Una prima: un meteorite al di fuori del nostro sistema solare colpisce la Terra

Una prima: un meteorite al di fuori del nostro sistema solare colpisce la Terra

immagine a tema

immagine a tema © Shutterstock

Gli scienziati hanno determinato per la prima volta che un meteorite al di fuori del nostro sistema solare ha colpito la Terra. Lo afferma un documento dell’American Space Command.

jvhFonteCNN

Il meteorite “CNEOS 2014-01-08” ha colpito la Terra l’8 gennaio 2014, da qualche parte lungo la costa nord-orientale della Papua Nuova Guinea. L’orbita del meteorite mostra che non ha ruotato attorno al sole, come la maggior parte dei meteoriti che hanno colpito la Terra, ma ha avuto origine da un altro sistema solare. “Presumibilmente, il meteorite è stato prodotto da un’altra stella, catapultata fuori da questo sistema solare da una collisione, e la roccia si è scontrata con la Terra quasi per caso”, ha detto Amir Siraj.

Siraj ha fatto la scoperta nel 2019, mentre era studente all’Università di Harvard. Tuttavia, poiché si è basato sui dati del database CNEOS dell’agenzia spaziale statunitense, la cui affidabilità è sconosciuta, la scoperta non è stata confermata ufficialmente. Siraj ha detto di aver già rinunciato alla speranza della fama eterna, ma di recente ha indagato Comando spaziale, parte dell’esercito americano, le scoperte di Siraj e ha confermato la sua conclusione. “Pensavo che la mia scoperta fosse bloccata da qualche parte nel vortice del governo. Quando ho ricevuto la lettera dal Ministero della Difesa, è stato un momento incredibile”, ha detto l’astronomo.

Siraj ora sta valutando se organizzare una spedizione per trovare il meteorite, ma ammette che sarebbe un compito particolarmente difficile: la roccia è presumibilmente atterrata nell’Oceano Pacifico. Tuttavia, una tale scoperta sarebbe “il Santo Graal degli oggetti interstellari”, ha detto Siraj. “Ci aiuterebbe ad acquisire conoscenze rivoluzionarie sull’universo al di là del nostro sistema solare”.

READ  "Gli escrementi di topo congelati erano esattamente ciò di cui avevamo bisogno per la nostra ricerca sul cancro al colon"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *