“Tornare dalle vacanze per la seconda dose non è un problema dopo questa tragedia” – Corriere.it

Tutto è iniziato con un articolo pubblicizzato dalla rivista Natura, non ancora pubblicato. I ricercatori dell’Università di Birmingham notano che la somministrazione della seconda dose con Pfizer-Biontech può essere 10 settimane di distanza Fin dal primo. Ma Sergio Abrignani, immunologo presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Milano, membro dell’Ass comitato tecnico scientifico, nega che l’ipotesi sia in discussione: “Secondo me adesso in Italia non ci sono prerequisiti per applicare questo calendario ”.




Perché Pfizer e Moderna hanno intervalli di 3 e 4 settimane?
“Torniamo all’anno scorso, quando è iniziata la pandemia. Il messaggio che è arrivato da tutti i governi alle imprese è stato quello di sviluppare vaccini che forniscano protezione nel più breve tempo possibile. Questo è il motivo per cui sono stati avviati studi clinici su due dosi ravvicinate. Più tardi, quando alcuni paesi si sono ritrovati difficoltà di approvvigionamento, il tempo tra le vaccinazioni era aumentato sapendo che dal punto di vista immunologico nulla sarebbe cambiato o che la risposta sarebbe addirittura aumentata, come dimostrato a Birmingham. In Italia siamo giunti a sei settimane sapendo di poterlo fare sulla base di solide evidenze scientifiche ”.

Potresti prendere in considerazione una strategia diversa?
“Ripeto, se fossimo in una situazione di crisi, questa potrebbe essere una scelta senza controindicazioni”.

L’Italia dei vaccini viaggia bene?
“Più che buono. Abbiamo immunizzato oltre un terzo della popolazione con almeno una dose. Mentre il Il 10% degli italiani rifiuterà la profilassi, e più bassa è l’età, maggiore è la possibilità di negazione, sarà necessario garantire realisticamente 52 milioni di persone. Il 90% delle lampadine disponibili viene utilizzato quotidianamente ”.

READ  Meindert: “Se non spendo molti soldi posso risparmiare anche dai 100 ai 200 euro al mese” | super risparmiatori

Di ritorno dalle vacanze per la seconda dose?
“Non mi sembra un grosso problema dopo tutto quello che abbiamo passato. Chi riceve il vaccino sa già quando avrà il secondo appuntamento e pagherà le ferie di conseguenza. Da un punto di vista logistico, non sarebbe facile organizzare un sistema per somministrare la seconda dose di 3 diversi vaccini in molti luoghi ”.

Cosa ne pensi di No della Corte dei conti al finanziamento della preparazione di Reithera, studiato in Italia?
“È una decisione amministrativa, indipendente dalle revisioni dei prodotti. Come ricercatore, mi dispiace che un progetto italiano non possa continuare ”.

E come immunologo?
“Penso che questo vaccino sarebbe scaduto, vale a dire in ottobre-novembre, quando avremo finito di proteggere l’intera popolazione”.

In vista di una terza dose da fare l’anno prossimo, non sarebbe stato importante avere un’arma in più, peraltro, prodotta in casa?
“Lo sappiamo per ogni richiamo vaccini vettoriali adenovirali come quello di Reithera (usa un virus gorilla disattivato come navetta di trasporto, ndr) non sono l’ideale. Come immunologo, dico di no ”.

Sarà necessario un promemoria aggiuntivo?
“Dipenderà dalla durata della risposta immunitaria, cioè da quanto tempo il nostro sistema di difesa si ricorderà di respingere Sars-CoV-2”.

Stiamo ora andando verso la riapertura?
“Mi sembra che la strategia di mitigazione del rischio stia funzionando. quando le scuole hanno riaperto il 7 aprile i pessimisti prevedevano che i bambini sarebbero stati contagiosi. Ciò non è avvenuto perché il 70% del personale scolastico è stato vaccinato ”.

18 maggio 2021 (modificato il 18 maggio 2021 | 21:35)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.