euro! Decidiamo di deviare verso il tunnel del Gran San Bernardo – a seconda dei casi – che non solo offre una visuale migliore, ma costa anche circa 20 euro in meno. Il passaggio a un’alternativa gratuita richiederebbe troppo tempo.

Il viaggio attraverso la Svizzera è tranquillo, con un’altra splendida vista mentre passi il Lago di Ginevra. Ho già detto che la Svizzera è molto bella? Decidiamo di guidare più a lungo attraverso la Svizzera – comunque abbiamo già pagato questo pedaggio – per evitare i francesi pedaggi deve passare. Di conseguenza, finiamo per evitare completamente le autostrade francesi a pagamento e attraversare la campagna lungo la dipartimentale e strade nazionali. Offre un po’ più di varietà rispetto alle interminabili autostrade, ma allo stesso tempo la mancanza di stazioni di servizio con servizi igienici comincia a farsi sentire. Fortunatamente, un grande supermercato offre comodità.

Facciamo il pieno un’ultima volta in Lussemburgo – finalmente carburanti a prezzi bassi! – compriamo un altro panino lungo l’autostrada ed è iniziata la dirittura d’arrivo. L’attraversamento del confine con il Belgio si fa subito sentire, soprattutto la E411 è un orrore se hai appena lasciato le strade pianeggianti da biliardo in Svizzera. Dopo ben 17 ore in macchina arriviamo finalmente nel caldo Belgio, con i resti di migliaia di insetti come trofei di caccia sul muso dell’Alfa.

La nostra opinione

Quanto è buona l’Alfa Romeo Stelvio come auto da viaggio? In ogni caso, padroneggia molto bene le basi: dinamica eccellente, buon smorzamento e comfort di seduta sufficiente nella parte anteriore per poter percorrere lunghe distanze senza mal di schiena. Il sistema di infotainment è un po’ obsoleto, ma funziona bene e anche il suono degli altoparlanti è superiore alla media.

Tuttavia, il consumo è un po’ deludente, con una media di 8,7 litri su una distanza di quasi 4.000 km – non buono per il budget. Altri modelli ancora più grandi con motori comparabili ora fanno molto meglio. Inoltre, non c’è spazio in eccesso se si combinano passeggeri e bagagli, quindi si consiglia un imballaggio efficiente. Ma lo Stelvio non ci ha mai deluso e ci ha anche fatto divertire quando poteva. Un’esperienza positiva, ma forse da non ripetere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *