“Tutti dovrebbero esercitare trenta minuti al giorno” – New Scientist

“Tutti dovrebbero esercitare trenta minuti al giorno” – New Scientist

Gli studenti che frequentano le lezioni con l'”insegnante di esercizi” Erik Scherder a partire da questa settimana riceveranno un primo. D’ora in poi, il professore di neuropsicologia interromperà le sue lezioni due volte per eseguire collettivamente un certo numero di esercizi di movimento.

Il neuropsicologo Erik Scherder continua la sua ricerca per far muovere di più gli olandesi con energia inalterata. Il fatto che il governo non abbia formulato nuove ambizioni nel campo della prevenzione, dell’esercizio e dello sport non cambia questo.

Quando Scherder è nei paraggi, di solito accade qualcosa di inaspettato. Il momento lui Il mondo va avanti chiede a Matthijs van Nieuwkerk se può partecipare e ora è un classico della TV. Proprio come il suo pubblico di teatro continuava a parlarne quando ha sentito il ritornello della canzone dei bambini durante uno spettacolo. Un olandese americano scommessa. Mentre cantava “Front to Back, Left to Right”, muoveva il suo corpo nella direzione esattamente opposta.


Non creare UFO più di quello che sono

LEGGI ANCHE
Non creare UFO più di quello che sono

In un caldo pomeriggio di luglio nel patio, Scherder ha appena trascorso 45 minuti parlando a lungo di ciò che accade al tuo corpo e al tuo cervello quando non ti muovi. Bene, non è una novità dalla sua bocca, ma Scherder dice di essere sinceramente deluso dal fatto che il nuovo governo, con due scienziati in posizioni ministeriali, ovviamente, non abbia raccolto nemmeno quel guanto di sfida. E anche ora Scherder sta facendo qualcosa di inaspettato.

“Un buon esempio è buono da seguire”, ha detto con un sorriso mentre spingeva da parte la sua tazza di caffè vuota e si alzava. “Non sono solo i bambini e gli anziani ad aver bisogno di più esercizio, ma anche i miei studenti. Per questo ho chiesto al rettore della VU University di Amsterdam il permesso di interrompere due volte il mio corso per un certo numero di esercizi.

READ  Causa nota dell'epidemia di salmonella nello stabilimento Ferrero: "La contaminazione è stata scoperta il 15 dicembre" | Interno

Osservato dalla gente sulla terrazza, esorta il giornalista ad alzarsi, poi piegare le ginocchia e fare i numeri da uno a dieci con le mani giunte in aria. ‘Fai questo più volte al giorno e sarai dentro non c’è tempo senti la differenza”, dice prima di prendere un sorso d’acqua.

Erik Scherder (a sinistra) e l’editore di New Scientist Jim Jansen sono in ginocchio. Foto: Eddy Ellert.

Cosa possono aspettarsi esattamente i tuoi studenti?

“Dal 1 settembre li tirerò fuori dalle panchine ogni mezz’ora e farò esercizi con loro, proprio come ho appena fatto i numeri con te. Ci vogliono tre minuti. Spero che facciano un po’ di soldi. Università VU l’università più sportiva nei Paesi Bassi e cosa penseranno le altre università: lì sta succedendo qualcosa.

Il motivo per cui lo faccio è semplice. L’esercizio fisico ti rende sensibile all’insulina. Ciò riduce il rischio di diabete-2, malattie cardiovascolari e obesità. Esattamente i problemi che affrontiamo nel mondo. Al termine degli esercizi, la circolazione sanguigna viene ripristinata e l’equilibrio glicemico è di nuovo corretto.

Non solo all’università, ma anche nell’istruzione primaria, c’è troppo poco esercizio.

‘Sono molto preoccupato per questo. L’educazione musicale fu abbandonata a favore dell’aritmetica e del linguaggio. E cosa succede dopo cinque anni? Il livello in matematica non è migliorato, anzi, è peggiorato.

Il movimento, come la musica, fa bene allo sviluppo del cervello dei bambini. Se lo incorpori nel curriculum, cose come la matematica e la lingua possono effettivamente migliorare.

Qual è davvero il problema?

“Mancanza di conoscenza e mancanza di coraggio. Mi dispiace, ma non ho una risposta migliore. Non capisco. Se includi un argomento come la musica nel programma, il coltello taglia in entrambi i modi. Allevi il peso dell’istruzione regolare, l’insegnante ottiene una pausa e l’ambiente per il bambino in crescita si arricchisce.

READ  Allerta meteo, ciclone polare sull'Italia: violenti temporali, bufere di neve in pianura - DIRETTA

A volte lo è già. Dennis Wiersma, ministro dell’Istruzione primaria e secondaria, la chiama con orgoglio “la scuola ricca”.

“Posso rispondere a questo solo in un modo, ed è con la parola ‘triste’. È quello che ho detto al ministro quando gli ho parlato alcuni mesi fa. I suoi predecessori hanno tutti impoverito l’istruzione concentrandosi continuamente sui punteggi del cito e ora viene con quella che lui chiama scuola ricca costringiamo i nostri figli ad andare a scuola per lo sviluppo cognitivo ma lo sviluppo fisico non è ancora un problema purtroppo, dopo la conversazione con Wiersma, non l’ho più sentito.

sportIl professor Erik Scherder. Foto: Eddy Ellert.

Chiedi anche a Robbert Dijkgraaf, ministro dell’Istruzione, della cultura e della scienza.

“Abbiamo un professore di fisica come ministro. Quale altro paese può dirlo? Può dire come nessun altro l’influenza positiva che l’arte ha sul cervello. Dovrebbe certamente anche sapere che questo vale anche per l’esercizio. Ad esempio, i bambini dell’istruzione secondaria pre-professionale si siedono troppo. Può cambiarlo. Deve solo prendere l’iniziativa, proprio come faccio io ora alla Free University. È l’ambiente arricchito che stimola il bambino in diversi modi. Allora dovresti vedere cosa succede al cervello.

Quello che dici non è nuovo. Ne ha già parlato l’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’OMS mancanza di movimento.

‘È vero. Dieci anni dopo, poco è cambiato. Gli ambienti ufficiali parlano ancora del 2040, il che significa che al contrario, il governo ha bisogno di trent’anni per apportare questo cambiamento. Vogliono che il 75% delle persone soddisfi lo standard di attività fisica.

La cosa triste è che questo standard è ormai obsoleto. Dovrebbe essere esercitato un minimo di 150 minuti di esercizio a settimana e l’obiettivo dovrebbe essere quello di mirare ad almeno 210 minuti a settimana. È come dire che tutti dovrebbero allenarsi per 30 minuti al giorno alla volta.

READ  Le istituzioni dovrebbero sostenere meglio la salute mentale degli studenti

In che misura puoi, come governo, imporre una cosa del genere?

“Un provvedimento semplice, come l’interruzione della frequenza scolastica, non mi sembra molto difficile. Seduto per mezz’ora, muovendoti per tre minuti, e durante questo tempo puoi anche risolvere delle somme. È bellissimo ? Non costa un euro in più. Puoi vederlo come un inizio. La proverbiale pietra nello stagno.

Ma sono favorevole a molte altre misure. Il Ministero dell’Istruzione dovrebbe infatti essere rinominato Ministero dello Sviluppo. Perché riguarda lo sviluppo cognitivo e fisico dei bambini. Entra in una scuola e nessun bambino può ancora arrampicarsi sulla corda. È impossibile?’

Ti conosciamo come l’insegnante allegro che Il mondo va avanti monta sul tavolo e in teatro il coro di Un olandese americano cantato. Sembri davvero arrabbiato.

“Non sono arrabbiato, ma voglio sottolineare la gravità della mancanza di esercizio. Chiamatela combattiva. Ho un po’ chiuso con le storielle. Se vengo invitato da un ministero solo per la forma, senza intenzione per cambiare davvero qualcosa, non ci vado più. Risparmio di tempo. Sul palco chiedo anche alla gente: andiamo o no? Posso farlo anche con un sorriso, tra l’altro.

CV Erik Scherder
Erik Scherder è Professore di Neuropsicologia alla Libera Università di Amsterdam e Professore di Scienze Motorie all’Università di Groningen. Di recente ha ricevuto un dottorato honoris causa dalla Open University di Heerlen. Scherder si impegna a far sì che le persone si esercitino di più. Si esibisce regolarmente a teatro per parlare del suo campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *