Un supervulcano vicino Napoli sta per eruttare, ma nessuno sa quando |  All’estero

Un supervulcano vicino Napoli sta per eruttare, ma nessuno sa quando | All’estero

Campi Flegrei, un supervulcano vicino alla città italiana di Napoli, è vicino all’eruzione, secondo i ricercatori dell’University College di Londra e dell’Istituto Italiano di Vulcanologia. Un potenziale pericolo per circa tre milioni di persone.

Il terreno sotto Pozzuoli, una città a ovest di Napoli, si alza di circa 15 millimetri al mese. Questa deformazione della terra è accompagnata da terremoti, decine al giorno. La maggior parte ha una forza di circa 2 sulla scala Richter, ma a volte va anche più veloce.

“Ne ho avuto uno qualche settimana fa, era 3,5 sulla scala Richter.” Peppe Renzuto vive con la moglie olandese Iris de Brouwer appena fuori Pozzuoli. È nato e cresciuto nella regione. La casa di Peppe e Iris è ancora in zona rossa, il che significa che sono sostanzialmente in grave pericolo. “Se c’è un allarme, dobbiamo lasciare immediatamente la nostra casa e recarci al punto di raccolta a circa 100 metri da casa nostra. E questo può avvenire durante un’eruzione, che, come i terremoti, è difficilmente prevedibile.

KONTROLAB/LightRocket via Getty
© KONTROLAB/LightRocket via Getty

Piano di evacuazione

Tutti i comuni della zona hanno un piano di evacuazione in caso di problema: l’area deve essere bonificata entro 72 ore. Compresa la città di Napoli, rappresenta circa tre milioni di persone. Entro le prime dodici ore dall’allarme, le persone sono ancora autorizzate a partire con mezzi propri, dopodiché i residenti sono costretti a evacuare con autobus. Chi non ha alternative viene curato in altre parti d’Italia.

Giuseppe Mastrolorenzo si affaccia dalla terrazza sul tetto della sua residenza estiva sulla baia di Pozzuoli, epicentro dell’attività vulcanica. “In linea di principio, il vulcano può eruttare in qualsiasi momento.” Mastrolorenzo è vulcanologo dell’Istituto Italiano di Geologia e Vulcanologia, INGV. “Monitoriamo costantemente i Campi Flegrei e sappiamo esattamente cosa è successo al millisecondo, ma non possiamo prevedere cosa accadrà in un millisecondo, il sistema è troppo complesso per quello”.

READ  Le squadre di tennis di Italia e Stati Uniti nella finale della United Cup

I Campi Flegrei, letteralmente “i campi in fiamme”, sono un cosiddetto super vulcano. Un vulcano con un diametro compreso tra i 15 ei 18 chilometri e una quarantina di crateri più o meno grandi. I Campi Flegrei si trovano in gran parte sotto la città di Napoli e il Golfo di Pozzuoli a ovest della città. “Un’eruzione crea ogni volta nuovi crateri, quindi i crateri potrebbero formarsi nella stessa città di Napoli”.

Giuseppe Mastrolorenzo si affaccia dalla terrazza sul tetto della sua residenza estiva sulla baia di Pozzuoli, epicentro dell'attività vulcanica.
Giuseppe Mastrolorenzo si affaccia dalla terrazza sul tetto della sua residenza estiva sulla baia di Pozzuoli, epicentro dell’attività vulcanica. © Corbis tramite Getty Images

30.000 anni fa

L’ultima grandissima eruzione dei Campi Flegrei risale a trentamila anni fa, quando la zona fu inondata di lava e si formò la penisola su cui oggi sorge l’abitato di Pozzuoli. L’ultima eruzione risale al 1538, quando in pochi giorni si formò una nuova montagna durante un’eruzione relativamente debole, il Monte Nuovo. Questa eruzione è stata preceduta dalla stessa deformazione della Terra di oggi.

“Peppe è piuttosto sobrio, vero?” dice Iris de Brouwer in videochiamata dai Paesi Bassi, dove ora è in vacanza. “Sono molto più preoccupato dell’idea di vivere su un vulcano di lui.” Peppe ride, ci è abituato. “Quando il nostro primogenito andava al liceo, ho pensato, dovrei mandarlo a scuola in fondo al cratere o dovremmo mandarlo a scuola a Napoli, non proprio in cima al vulcano?” attualmente è vicino a un altro cratere. Non c’è molto che tu possa fare lì e non ti muovi neanche così velocemente.”

Iris de Brouwer e Peppe Renzuto
Iris de Brouwer e Peppe Renzuto © Immagine privata

Il terreno sta salendo

Nel Rione Terra, l’antico quartiere greco-romano di Pozzuoli, puoi vedere chiaramente cosa sta facendo il vulcano. Il porto interno del distretto è in gran parte asciutto, il terreno si è alzato così tanto che il livello dell’acqua del mare è sceso drasticamente. Le barche che sono ancora lì sono bloccate nel fango.

READ  Van Orsouw: "Ik hoop dat veel mensen mij weer willen steunen"

Nel 1972 questo quartiere fu evacuato in fretta e furia, cinquemila famiglie dovettero lasciare le loro case, perché la terra si stava già alzando e si temeva un’eruzione. Dieci anni dopo, quarantamila residenti della città dovettero lasciare le loro case. La domanda è se sia così anche adesso. “Non lo sappiamo”, dice il vulcanologo Mastrolorenzo, guardando il porto asciutto.

“Al momento ci sono due diverse teorie. Una dice che il sollevamento del suolo è causato dal riempimento di una camera magmatica, un’altra teoria dice che il terreno poroso si riempie di gas e liquidi e il suolo lo assorbe come una spugna. Secondo Mastrolorenzo non si può basare un piano di evacuazione su modelli contrastanti. “È una decisione politica. Il vulcano non lo ascolta.

“Pozzuoli è come la pasta del pane”, dice Gennaro, un anziano che mangia il gelato al porto. ,,La sera fai la pasta, poi la copri con un canovaccio e poi lievita, è Pozzuoli. Può continuare a crescere, può crollare o addirittura esplodere. Noi non sappiamo.”

KONTROLAB/LightRocket via Getty
© KONTROLAB/LightRocket via Getty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *