Usa: da oggi impeachment contro Trump per incitamento alla rivolta, ma il verdetto preoccupa Biden

New York – Da ora in poi Donald Trump torna ad occupare il centro della scena politica americana, sicuramente da grande assente. L’ex presidente ha già fatto sapere che non sarebbe stato interrogato dal Senato, in una procedura di impeachment che considera incostituzionale. Ma per una settimana sarà protagonista, come gli ultimi quattro anni. Joe bidenuno spettatore preoccupato si chiede se alla fine non pagherà un prezzo politico per questo processo pubblico al suo predecessore.

È quindi oggi che il Senato di Washington apre ufficialmente l’impeachment. L’accusa è essenzialmente una sediziosa istigazione all’insurrezione (la definizione è “istigazione alla violenza contro le istituzioni degli Stati Uniti”), i fatti sono ancora freschi nella memoria del mondo: il violento assalto degli Stati Uniti. Capitol Congress del 6 gennaio ispirato dalle parole ardenti di un presidente che fino alla fine ha rifiutato di riconoscere la legittimità dell’elezione. Tra le prove a sostegno dell’accusa c’è l’intero discorso che Trump ha fatto ai suoi sostenitori riuniti quella mattina davanti alla Casa Bianca, le riprese dell’attacco alle forze dell’ordine e ai parlamentari, il raid al palazzo del Parlamento, il bilancio delle vittime di cinque, la scalata del massime autorità dello Stato (il vicepresidente Mike Pence, il presidente della Camera Nancy Pelosi, il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell e molti altri), il bivacco degli aggressori all’interno del Congresso. In difesa, Trump dovrebbe essere protetto dal Primo Emendamento, ma nessuna delle sue parole a quella manifestazione era un esplicito appello alla violenza. La difesa parla di “teatro politico” che vuole stabilire un presunto legame tra le parole dell’allora presidente e le azioni “di un piccolo gruppo di criminali”. La stragrande maggioranza dei repubblicani, 45 senatori su 50, ha già dichiarato di sostenere la tesi difensiva.

READ  Campania "zona rossa", De Luca attacca il governo: "Non ha resistito a un'ondata di saccheggi politici e mediatici"

La giornata odierna prevede quattro ore di dibattito per decidere se questa accusa è costituzionale. Detto questo, voteremo a maggioranza semplice, poi i Democratici vinceranno e il processo continuerà. Domani, mercoledì, inizia il vero processo, alle 16 per parte, suddiviso in due giorni. I senatori avranno anche 4 ore per interrogare l’accusa – ovvero la commissione dei deputati della Camera che riassume i termini del rinvio a giudizio, già votata da questo ramo del Congresso – e la difesa, cioè gli avvocati di Trump. La votazione finale inizierà quindi la prossima settimana. Non ci sono molti margini di incertezza. A difesa di Trump, basterebbe convincere 34 senatori repubblicani a perdere una maggioranza qualificata di due terzi. L’impeachment quasi certamente non passerà. E forse non escludere nemmeno Trump dal servizio pubblico in futuro, il che richiede un voto separato.

A chi giova? Questa è la domanda che Biden è costretto a porsi, e alla quale difficilmente riesce a dare una risposta rassicurante. Da un lato, molti democratici sono convinti di avere un obbligo costituzionale, politico e morale: non restare impuniti per comportamenti sovversivi, con i quali Trump ha tentato il passaggio pacifico al potere, pericoloso precedente se dovesse restare senza sanzioni. D’altra parte, finirà per essere il secondo tentativo di impeachment “fallito” dopo quello di un anno fa, un doppio flop che la destra utilizzerà per rivendicare la persecuzione partigiana.

Altre considerazioni spiegano perché Biden è sempre stato cauto, non ha mai detto nulla contro l’impeachment, ma non l’ha mai sostenuto con entusiasmo. Da un lato, per una settimana l’agenda legislativa sarà risucchiata nel passato, facendo i conti con Trump, poiché il tempo stringe e Biden ha bisogno che il Congresso approvi al più presto misure urgenti contro la pandemia e per la ripresa economica. Infine, questa accusa ha già avuto l’effetto di riunire il Partito Repubblicano, proprio nel momento in cui sembrava in preda a una crisi esistenziale. Il cronometro che preoccupa Biden è spietato. Tra un anno e nove mesi riprenderanno le votazioni per le legislature di medio termine. L’ambizioso programma di riforme del nuovo presidente ha un anno e nove mesi per attingere a una sottile maggioranza democratica, quindi chi lo sa.

READ  Zona arancione Italia da oggi, regole: cosa si può fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *