Un premio sanitario più alto per uno stile di vita malsano?

Un premio sanitario più alto per uno stile di vita malsano?

Scritto da Gert van Dijk, eticista presso KNMG e Erasmus MC.
Questa colonna è scritta a titolo personale.

Le persone con stili di vita malsani dovrebbero pagare più premi sanitari? Il quaranta per cento degli olandesi la pensa così, come ha dimostrato un recente studio ricercare dell’Istituto Superiore di Sanità. A prima vista, anche questo sembra logico. Dopotutto, chi inquina deve pagare? Ma non è così semplice.

Molte persone credono che uno stile di vita malsano porti a costi sanitari più elevati. Visto nel corso di una vita, tuttavia, questo è davvero il problema. In effetti, la prevenzione può portare anche a costi sanitari più elevati. Le malattie associate all’obesità e al fumo hanno spesso una durata relativamente breve. E queste malattie sono sostituite da altre malattie, come la demenza, in età avanzata. E la demenza è la malattia con il più alti costi sanitaripoiché questo porta all’impotenza a lungo termine. La mente costa di più. “La prevenzione fa poco per ridurre la spesa sanitaria”, conclude un recente studia allora. Anche il CPB trampoli inequivocabilmente: “Una vita più sana e quindi più lunga non porta a minori costi sanitari”. Mentre può essere bello trovare un capro espiatorio per l’aumento vertiginoso dei costi sanitari, le persone con uno stile di vita malsano non sono da biasimare per questo. La prevenzione è importante in molti modi, ma non per ridurre i costi sanitari.

In ogni caso, le persone sono responsabili della propria salute solo in misura molto limitata. La tua salute dipende principalmente dai tuoi geni, dal tuo ambiente di vita, dalla tua istruzione, dal tuo reddito, dal tipo di lavoro che svolgi e dalla tua istruzione. E questi sono tutti privilegi. Coloro che sono cresciuti con genitori che hanno fumato durante l’infanzia o che vanno a scuola ogni giorno con le patatine nel cestino del pranzo avranno molte più difficoltà a condurre una vita sana in seguito. Erediti uno stile di vita malsano dai tuoi genitori.

READ  “Variante inglese dominante. Abbiamo bisogno di un blocco regionale per poter fermare Covid "

Anche il denaro gioca un ruolo importante in uno stile di vita sano. Uno stile di vita sano è più costoso che malsano. E la povertà – a causa dello stress cronico che l’accompagna – abbassa il QI di 13 punti prendere† Chi si preoccupa solo se c’è abbastanza da mangiare non ha spazio nella testa per rendere quel cibo sano. La povertà mette il tuo cervello in modalità sopravvivenza.

In pratica, il proposto aumento del premio sanitario riguarderebbe principalmente le persone affette da una malattia cronica. E hanno già molto di più Spese sanitarie attraverso contributi personali, farmaci, adattamenti e ausili. Spesso hanno anche un reddito inferioreperché non possono lavorare o lavorare meno per malattia, o solo in posizioni meno retribuite. Essere malati cronici non è solo noioso, è anche molto costoso. Far loro pagare un premio sanitario più alto per “colpa loro” porta quindi a una dicotomia sociale ancora maggiore di quella attuale.

Ma sfortunatamente non a tutti importerà. Penso che la tendenza a ritenere le persone in cattive condizioni di salute responsabili della propria situazione faccia parte di un’evoluzione più ampia: quella dell’avanzata suprematismo sanitario† Come altre forme di suprematismo, come il bianco su nero o il maschio su femmina, il suprematismo sanitario presuppone che un certo gruppo di persone sia superiore a un altro gruppo. Nel suprematismo sanitario, le persone “sane” sono superiori alle persone “malsane”. Le persone “sane” dovrebbero quindi avere più diritti delle persone “malsane”.

Abbiamo assistito a questa forma di supremazia, ad esempio, durante la pandemia di COVID quando alcuni suggerito isolare temporaneamente le persone “malsane” o “vulnerabili” dal resto della società. Le persone “sane” – quelle che hanno relativamente meno probabilità di avere un decorso grave di COVID-19 – potrebbero quindi andare avanti con le loro vite.

READ  La linguista Cecilia Robustelli: "Le parole discriminano le donne, ma non è colpa dell'italiano"

Lo stesso disprezzo per le persone “malsane” si è manifestato anche nel rifiuto di alcune persone di indossare le mascherine: “Non ne ho bisogno perché sono sano”. Ma in realtà significava “non ho bisogno di protezione e le persone in cattive condizioni di salute non meritano la mia protezione”. Individualismo estremo.

Sono preoccupato per questo sviluppo. Perché pone la scure alle radici di una società unita. Perché amplifica la dicotomia esistente. Perché nega che la salute vada ben oltre la sua stessa responsabilità. Perché nega che ci siano strutture sociali che assicurano che le persone conducano vite malsane – e quindi non abbiamo nulla a che fare con questo. Perché nega che tutti possiamo e diventeremo vulnerabili. E alla fine, riguarda tutti noi.

Gert van Dijk, eticista presso KNMG e Erasmus MC
Twitter: @gert_van_dijk


Dilemmi etici: si verificano quotidianamente in sanità. Nelle sue colonne, l’etico di KNMG Gert van Dijk esplora nella pratica i dilemmi attuali.
Vuoi conoscere le questioni etiche?
L’Ethics Toolkit ti mostra la strada. Questo libro di riferimento online nel campo dell’etica medica include un piano pratico passo dopo passo, podcast sui dilemmi etici e informazioni accessibili come un’introduzione all’etica.


Altre cronache di Gert van Dijk


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *