Un mistero extraterrestre sta facendo il giro del web: cos’è Tabby’s Star?

La strana luminosità di questa stella è al centro di molte teorie. Uno dei tanti è da attribuire alla natura extraterrestre. Dalla NASA arrivano nuovi dettagli sulla sua natura misteriosa.

Il mistero della star di Tabby – Computermagazine.it

Scoperta per la prima volta da Tabetha Boyajian, la famosa star che ha fatto molto parlare in questi mesi, deve il suo nome all’astronomo. Il vero nome della star è KIC 8462852, noto a tutti i fan come “Tabby’s Star”. La NASA ha trasmesso alcuni dettagli che potrebbero alimentare il mistero attorno alla vicenda che, nel frattempo, si è spopolata sui social network. Sempre dritto Twitter milioni di fari cercano di puntare i riflettori l’uno sull’altro. Nonostante tutte le diverse teorie, non siamo in grado di fornire una spiegazione scientifica per le variazioni di luminosità.

Il mistero delle stelle tabby

La Star Tabby, a differenza di qualsiasi altra stella conosciuta, ha visto la sua luminosità variare fino al 22% in un solo giorno. Tuttavia, l’oscuramento della luce non sembra ripetersi regolarmente, come accadrebbe se un pianeta gli passasse davanti bloccando parte della sua luce. E, se non è un pianeta in transito, quale tipo di stella potrebbe spiegare i cali intermittenti di luminosità di questa stella? È così che, per spiegare lo strano fenomeno, sono state evocate teorie extraterrestri. Anche gli astronomi che hanno studiato i fenomeni di oscuramento della stella sono rimasti sorpresi da questo comportamento.

La stella è famosa per i suoi improvvisi cali di luminosità – Computermagazine.it

Spiegazioni scientifiche del fenomeno della diminuzione della luminosità

La particolarità che renderebbe questa stella appetibile per qualsiasi astronomo esperto è proprio il rapido decremento della luminosità e il suo graduale recupero. Ci sono diverse spiegazioni che potrebbero far luce su ciò che sta accadendo nello spazio. La prima riguarda la presenza di una nuvola di polvere in orbita attorno a una stella, come una sorta di struttura discoidale di gas e polvere, chiamata disco protoplanetario. Purtroppo la teoria è difficile da confermare perché, nonostante le diverse simulazioni, non è stato possibile trovare coincidenze con i dati di osservazione. La seconda spiegazione riguarda la presenza di un pianeta gassoso con anelli enormi, molto più larghi di quelli di Saturno. Secondo l’ipotesi, sarebbero gli anelli di questo pianeta a causare l’improvviso calo di luminosità. Purtroppo tutte le ipotesi, per quanto plausibili possano essere, non hanno ricevuto conferma. I risultati ci portano a credere che il mistero sia ancora vivo. Sono necessarie ancora molte osservazioni per comprendere appieno la verità.

READ  Focolaio all'ospedale di Sassuolo, 15 pazienti positivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.