Vaccini Italia, Figliuolo accelera. E controlla le ipotesi tampone a scuola – Cronaca

Roma, 25 marzo 2021 – Lascia il posto alle task force, per supportare il vaccinazioni nelle aree dove c’è più bisogno, supponendo francobolli a scuola, il generale Francesco Paolo Figliuolo riorganizza la risposta all’emergenza Covid in Italia. Il Commissario, su richiesta del Ministro dell’Istruzione Divisorio bianco, tieni conto di questo la proposta è di monitorare la progressione delle infezioni nelle scuole con test periodici per bambini e insegnanti. Ipotesi che verrà valutata nei prossimi giorni.

Nel frattempo, il file forza di intervento per il campagna di vaccinazione del generale, inviato a supporto delle strutture già in Molise e Basilicata, sarà operativo nelle prossime ore. Il commissario straordinario per l’emergenza Covid e Fabrizio Curcio, capo della protezione civile, si sono recati oggi a Palazzo Chigi per incontrare il sottosegretario del presidente del Consiglio Roberto Garofoli e fare il punto, mentre il premier Mario Draghi è impegnato al Consiglio europeo.

Covid, bollettino di oggi 25 marzo

Figlio, che sarà domani e sabato Calabria e Sicilia per una visita ai punti vaccinali locali, ha inoltre proposto, in un documento indirizzato alle Regioni, a revisione delle percentuali di distribuzione vaccini da calcolare in base alla popolazione residente. Nel testo della “ Proposta su nuove percentuali per la distribuzione dei vaccini ”, il Commissario Figliuolo ha così risposto ad una richiesta avanzata in passato dai governatori: escludere dal calcolo la popolazione residente nelle regioni under 16 e over 80 , cast corrente calcolato su liste target di base.

Vaccini Covid in Italia: ecco le nuove linee guida del governo

Bonaccini: mancanza di dosi, nessuna organizzazione

Ma una precisazione è arrivata anche durante la giornata del presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, chiamato anche al “ groomed ” di ieri di Draghi sulla copertura vaccinale degli anziani nei quali “persistono purtroppo significative differenze regionali, molto difficili da accettare” (con riferimento alla scelta preferita di altri gruppi). Bonaccini ha poi detto: “Il governo pensa a prendere le dosi e si aspetta che le regioni facciano le cose nel miglior modo possibile”. Il presidente della conferenza delle regioni ha sottolineato come ad esempio in Emilia-Romagna: “Non sono mancate organizzazione ma dosi, un problema drammatico”. Bonaccini riconosce che magistrati e avvocati vaccinato in Toscana “È stato un errore”, ma i problemi vanno “risolti e riconosciuti”, ma “evitate di generalizzare”. Stesso concetto espresso come presidente del Regione Abruzzo, Marco Marsilio: “Chiediamo al governo di darci i vaccini per poter completare e accelerare questa campagna. I vaccini che ci sono stati forniti non sono tutti uguali: non si può somministrare AstraZeneca a più di 80 anni e nemmeno a persone fragili”. Poi ha ribadito: “Prendiamo i vaccini e finiamo le polemiche”. “In Abruzzo possiamo vaccinare decine di migliaia di persone ogni giorno, abbiamo fatto un accordo con i medici di base, sono mille, se domani in una settimana riceviamo centomila vaccini, li avremo utilizzati tutti ”, ha aggiunto.

READ  Alexei Navalny, l'avversario di Putin è tra la vita e la morte: ipotesi di avvelenamento. Francia e Germania: "Disposti a offrire cure e asilo"

Coronavirus Italia: contagi Covid del 24 marzo

Vaccini, task force Molise e Basilicata

Le task force che presto saranno operative in Molise e Basilicata sono composte da un medico e due infermieri, e verranno utilizzate in particolare per le vaccinazioni nei paesi e nei luoghi più isolati.

Figlio in Calabria e Sicilia venerdì e sabato

Nel frattempo, domani e sabato, Figliuolo sarà in Calabria e Sicilia per una visita ai punti vaccinali delle due regioni, e per una serie di incontri con le autorità locali. Venerdì mattina il generale sarà a Cosenza e il pomeriggio a Catanzaro e Taurianova. Sabato alle 12 a Messina e alle 4 a Catania.

Fonti: Target del piano di vaccinazione online

Lo assicurano le fonti della struttura di emergenza predisposta da Figliuolo il corso settimanale di amministrazione è dentro in linea con gli obiettivi fissati del piano vaccinale, e sottolineano che il generale si è detto soddisfatto di come si stanno evolvendo le cose in questi giorni.

Revisioni della distribuzione dei vaccini nelle regioni

Forniscine uno revisione delle percentuali di distribuzione di vaccini nelle Regioni, da calcolare sulla base della popolazione residente, riportata nel documento “Proposta di nuove percentuali per la distribuzione dei vaccini”, che in data odierna verrà inviato alle Regioni. La richiesta era già stata avanzata in passato dagli stessi governatori e prevede di escludere la popolazione under 16 e over 80 dal computo della popolazione residente nelle regioni. La distribuzione corrente viene calcolata in base agli elenchi della popolazione target.

Ieri sono arrivate 270.000 dosi di AstraZeneca

Ieri lo stesso commissario ha comunicato che il centro nazionale di difesa situato all’interno dell’aeroporto militare di Pratica di Mare “aveva ricevuto più di 270.000 dosi del vaccino Astra Zeneca. La fornitura è in linea con le previsioni dell’antivaccinazione. Covid. Il le regioni riceveranno la loro quota nelle prossime ore. Grazie alla consegna odierna, il totale dei vaccini acquistati dall’inizio di marzo è salito a oltre 4,7 milioni “.

READ  GP Portugal 2020 - Risultati PL2 - Risultati F1 - Formula 1

immagine

Astrazeneca, il caso dei 29 milioni di vaccini ad Anagni

Basilicata, Bardi: vaccinazione scolastica

Il presidente della giunta regionale della Basilicata Vito Bardi ha confermato nel suo aggiornamento sull’andamento del piano vaccinale l’arrivo del gruppo di lavoro di Figliuolo. Il Governatore ha quindi aggiornato la situazione relativa al vaccinazione del personale scolastico: la prima dose è stata somministrata ai lavoratori dell’Università degli Studi della Basilicata e al personale del Comune di Potenza, compresi i coetanei, mentre ieri è partita negli altri comuni della provincia di Potenza. Domani è la volta dei tirocinanti medico e infermieristico ed entro il 31 marzo verrà somministrata la prima dose a tutti i docenti della provincia di Matera.

Ma Gimbe: un vaccino su tre non è stato consegnato

Rapporti della Gimbe Foundation: una settimana prima della fine del primo trimestre dell’anno più di un terzo delle dosi previste del vaccino Covid non viene somministrato. Ritardi anche nella vaccinazione dei più fragili, quelli sopra gli 80 anni per i quali si registra il 60% dei decessi: solo il 19,1% ha completato il ciclo e il 27,4% ha ricevuto solo la prima dose. Node ha sottolineato ieri in Senato anche Draghi: “Tra ritardi e priorità dirottate”.

CEI: molto richiesta per vaccinare

In un comunicato finale del Consiglio Episcopale Permanente della CSI si legge: “Il provvedimento strutture per l’edilizia di chiese chi sono in Italia vuole essere un nuovo contributo di carità, in continuità con un cammino già avviato in questa direzione in molte diocesi ”. per esempio L’Assessorato Regionale alla Sanità e la Conferenza Episcopale Siciliana hanno appena firmato una convenzione per cinquecento chiese siciliane dove condurre la campagna per i vaccini Covid. La somministrazione della dose inizierà il 3 aprile. L’obiettivo è vaccinare quanto prima i cittadini di età compresa tra 69 e 79 anni.

READ  Covid, in Brasile mancano i sedativi: legati i pazienti intubati

Mini Hub in Piazza Portofino

Anche nel famoso “Piazzetta” da Portofino, ci facciamo vaccinare questa mattina. In Piazza Martiri dell’Olivetta iniezioni per portofinesi dai 75 ai 79 anni, una quarantina di uomini e donne appartenenti a questa fascia di età e che riceveranno la prima dose a bordo dell’ambulatorio mobile attrezzato.

Orlando: vaccinare al lavoro

Requisiti minimi essenziale per vaccinazioni sul posto di lavoro Sarà definito nelle prossime ore, ha annunciato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, all’incontro alla presenza del collega di governo Roberto Speranza (Sanità), dei rappresentanti delle parti sociali e del Commissario alle Strutture. “A seguito degli incontri tecnici tra Ministero della Salute, struttura dell’assessore e Inail, possiamo sintetizzare alcuni punti che il quadro di riferimento globale sarà dato dal piano vaccinale coordinato dal commissario straordinario Figliuolo. Stiamo valutando come sfruttare le potenzialità del tessuto produttivo e dei luoghi di lavoro per consentirne l’utilizzo per la vaccinazione ”. La prima domanda è definire i requisiti minimi essenziali per effettuare vaccinazioni in condizioni di sicurezza.

Leggi anche:

AstraZeneca e il thriller di Anagni

Covid, una medicina naturale blocca il virus. “Antivirale anche contro varianti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *