“Un piacere lavorare all’Excelsior Maassluis” – Haaglanden football

Ha iniziato la sua quinta stagione come allenatore dell’Excelsior Maassluis e Dogan Corneille sta ancora fischiando nel suo club, dice. Abbiamo voluto rifare una storia con lui, perché con Dogan si può parlare bene, soprattutto di calcio, il gioco che ama tanto.

Testo: Jan Schoonen

Cinque anni con la stessa squadra di calcio; questo non è mai successo a Corneille. Come fa a resistere così a lungo a Maassluis? Con cosa si diverte lì? Qual è l’intensità del lavoro in un club che gioca in seconda divisione? Come sta la sua squadra? Domande a Dogan Corneille, in cui si apre prima dell’allenamento di martedì sera.

Quando è iniziata la preparazione della tua selezione?

“Il 4 luglio. Ma io non c’ero. Mi sono unito solo dopo, perché mi sono sposato il 1 luglio e poi siamo andati per qualche settimana in Italia, in Toscana.

Non c’eri dall’inizio? Deve essere stato strano per tutti.

“Va bene. Quasi nessuno ha fatto qualcosa al club. Avevo annunciato la data del mio matrimonio con largo anticipo. A proposito, trovare una data adatta è stato difficile, perché dopo il corona c’è stata una sorta di recupero in corso. È sembra che tutti si stiano per sposare, haha. Quindi trovare un luogo adatto per il matrimonio è stato piuttosto difficile. Siamo finiti al Dudok In Het Park a Rotterdam e abbiamo trascorso una giornata meravigliosa. E poi siamo partiti per l’Italia.

E nel frattempo, c’è stato un sacco di allenamento qui. Hai avuto frequenti contatti con le persone del club durante la tua luna di miele?

,,Oh no. La formazione è stata rilevata da Barry de Vreede e Vincent van den Berg. Barry è un ragazzo esperto, che vaga qui da molti anni e conosce le basi. Ha osservato gli onori con Vincent. Dall’Italia ho visto solo via Internet la partita di allenamento contro Telstar. A parte questo, non ho avuto molti contatti con Barry o con Vincent. Sapevano già cosa fare.

READ  "Possibile collegamento con trombosi rare, ma i benefici superano i rischi" - Corriere.it

Ne hai discusso attentamente prima di partire?

,,Sì, ma in effetti sapevano in anticipo come faccio una preparazione. Barry l’ha fatto quattro volte con me. Tale preparazione non differisce molto dall’anno precedente, solo gli accenti a volte sono posti in modo diverso. L’unica cosa che abbiamo fatto diversamente questa volta rispetto all’ultima volta è che ci concentreremo maggiormente sulla prevenzione dei gol subiti. La scorsa stagione abbiamo subito troppi gol ed è per questo che ora ci concentriamo un po’ di più sulla difesa. Barry stesso era un difensore come giocatore di football, quindi è stato utile che fosse responsabile delle prime sessioni di allenamento da quella prospettiva. Sapevo che la formazione era in buone mani con lui e con Vincent. Dall’Italia, quindi non ho mai avuto la sensazione di doverli chiamare ogni volta. A questo proposito, ho trascorso alcune meravigliose settimane di vacanza con mia moglie Hanneke.

Ogni allenatore è sempre e ovunque nella sua mente impegnato con la sua squadra. Quale giocatore devo posizionare in quale posizione? Come voglio che venga giocato? Come farò a renderlo chiaro ai miei giocatori? Cosa possiamo fare di meglio? Come dovrebbe essere migliore? Come adatterò di conseguenza i miei moduli di formazione? Sono tutti pensieri che attraversano costantemente la testa di ogni allenatore. Anche tu starai bene così. Quindi dev’essere una strana sensazione che non dovessi farlo durante quelle settimane in Italia? Deve essere stata la prima volta dopo tanto tempo.

,,È vero. Sono sempre impegnato con la mia squadra. Ho un lavoro di quaranta ore a settimana nel comune dell’Aia e questo lavoro è piuttosto intenso eppure la mia mente a volte vaga verso il calcio. E anche a casa sei molto spesso impegnato. In luna di miele in Italia, non è stato necessario per alcune settimane. Non pensare al tuo lavoro all’Aia e non essere impegnato con le tue attività di formazione all’Excelsior Maassluis; è stato bello. Finalmente è stata una vera vacanza. È stata una luna di miele molto rilassata. L’ultima volta che l’ho sperimentato come assistente allenatore al Willem II.

Hai detto di aver visto la partita contro Telstar su Internet. Nel frattempo, la tua squadra ha giocato a calcio anche contro ADO Den Haag e OFI Creta. E tu eri di nuovo lì come allenatore. Come pensi che stia andando la tua squadra?

“Penso che sia meglio dell’anno scorso in questo momento. Era 0-0 contro Telstar, ma avremmo dovuto vincere quella partita perché abbiamo giocato bene. E contro ADO Den Haag e OFI Crete siamo riusciti a prevenire i gol per molto tempo. Dopo aver portato alcuni giovani giocatori, sono arrivati ​​i gol subiti. Finora abbiamo fatto molto bene. La preparazione con il focus sulla difesa ora è diversa dal solito, ma penso che vada bene. La scorsa stagione abbiamo vinto contro squadre come Katwijk, Quick Boys, HHC Hardenberg, IJsselmeervogels e Royal HFC. Abbiamo battuto tutte le grandi squadre, non potevamo battere l’AFC. Se puoi farlo, devi segnare più punti contro squadre più piccole. L’abbiamo lasciato lì la scorsa stagione. Troppi gol subiti nelle orecchie perché non eravamo sempre attenti. Forse anche per ingenuità, mancanza di esperienza. A volte mancava la vera voglia di vincere, così come la forza mentale. Come allenatore, ti chiedi sempre cosa può essere migliorato e come può essere migliorato, e sei costantemente in conversazione con Barry e Vincent a riguardo. Da segnalare anche la professionalità. Ti faccio un esempio. Abbiamo perso tutte le nostre partite sull’erba la scorsa stagione. Erano le sei. Al De Treffers giocavamo anche a calcio su erba. C’è stato un forte acquazzone poco prima dell’inizio della partita e una volta iniziata la partita molti dei nostri giocatori sono scivolati. Nessuno aveva spilli sotto le scarpe, anche se abbiamo avvertito che l’erba sarebbe stata scivolosa per la pioggia. Tali cose devono essere diverse. Ecco perché, come allenatore, sei in costante dialogo con i tuoi giocatori. Tu spieghi le cose al gruppo e metti da parte i giocatori. Quando ho lavorato al Willem II, nulla è stato lasciato al caso. Ogni partita, ogni allenamento è stato filmato con un drone e i giocatori sono stati smontati ogni giorno, mostrando filmati. ‘Senti amico, è andato storto anche qua e là’, si sarebbe strofinato sotto il naso. È successo tutti i giorni. Non voglio farlo in questo modo perché in questo modo ottieni ogni intuizione dai tuoi giocatori e alcuni calciatori devono giocare sull’intuizione perché sono i più forti. Ho anche pensato che non dovremmo avere troppi giocatori che giocano sull’intuizione. Troppi di questi giocatori non sono pratici per un allenatore, ma i pochi che lo fanno dovrebbero lasciarglieli. Sono molto felice di aver avuto un secondo assistente con Vincent van de Berg. Mi dà l’opportunità di parlare con un giocatore individualmente più spesso, anche quando è in corso l’allenamento. L’arrivo di Vincent mi dà più libertà d’azione. Inoltre, l’introduzione di InStat, un programma di analisi di video e dati che tiene traccia dei giocatori, amplia anche le mie possibilità come allenatore. I giocatori ora ricevono foto di se stessi ogni settimana e puoi anche raccontarglielo. Tutto questo dovrebbe aiutare a sensibilizzare i giocatori su cosa fare e cosa non fare in campo.

Cosa dovrebbero fare i tuoi giocatori? E cosa non dovrebbero fare?

,,Il punto di partenza è 5-3-2, ma questo è solo il punto di partenza, l’attaccapanni. Non sono un grande fan dei sistemi fissi. I sistemi non significano nulla per me. Con me, ogni giocatore ha la libertà di fare quello che vuole, ma deve vedere dove c’è lo spazio per fare qualcosa e deve anche sapere dove restarne fuori. Se la tua squadra è in possesso di palla, deve essere creata una situazione di uomo fuori campo in ogni linea davanti alla palla. E non dovrebbero esserci troppi giocatori nelle corsie laterali del campo. In realtà solo uno. Quando hai la palla, non devi passare subito. Puoi anche guadagnare terreno camminando con la palla tra i piedi e questo spesso può essere molto sorprendente. Guarda dove si trova lo spazio e agisci di conseguenza. Intorno al giocatore che andrà a ritirare la palla, altri due o tre ragazzi devono muoversi intorno a lui. Devi farlo dappertutto. Tutta la tua squadra deve essere costantemente in movimento. Questi sono i dettagli di cui parli costantemente con i tuoi giocatori. Inoltre, modifichi di conseguenza i tuoi moduli di allenamento. In effetti, dovresti fare di tutto per disturbare il tuo avversario, ma poiché stai giocando contro buone squadre, cercheranno di fare lo stesso per te. Successivamente, devi anche sapere quali contromosse devi eseguire come squadra. Agire in un piccolo spazio è di vitale importanza. Gioca bene, non sempre nei piedi, ma preferibilmente un metro o un metro e mezzo davanti, in modo che lo slancio rimanga. Ecco perché spesso facciamo giocate di posizione nel piccolo spazio durante gli allenamenti, sei contro sei con due uomini in più. Ed è meglio. Vedo che tutte le cose di cui ho appena parlato diventano sempre più radicate.

Quindi ti aspetti tutto questo con fiducia?

,,In tutti gli anni in cui ho lavorato qui come allenatore, l’inizio della competizione è stato deludente. Anche l’anno in cui l’Excelsior Maasluis è diventato campione d’Olanda sotto la guida dell’allenatore Jeroen Rijsdijk, la squadra ha iniziato la stagione in modo deludente. Sarebbe bello se questa volta fossimo tra i primi cinque dopo dieci partite? Dà dinamismo, crea fiducia in se stessi. Come allenatore, una cosa del genere non può ovviamente essere fatta in anticipo, ma penso comunque che siamo sulla strada giusta. I giocatori ora sanno molto bene cosa mi aspetto da loro e questa volta non abbiamo avuto molti nuovi giocatori. Solo tre giocatori. Quindi non devo dirti cose nuove per la maggior parte dei miei giocatori ed è per questo che puoi entrare ancora più nel dettaglio”.

Questa sarà la tua quinta stagione all’Excelsior Maassluis. Non sei mai stato così a lungo in un club. Come fai a stare qui così a lungo?

“Persistenza non è la parola giusta. Mi diverto qui, ogni volta che vado al club con un ottimo feeling. C’è supporto qui, sono d’accordo con lo staff e le persone del club, la squadra sta crescendo e il club e i giocatori hanno ambizione. Sono sempre lì con grande piacere. In breve: è un piacere lavorare qui.

(Fonte: VoetbalRotterdam)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.