Vaccini Covid ed effetti collaterali: quanti e quali sono i casi

Tutti i dati di segnalazione per i vaccini Pfizer, Astrazeneca e Moderna utilizzati in Italia







L ‘Aifa, l ‘Agenzia italiana del farmaco, ha pubblicato il terzo Rapporto di farmacovigilanza del vaccino Covid-19, contenente i dati raccolti e analizzati sulle segnalazioni di sospette reazioni avverse registrate nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza tra il 27 dicembre 2020, giorno della prima somministrazione, e il 26 marzo 2021.

Il rapporto prende in considerazione i 3 vaccini attualmente utilizzati nel Campagna vaccinale italiana in corso e, cioè, io Vaccini Pfizer, Astrazeneca e Moderno.

Vaccini Covid: dati sugli effetti collaterali

Su un totale di 9.068.349 dosi somministrate durante il periodo in esame (di cui 77% Pfizer, 18% Astrazeneca e 5% Moderna), 46.237 segnalazioni (510 rapporti ogni 100.000 dosi).

Tra questi rapporti, il 92,7% si riferiscono ad eventi non serio e che scompaiono completamente: questi includono dolore al sito di iniezione, febbre, astenia / affaticamento, dolore muscolare, che si verificano più spesso il giorno della vaccinazione o il giorno successivo (87%).

il 7,1% rapporti (36 eventi ogni 100.000 dosi) fare riferimento a reazioni gravi, qualunque sia il tipo di vaccino, la dose (prima o seconda) e il possibile ruolo causale della vaccinazione.

Nel rapporto AIFA si precisa che “qualsiasi evento è sempre considerato grave se comporta ricovero / utilizzo di pronto soccorso, pericolo immediato di morte, invalidità, anomalie congenite, decesso, altra condizione clinicamente rilevante”. Anche la febbre sopra i 39 ° è tra gli esempi.

La maggior parte dei rapporti (il file81%) si riferisce al vaccino Pfizer più utilizzato fino ad oggi. I rapporti sul vaccino Astrazeneca sono in aumento (17%), a causa del maggiore utilizzo di questo prodotto. Rapporti proporzionali per il vaccino Moderna (it 2% del totale sul 5% delle dosi).

READ  Il Giornale - Exor in Cina con Hermès: gli Agnelli debuttano nella moda

Vaccino Astrazeneca e trombosi: dati dal rapporto Aifa

Menzione speciale per “Astuccio Astrazeneca“: Entro 2 settimane dalla vaccinazione, su un totale di 62 casi registrati in Eudravigilance in Italia, Quasi 7 (con 2 morti) trombosi del seno venoso intracranico (CSVT) fino al 22 marzo 2021 e Quasi 4 (con 2 morti) trombosi di più vasi sanguigni in uno dei 24 siti atipici inclusi contemporaneamente nella rete di sorveglianza in Europa.



Virgil News | 16-04-2021 22:46




Fonte foto: ANSA

Vaccini covidi e trombosi, ecco i sintomi a cui prestare attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *