Van der Burg: letto-bagno-pane deve puntare al ritorno, altrimenti niente soldi

Van der Burg: letto-bagno-pane deve puntare al ritorno, altrimenti niente soldi

In un dibattito oggi alla Camera dei Rappresentanti, molti partiti politici si sono indignati per l’improvviso annuncio di ieri che il programma sarebbe stato cancellato. Hanno chiesto chiarimenti.

Van der Burg sottolinea di sostenere l’accordo che VVD, D66, CDA e ChristenUnie hanno raggiunto nell’accordo di coalizione. Ma chiarisce che l’accoglienza è finalizzata al rientro. Se i comuni non lo desiderano, devono provvedere loro stessi al beneficio. Se non lo faranno, dovrà chiudere, ha detto Van der Burg durante un dibattito con la Camera dei Rappresentanti.

“Non posso fare un accordo con i comuni se non vogliono inserire la frase ‘sempre concentrato sul ritorno'”, ha detto il segretario di Stato. Sa che i comuni hanno molte difficoltà in questo. Ma senza un accordo, non ci saranno finanziamenti per il suo ministero dal 2024, ha avvertito. Van der Burg sa quali possono essere le conseguenze sociali. “Ecco perché dico ai comuni che dobbiamo trovare un accordo. Altrimenti se ne andranno per le loro strade”.

Soldi

Van der Burg deve ancora trovare il budget per la LVV nel proprio budget per l’accoglienza dei richiedenti asilo. “Bisogna fare scelte dolorose, ma non so ancora quale”. È di almeno 24 milioni di euro all’anno, ma potrebbe essere superiore se si aggiungessero più LVV a quelli esistenti ad Amsterdam, Eindhoven, Groningen, Rotterdam e Utrecht. I comuni ora contribuiscono con circa 6 milioni di euro all’anno.

Van der Burg aveva presentato la richiesta di bilancio supplementare per la LVV durante le discussioni sul memorandum primaverile, ha detto in risposta a numerose domande critiche. Secondo lui, non si è mai parlato di sopprimere la disposizione. Questa richiesta non è stata onorata dal governo. “Abbiamo dovuto tagliare i costi”.

READ  RIVM nell'armadio: i tappi per la bocca non servono più quando sono occupati | Politica

Conversazione

Secondo Van der Burg, non è stato fischiato sulla LVV dai partner della coalizione, contrariamente a quanto riferito ieri all’ANP da addetti ai lavori all’Aia. Tuttavia, ha avuto una conversazione con il presidente del partito D66 Jan Paternotte quel giorno dopo che sono scoppiati disordini all’interno del D66, ha detto il segretario di stato.

Su “esplicita richiesta” di Paternotte, Van der Burg ha inviato ieri sera una lettera alla Camera con il messaggio che il provvedimento rimarrà e che rispetterà gli accordi di coalizione.

“La coalizione non prende decisioni sull’asilo”

“È esemplare vedere come questa coalizione non riesca a prendere decisioni in materia di asilo”, afferma il giornalista politico Floor Bremer. “Cda e Vvd stanno da una parte, D66 e ChristenUnie dall’altra. E intanto dalla scorsa estate non è stato fatto nulla di concreto per migliorare l’accoglienza e nei Paesi stanno arrivando molti più profughi. Meno del previsto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *