Una capra può stare tra l’uomo e la sua salute

Una capra può stare tra l’uomo e la sua salute

C’è un puzzle nel soggiorno di Lidwien Smit (46). 200 pezzi, tutti con nomi scritti sul retro. “Non ho ancora avuto il tempo di farlo… Ma sulla scatola puoi vedere come dovrebbe essere.” Sorride e indica la foto: un primo piano di una capra. Un regalo appropriato per la sua conferenza inaugurale all’Università di Utrecht lo scorso aprile – i nomi vengono dagli ospiti. In passato, Smit ha condotto ricerche sulla febbre Q, la malattia infettiva che ha causato un’epidemia nelle capre da latte nei Paesi Bassi tra il 2007 e il 2011 e che si è poi diffusa nell’uomo.

È proprio l’interazione tra animali e umani che ora è anche al centro della sua attuale posizione di professore. una salute ed epidemiologia ambientale presso la Facoltà di Medicina Veterinaria. Cerca un modo sostenibile per bilanciare la salute delle persone, degli animali e degli ecosistemi. “Il termine una salute è definito dall’Organizzazione mondiale della sanità, dall’Organizzazione mondiale per la salute animale, dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura e dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente. Lo descrivono come un approccio interdisciplinare alle minacce alla salute e agli ecosistemi. Quindi, oltre a una buona assistenza sanitaria per gli esseri umani e gli animali, si tratta anche di nutrizione e clima, acqua pulita, energia pulita e aria pulita.

Un ambiente migliore inizia con “una salute”, dici nella tua lezione inaugurale. Cosa vuoi sapere?

“Sì, nella mia giovinezza, nei primi anni ’90, era in voga lo slogan “Un ambiente migliore inizia da se stessi”. A scuola facevamo progetti sulle piogge acide e ricordo di esserne rimasto profondamente colpito da bambino: volevo fare qualcosa anche per l’ambiente. Ma una politica ambientale sostenibile e strutturale richiede più della responsabilità individuale. Una salute offre una visione così ampia e sottolinea che non dovremmo vedere l’ambiente come un problema, ma come il fondamento di tutta la vita sulla terra. Il termine è stato ampiamente utilizzato solo da un’importante convenzione nel 2004.

Janet Elizabeth Lane-Claypon era alla culla della moderna epidemiologia più di cento anni fa

Questo non vuol dire che non ci fossero problemi di One Health in passato, ovviamente…

READ  Improvvisamente una foca nuota nel Lys: "Lascia stare l'animale, può mordere" (Gand)

“Senza dubbio. Pensa alla peste. Ora sappiamo che era dovuta a una zoonosi, una malattia infettiva trasmessa dagli animali all’uomo, in cui il batterio Yersinia pestis svolto un ruolo cruciale. Prima che le persone si rendessero conto che l’igiene era essenziale per prevenire le malattie, un gran numero di persone era già morto. Solo qui a Utrecht, un’epidemia nel 1636 uccise circa il 15% della popolazione.

“Ma certamente avevi già dei ricercatori che erano presenti una salutesoluzioni di pensiero. Ad esempio, mi sono imbattuto in Janet Elizabeth Lane-Claypon. Era alla culla della moderna epidemiologia più di cento anni fa. Adoro il fatto che sottolinei tutte le somiglianze tra i bisogni umani e quelli degli animali. Ad esempio, ha sottolineato l’importanza del latte materno per i piccoli di tutte le specie. Ha anche svolto ricerche biologiche sul latte di capra, tra le altre cose.

Anche queste capre hanno svolto un ruolo importante nella tua ricerca.

“Sì, nel 2008 ho conseguito il dottorato di ricerca sull’esposizione agricola a particolato ed endotossine, tossine che vengono escrete dai batteri. Dopodiché, ho lavorato a Parigi per un altro anno e mezzo, poi sono tornato e l’epidemia di febbre Q era in pieno svolgimento, e ho iniziato a fare ricerche epidemiologiche ambientali sulle capre della zona.

Dopo il 2010, la febbre Q era sotto controllo, mentre la polmonite continua ad aumentare intorno agli allevamenti di capre

Cos’è l’epidemiologia ambientale?

“Questo è un campo in cui, proprio come l’epidemiologia ‘classica’, ci interessa la diffusione delle malattie, ma in particolare in relazione ai fattori ambientali. Quindi, ad esempio, microrganismi e sostanze chimiche, ma anche influenze sociali o economiche. Quello che mi piace è che è molto pratico e socialmente orientato. Ad esempio, come parte del follow-up dello studio sulla febbre Q, abbiamo utilizzato i dati dei medici generici e abbiamo scoperto che c’era un tasso di polmonite molto più elevato intorno agli allevamenti di capre che altrove. Abbiamo cercato se ci potessero essere altre spiegazioni, ma non è stato così.

READ  un enigma per gli scienziati

Cosa ha causato queste polmoniti?

“Fino al 2010 il colpevole era comunque il batterio Coxiella burnetii, che viene escreto in grandi quantità durante gli aborti spontanei di capre infette e sopravvive bene nell’aria. È sufficiente inalare relativamente poche particelle per essere infettati. Successivamente, abbiamo anche confermato attraverso esami del sangue che c’era un chiaro effetto di febbre Q tra i residenti locali. Ma dopo il 2010, la febbre Q era sotto controllo, mentre la polmonite continua ad aumentare intorno agli allevamenti di capre. Ora stiamo studiando come ciò sia possibile.

È difficile preservare gli interessi sanitari delle persone, degli animali e dell’ambiente?

“Certamente, i conflitti di interesse a volte sono enormi. Prendere in considerazione l’adeguamento delle stalle a causa della riduzione dell’ammoniaca, che a sua volta influisce sul benessere degli animali. Se regoli il pavimento della stalla per separare meglio l’urina e le feci, potrebbe significare che le mucche si lamentano dei loro zoccoli a causa della differenza di superficie. Quindi la sfida è guardare con a una salute– guarda: come puoi includere tutte queste sfaccettature?

“I Paesi Bassi sono un paese interessante sotto questo aspetto. Siamo uno dei paesi più densamente popolati del mondo, viviamo in un delta basso con un’infrastruttura internazionale che ci mette in contatto con persone, animali e microrganismi provenienti da tutto il mondo. E poi abbiamo anche circa dodici milioni di maiali, cento milioni di polli da carne e galline ovaiole, quattro milioni di mucche e vitelli, mezzo milione di capre, 850.000 pecore e 27 milioni di animali domestici. Difficilmente puoi diventare più affascinante.

Questa scarsa qualità dell’aria può significare che viviamo più di un anno in meno

Dove sono di nuovo le sfide?

READ  25 fatti sorprendenti sul cuore - Wel.nl

«Incluse le emissioni di particelle fini. Il traffico sta diventando più pulito, ma anche l’allevamento intensivo di animali rimane una delle principali fonti di inquinamento atmosferico nei Paesi Bassi: circa il 30% di tutte le particelle fini proviene dall’agricoltura. Esiste un accordo sulla qualità dell’aria nei Paesi Bassi, ma è rispettato a malapena. Forse perché l’inquinamento atmosferico è così invisibile. Non lo vedi, non lo senti, pensi: oh, che bel cielo azzurro. Ma questa scarsa qualità dell’aria può significare che viviamo più di un anno in meno, secondo gli ultimi calcoli.

Hai la tua bici da corsa. Hai ancora il coraggio di andare in bicicletta quando si tratta di inquinamento atmosferico?

“Fortunatamente. Quasi ovunque nel mondo, è sempre meglio scegliere di stare fuori e fare esercizio piuttosto che stare seduti esclusivamente a casa o in macchina. L’esercizio fisico è importante anche per la tua salute .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *