Una vasta collezione di blocchi di vento costringe il rover Curiosity a girarsi

Una vasta collezione di blocchi di vento costringe il rover Curiosity a girarsi

Il team della missione vuole evitare che le ruote del rover si consumino inutilmente. Così è stato tracciato un nuovo percorso.

Il rover Mars Curiosity ha trascorso la maggior parte di marzo scalando il cosiddetto frontone di Greenheugh, un’aspra scarpata di arenaria. Il rover ha raggiunto brevemente il lato nord di questa collina due anni fa, ora era il turno del lato sud. Sfortunatamente, il rover su Marte può ancora girarsi. Perché una vasta collezione di sassi affilati come rasoi blocca il suo cammino.

Scopri di più su Greenheugh Fronton
Greenheugh Fronton è un pendio vicino alla base del Monte Sharp largo circa due chilometri. Il team della missione Curiosity ha notato per la prima volta questa pendenza nelle immagini orbitali prima che il rover atterrasse sul Pianeta Rosso nel 2012. Il frontone è una sorprendente “sporgenza”. I ricercatori hanno quindi voluto capire meglio come si è formato.

Mentre Curiosity risaliva il pendio, il team della missione ha visto inaspettatamente dei massi di vento che incombevano sulla superficie del frontone di Greenheugh. La squadra si rese presto conto che il rover avrebbe fatto meglio a girarsi. Ad esempio, il percorso di Curiosity era coperto da più massi di quanti ne avessero mai visti durante la missione decennale del rover. “Era chiaro che questo non sarebbe stato un bene per le ruote di Curiosity”, ha affermato il project manager Megan Lin.

Non ne vale la pena
Una roccia del vento è una pietra che è stata frantumata sotto l’influenza del vento e della sabbia. Gli esemplari incontrati da Curiosity sono realizzati in arenaria, il tipo di roccia più dura che il rover abbia mai visto su Marte fino ad oggi. Per inciso, il percorso non era del tutto impraticabile per Curiosity. “Semplicemente non ne vale la pena”, ha detto la NASA. “Oltre a rendere la salita piuttosto lenta, causerebbe anche un’usura extra delle ruote di Curiosity”.

Le Rocce del Vento viste attraverso gli occhi di Curiosity. Sfortunatamente, ciò significa che il rover può tornare indietro. Immagine: NASA/JPL-Caltech/MSSS

I blocchi di vento hanno lasciato segni sulle gomme di Curiosity all’inizio della missione. Da allora, gli ingegneri hanno trovato il modo di rallentare l’usura delle ruote. L’intenzione è che Curiosity sia in circolazione per un po’. E così tutto viene fatto per mantenere le ruote in “buone condizioni”. Ciò significa anche evitare il più possibile blocchi di vento o rocce simili.

READ  L'agricoltura intensiva è la causa del declino delle popolazioni di uccelli, praticamente nessun cambiamento climatico

svolta a destra
Tutto sommato, questo significa che Curiosity è autorizzata a tornare indietro. Nelle prossime settimane Curiosity affonderà di nuovo e tornerà dov’era prima: una zona di transizione tra un’area ricca di argilla e un’area con grandi quantità di sali minerali chiamati solfati. I minerali argillosi si sono formati quando la montagna era più umida, costellata di ruscelli e laghi. I sali potrebbero essersi formati quando il clima di Marte si è prosciugato nel tempo.

nuova strada
Nel frattempo è già stata tracciata una nuova rotta. Per il prossimo futuro, Curiosity continuerà a esplorare Mount Sharp, la montagna di tre miglia al centro del cratere Gale che il rover ha scalato dal 2014. Durante l’esplorazione, Curiosity sta studiando diversi strati sedimentari formati dall’acqua miliardi di anni fa.’ anni. Questi strati aiutano gli scienziati a capire se la vita microscopica sia mai esistita su Marte.

A proposito, dopo 10 anni di intense ricerche su Marte, Curiosity inizia a vibrare qua e là. Ad esempio, alcuni meccanismi di frenatura del braccio robotico che trasporta questo trapano risultano usurati. Tuttavia, Curiosity ha pezzi di ricambio che assicurano che il braccio possa continuare a funzionare. Gli ingegneri stanno ora studiando come far funzionare questo braccio robotico essenziale il più a lungo possibile.

La missione della curiosità

Curiosity è atterrato nel cratere Gale nell’agosto 2012 e negli ultimi anni ha svelato molti dei segreti del cratere. Ad esempio, il rover ha trovato forti indicazioni che il cratere fosse pieno d’acqua in passato. Questo spiega perché, ad esempio, prima sono state scoperte formazioni minerali† Al centro del cratere si trova il monte Aeolis Mons, o monte Sharp. Questa montagna è costituita da sedimenti depositati e in realtà forma una capsula del tempo: ogni strato racconta qualcosa di un periodo diverso della storia di Marte. Curiosity sta attualmente conducendo un’indagine approfondita su questa montagna. Speriamo che questo ci insegni molto sul passato del pianeta rosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *