Test sierologici a professori e bidelli, la corsa contro il tempo delle Regioni. MMG: "Siamo ancora senza dispositivi di protezione"

Test sierologici a professori e bidelli, la corsa contro il tempo delle Regioni. MMG: “Siamo ancora senza dispositivi di protezione”

“Se non arrivano entro il 24 agosto i necessari dispositivi di protezione individuale a noi medici non potremo iniziare a fare nessun esame ”. Cinque giorni dopo l’inizio della campagna per la somministrazione volontaria di test sierologici su insegnanti e custodi per scoprire se sono entrati in contatto con il Covid-19, suona il campanello d’allarme Giacomo Caudo, il presidente della Federazione Italiana Medici di Famiglia (Fimmg), il sindacato più rappresentativo. Ma lui non è solo. Il 18 agosto il Unione Medici Italiani ha partecipato ad un tavolo presso il Ministero della Salute sul tema degli esami sierologici, ponendo un ulteriore problema: “Noi”, spiega il presidente Ludovico Abbaticchio, “Siamo disponibili ma a condizione che l’eventuale sanificazione dei nostri studi nel caso di un paziente affetto da Covid venga effettuata dalle autorità sanitarie locali e così anche l’esportazione quotidiana dei residui dei test”. Insomma, i medici non dovrebbero essere costretti “a partecipare alla campagna dei test capillari”. Lo SMI ha osservato che “è preferibile sottoporre il personale scolastico a sierologia venosa, nei distretti più sicuri per pazienti e operatori”. Al momento, tuttavia, non sono state indicate alternative dal ministero.

GP: “Siamo preoccupati, a pochi giorni dall’inizio della proiezione non abbiamo nemmeno il kit” – Lo screening dovrebbe partire la prossima settimana come previsto dalla circolare del ministero della salute emanata il 7 agosto, ma ad oggi i medici, secondo la denuncia della Federazione, non hanno ancora ricevuto né il kit necessario per l’esame né guanti, camici monouso e maschere Ffp2. Una denuncia che ricorda i momenti più critici della pandemia, quando gli stessi MMG avevano messo in guardia sulle poche protezioni. “Come sempre, siamo pronti”, continua Caudo, “per fare il nostro dovere. È un fardello di lavoro, ma di certo non ci tiriamo indietro. Tuttavia, è chiaro che abbiamo bisogno di dispositivi di protezione che siano utili sia per i medici che per proteggere i pazienti in caso di operatore sanitario infetto. Certamente non rimanderemo nessuno a casa senza test, ma questa non può essere la nostra risposta. Siamo preoccupati. A pochi giorni dall’inizio della proiezione non abbiamo ancora ricevuto nemmeno i kit. È anche chiaro che dovremo avere l’elenco dei docenti degli amministratori scolastici e non che decideranno di fare il test perché abbiamo solo la cartella clinica dei nostri clienti e non sempre conosciamo le loro professioni ”.

READ  MotoGP, GP d'Austria. Qualifiche da Spielberg: Vinales in pole, Dovizioso 4 °, Rossi 12 °

Acquistati due milioni di kit, ora il gioco è nelle mani delle Regioni – L’auto del Commissario straordinario per l’emergenza Covid 19 insieme a quella del Ministero della Salute e dell’Istruzione lavora da settimane a questo gioco. L’ordinanza del 24 luglio firmata da Domenico Arcuri, previsto per l’acquisto di due milioni di kit distribuiti alle Regioni entro il 10 agosto scorso. Mentre secondo la circolare del Ministero della Salute del 7 agosto scorso, è l’ASL a “garantire ai medici di loro competenza la fornitura di adeguati dispositivi di protezione individuale (guanti, camici monouso e mascherine), oltre a quelli ordinariamente in dotazione” .

Anche in questo caso il Commissario ha predisposto l’acquisto e ha già fornito alle Regioni il materiale necessario. E ora le regioni devono organizzarsi per avviare la mappatura. Arcuri ha inoltre affidato al Ministero dell’Istruzione l’incarico di fornire il Contabilità dello Stato (titolare della tessera sanitaria) l’elenco dei nominativi dei docenti, dei professori e del personale ATA delle scuole: attività già svolta da viale Trastevere nelle scorse settimane.

Chi sono i lavoratori coinvolti e come funzionerà – È un’operazione gigantesca che coinvolge il personale di asili nido, scuole materne, scuole primarie e secondarie, pubbliche, statali, paritarie e private. Secondo gli annunci, tutto inizierà il prossimo 24 agosto: i test verranno effettuati dai medici di base fino a una settimana prima dell’inizio delle attività didattiche. Chi lo desidera deve prenotare telefonicamente l’esame in modo da consentire al medico di organizzare il servizio. Chi, invece, lavora fuori sede e non potrà recarsi dal proprio medico, può chiedere che venga effettuato il test presso l’ufficio di prevenzione dell’Azienda sanitaria locale della zona in cui si trova la scuola di servizio . Per il personale che entra in servizio dopo l’inizio dell’anno scolastico, verranno effettuate prove prima dell’effettiva entrata in servizio.

READ  Tuta da lavoro, trovati i 25 mila dispersi nella sede del cognato di Fontana: sequestrati dalla Guardia di Finanza

A quel punto i medici di medicina generale trasmetteranno i dati relativi all’esito degli esami sierologici effettuati sui propri pazienti Reparti prevenzione Asl che a sua volta deve trasmetterli alla Regione o provincia autonoma di appartenenza, in forma aggregata, per sesso e fascia di età (18-34, 35-50, 51 e oltre). Quest’ultimo invierà il tutto all’Istituto Superiore di Sanità che informerà anche la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute.

Nel caso in cui un soggetto risulti positivo al test sierologico, il competente Dipartimento di prevenzione effettuerà il test molecolare, possibilmente entro 24 ore, e comunque non oltre 48 ore, dall’esito del test sierologico, e per svolgere eventuali ulteriori compiti di competenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Scuola, i presidi contro il CTS: “Vieni e costringi i bambini di sei anni a indossare maschere. Se lo tolgono, cosa fai? Una nota?”

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *