Un segnale radio è stato rilevato da Proxima Centauri – Space & Astronomy

Un segnale radio anomalo è stato rilevato dagli astronomi del Breakthrough Listen Project con il radiotelescopio Parkes, situato in Australia. Proviene dalla direzione della stella più vicina al Sole, Proxima Centauri, distante 4.2 anni luce, ed è stata individuata analizzando i dati raccolti nel 2019. La notizia, pubblicata dalla stampa britannica, ha è stato visto con cautela da Seti (Search for Extraterrestrial Intelligence, che sul suo sito web rileva che le possibili fonti del segnale potrebbero essere diverse.

Il segnale, con una frequenza di trasmissione di 982 megahertz, non sembra provenire da un’antenna terrestre, potrebbe infatti provenire da un satellite orbitante. Ci sono oltre 2.700 satelliti in funzione in tutto il nostro pianeta. Ma se non fosse un segnale satellitare, cos’altro potrebbe essere? Seti spiega che è possibile che provenga da qualcosa dietro Proxima Centauri. Se non fosse di Proxima Centauri, potrebbe essere qualcos’altro che va ben oltre.

I segnali radio naturali, prodotti da quasar o pulsar, non sono a banda stretta e non sono limitati a una gamma ristretta di frequenze, come sembra essere questo segnale. “I segnali astronomici naturali – spiega all’ANSA Marta Burgay, ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) – sono generalmente su più frequenze in continuazione, non una sola come in questo caso. Noi terrestri invece trasmettiamo continuamente delle onde radio. con queste caratteristiche “. Basti ricordare che qualche anno fa, sempre dallo stesso telescopio, è stato captato un segnale radio che è stato poi scoperto prodotto dal forno a microonde del centro di ricezione della struttura.

READ  Non perdere la più bella congiunzione di marzo: 4 pianeti saranno visibili ad occhio nudo

Un’altra ipotesi è che si tratti di segnali radio naturali emessi da un pianeta con un forte campo magnetico, come quello di Giove. “Ci sono molte spiegazioni possibili, ma finché non lo sapremo – conclude Seti – dovremo continuare a considerare l’ipotesi aliena tra le possibilità”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA