Un gruppo di accademici lancia una hotline per “incidenti di risveglio”

Un gruppo di accademici lancia una hotline per “incidenti di risveglio”

Alcuni studiosi “preoccupati per l’attivismo risvegliato e la cancellazione culturale” si uniscono sotto il nome di Ipazia. Anche il sociologo Mark Elchardus (VUB) si unisce al collettivo. “I reclami saranno attentamente esaminati”.

Secondo gli studiosi, era il sospensione di due dipendenti di UAntwerp la scorsa estate che hanno rotto il secchio. Secondo il rettore Herman Van Goethem, i due uomini avevano rilasciato “dichiarazioni inammissibili”, in particolare su studenti di origine marocchina. Tuttavia, i critici della sospensione hanno insistito sul fatto che i dipendenti non fossero a conoscenza di essere filmati. Le immagini sono state distribuite illegalmente. Nel frattempo, ha riferito Van Goethem in Cosail duo è tornato al lavoro.

Per la linguista Astrid Elbers e l’avvocato Leo Neels, che avevano avviato una petizione per i dipendenti, questo incidente fu il motivo della creazione di Ipazia. Questo collettivo si descrive come un gruppo di studiosi “preoccupati per la minaccia alla libertà accademica e alla libertà di espressione rappresentata dall’attivismo risvegliato e dalla cancellazione culturale”.

Leggi di più sotto l’articolo

spazi sicuri

In un pezzo di opinione a Cosa il collettivo indica un incidente intorno a una serie di conferenze sulle persone trans ad Anversa. Questa idea è venuta criticotra l’altro dalla scelta dei relatori, dall’uso delle parole nei manifesti e dalle immagini utilizzate.

Secondo i membri di Hypatia, l’incidente “mostra come le università calpestano la libertà di parola e accademica nei loro frenetici sforzi per spazi sicuri voler essere”.

Il collettivo è più grande della semplice Università di Anversa. I membri principali sono il criminologo Marc Cools (UGent), il chirurgo vascolare Dimitri Aerden (VUB) e Paul Cliteur dell’Università di Leida. Quest’ultimo è conosciuto nei Paesi Bassi come ex senatore (ma ancora simpatizzante) del Forum for Democracy di estrema destra di Thierry Baudet, il cui teorie cospirazioniste influenzare la politica olandese.

READ  Un ex dottore commercialista non può cancellare la sua buona volontà in tre anni

Anche il sociologo Mark Elchardus (VUB) ha prestato il suo sostegno a Ipazia. “Anche qui, nel nostro Paese, stiamo ricevendo segnali che ci preoccupano sulla libertà accademica. Vogliamo mettere in guardia su ciò che è possibile, ma abbiamo anche l’ambizione di diventare qualcosa a cui le persone possono rivolgersi quando sentono che la loro libertà è limitata.

Notevole: sul sito di Ipazia, i visitatori possono anche andare a a linea diretta. “Vorresti segnalare un incidente al risveglio?” così si dice. O hai un’altra domanda o commento? Puoi farlo qui.’

Una cosa del genere potrebbe non essere priva di polemiche: i critici la vedranno rapidamente come una sorta di “clickline”. Ma secondo Elchardus la hotline, che nella pratica non ha ancora preso forma, è un “punto di partenza”. I reclami saranno esaminati attentamente. L’intenzione è che ne impariamo: come mettere in atto procedure che garantiscano la libertà accademica?

Leggi di più sotto l’articolo

Lingua e letteratura

Secondo Walter Weyns (UAntwerp), sociologo e autore di Chi si è svegliato cosa?, il raggruppamento non è affatto il primo del suo genere. ‘Anche in Paesi Bassi, Francia, Regno Unito e Stati Uniti hanno formato organizzazioni di persone preoccupate per la libertà accademica. Ipazia riflette esplicitamente la discendenza americana Accademia eterodossache è stato co-fondato dal famoso psicologo sociale Jonathan Haidt.

Weyns può capire le motivazioni di Elchardus e co. “Non esiste un vero movimento organizzato che voglia limitare la libertà accademica, ma abbiamo la sensazione che oggi sia più difficile discutere di argomenti delicati. Ciò minaccia il nucleo dell’atmosfera universitaria: l’apertura di pensiero.

Proprio questa settimana è scoppiata una polemica all’Università di Amsterdam per una dichiarazione di uno scienziato sociale. In un pezzo di opinione per una rivista universitaria, ha definito la non binarietà (non scegliere né maschio né femmina come identità di genere) un fenomeno “pseudo-scientifico” e “campagna vuota”. L’università ha preso le distanze dalla dichiarazione dei dipendenti, chiedono diversi studenti sospensione.

READ  Perché la tua palpebra si contrae e cosa puoi fare al riguardo?

Secondo il sociologo, la pressione arriva soprattutto dalle giovani generazioni. “Attraverso il loro uso dei media, ricevono molti input dal mondo anglosassone, dove i dibattiti sull’identità sono più intensi. Questo diventa subito chiaro in discipline come Lingua e Letteratura, dove il canone è sempre più criticato per essere troppo poco femminile, colorito o non binario.

Oltre alla comprensione per il gruppo, Walter Weyns ha anche delle riserve su Ipazia. “Ci sono buone probabilità che ora i ranghi vengano serrati e che appaia una sorta di formazione o rigidità del partito. Il rischio di una conversazione sorda aumenta. È un punto di vista ingenuo, ma prima prova ad ascoltarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *