Thymen Arensman al Tour des Alpes: “Cinque giorni di gare aggressive”

Colloquio

Dopo tre settimane di allenamento in alta quota sul Teide, Thymen Arensman è di nuovo pronto per le gare. Al Tour des Alpes vuole correre in modo aggressivo per cinque giorni, al fianco di Romain Bardet. “In base al Giro d’Italia? Soprattutto per terminare bene il mio blocco di allenamento. Poi vedremo”.

Era lunedì mattina a Clez, in Italia, all’inizio del Giro delle Alpi, che Thymen Arensman (22) ci ha parlato per circa cinque minuti. Rispetto allo scorso anno, il climber DSM ha fatto un grande passo e spera di confermarlo questa settimana.

Com’è andato l’allenamento in quota, Thymen?
“Bene. Anche accogliente. Tre settimane sul Teide, in compagnia di Romain Bardet e Chris Hamilton. Buona compagnia, si sa. E con il cuoco di squadra. Abbiamo lavorato bene, ma ci siamo anche divertiti. Adesso non posso aspetta di correre di nuovo.

Per cosa sei qui?
“Correndo in modo aggressivo e terminando il nostro blocco di allenamento con un buon feeling. Poi ci rivedremo”.

Secondo il Giro d’Italia, supponiamo?
“La mia partecipazione al Giro non è stata ancora confermata. La squadra annuncerà la selezione la prossima settimana. Ma è ancora considerata e soppesata per quanto riguarda l’interpretazione della selezione.

Spero che tu sappia già se guidi il Giro. In caso contrario, sembra difficile prepararsi correttamente.
“Conosco il mio programma. Ma la squadra sceglie di annunciare subito la selezione completa. Quindi dovremo aspettare ancora un po'”.

Come vi comporterete tu e Romain Bardet questa settimana? Sia all’UAE Tour che alla Tirreno-Adriatico ne sei valsa la pena…
“Sì, è quello che penso anche io. E mi rende un po’ orgoglioso dirlo. Questo dimostra che ho fatto un buon passo. Vedremo come va qui. Come abbiamo detto, gareggeremo in modo aggressivo e poi vedremo dove si incaglia la nave.

READ  Il titolo italiano De Nora scende in IPO

Non c’è una gerarchia stabilita tra di voi prima dell’inizio di questa partita?
“Niente affatto. Voleremo dentro e poi vedremo dove andremo a finire. Penso anche che sia un modo molto carino di correre. Entrambi in un ruolo libero, quindi.

Team DSM prima della partenza del Tour des Alpes – foto: Cor Vos © 2022

Quanto a questo passo avanti, come lo spieghi?
“Ho un anno in più. Forse è solo questo il motivo. E l’anno scorso ho corso la Vuelta, il mio secondo Grand Tour. Inoltre, faccio del mio meglio in allenamento e con tutte le questioni periferiche. Sembra un’estensione del trend rialzista che ho iniziato quando sono diventato professionista. Il piano è di fare un passo in più ogni anno e sembra che io abbia fatto un passo verso la vetta del mondo quest’anno. Spero di poter continuare a farlo.

Dove vuoi finire tra qualche anno?
“È delicato. Per me, voglio solo ottenere il meglio da me stesso e dal mio corpo. Come persona e come pilota. Vedremo cosa significa effettivamente. Che sia tra i primi tre, i primi cinque o i primi venti di un Grand Tour, a patto di tirare fuori il meglio di me stesso”.

Romain Bardet è stato nominato leader del DSM, sembravi il suo servitore di lusso. Ma in questo momento sei quasi suo pari. come fai a gestirlo?
“La squadra ha un grande piano per me. Lo seguo, faccio solo le mie cose e alla fine sono le gambe a parlare. Anche in questo Tour of the Alps, tra l’altro. In realtà è abbastanza semplice.

Il team DSM ha finora raccolto pochi punti UCI quest’anno. Lo terrete a mente questa settimana?
“No, non importa. Non credo che a nessuno importi davvero di questo. Faremo le nostre cose e poi vedremo. Posso solo fare del mio meglio ogni giorno. Questo è tutto ciò su cui mi concentro”.

READ  "Ho apprezzato la serietà di Maldini"

Il direttore sportivo Matt Winston: “Piuttosto una o due vittorie di tappa che un buon piazzamento”.

“Perché non vogliamo confermare se al Giro correranno Thymen o Romain? Come dice Thymen, all’improvviso vogliamo far emergere la selezione ed è vero che gli ultimi pezzi del puzzle devono ancora essere messi a posto.

Winston conferma anche che i suoi piloti questa settimana sono principalmente concentrati sulle vittorie di tappa, non su una classifica finale, anche se ciò significa molti più punti UCI. “Francamente? Non ci interessano questi punti. Se otteniamo risultati, porta automaticamente punti. Ma non è un obiettivo”.

Infine, presentiamo ancora a Winston un dilemma. Una o due vittorie di tappa o un posto d’onore in classifica? “Senza dubbio: vittoria di tappa! Ecco perché anche questa settimana correremo in modo aggressivo. Abbiamo Thymen Arensman e Romain Bardet, ma non sottovaluto nemmeno Chris Hamilton”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *