“Vedi, passami oltre”: Oscar e il lupo si superano e Pukkelpop, dopo una pausa per problemi mentali

“Vedi, passami oltre”: Oscar e il lupo si superano e Pukkelpop, dopo una pausa per problemi mentali

Impossibile recuperare i nuovi messaggi, riprova più tardi.

blog in diretta

Come fanno i Pukkelpoppers a gestire i loro soldi? Da “raccogliere le tazze” a “abbiamo risparmiato abbastanza in anticipo”

Pukkelpop sta volgendo al termine. E la situazione finanziaria dei partecipanti al festival? Quanti soldi hanno speso e come stanno cercando di ridurre i costi? Due giovani studenti condividono anche una scheda di risparmio d’oro.

Il nostro team di notizie era agli spettacoli di tre importanti artisti olandesi: MEAU, Eefje de Visser e Joost

Folie à Joost, con Stagediving Acid come ospite

Energia e follia sono all’appuntamento con l’olandese Joost. Dai all’olandese Joost Klein un palco principale e quasi lo abbatterà. Il fenomeno Youtube rende l’hip hop olandese un ritmo solido. A pompare per un’ora, durante “Go Acid” con l’influencer e buon amico Acid, anche YouTuber. Si tuffa come un indemoniato, senza pensarci troppo mentre si tuffa nel pubblico.

GUARDA: A Stubru, Joost ha riflettuto sulla sua performance particolarmente energica:

L’unica volta che diventa davvero tranquillo è durante la canzone “Florida 2009”, un’ode ai genitori defunti di Joost Klein. Per tenere sotto controllo le sue emozioni, canta la canzone con una bandiera piena di cuori sopra la sua testa. Raccoglie solo il cuore del pubblico. Dopo la canzone, riceve un confortante abbraccio dai membri della sua band. Emozioni sincere tra i festeggiamenti.

© Nathan Dobbelaere

© Nathan Dobbelaere

Un guadagno di forza per l’headliner degli Arctic Monkeys

Pukkelpop è al suo ultimo giorno del festival e tutto il divertimento del festival sta iniziando a farsi sentire, specialmente sui visitatori con un biglietto combinato. Qua e là i gruppi riposano a terra sul luogo del festival. Risparmia le forze per raggiungere il picco stasera e dai il massimo, Oscar e il lupo o gli Arctic Monkeys da headliner. Avvistato anche: un fan con una maglietta con sopra un pezzo dei testi della band.

© Rebecca De Cavel e Illias Teirlinck per Stubru

© Rebecca De Cavel e Illias Teirlinck per Stubru

© Rebecca De Cavel e Illias Teirlinck per Stubru

Il discreto Meskerem Mees non si fa notare nel rumoroso Club

Le classiche condizioni del festival – una tenda semiaperta e una folla esuberante – non sono necessariamente un regalo per gli artisti che eseguono musica sommessa. Anche Meskerem Mees fatica a superare la folla rumorosa con la sua voce fragile. Il Club a volte è così loquace che il suo canto è a malapena intelligibile.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI_

Il rumore tace durante il suo primo successo “Joe”, ma poi riprende. In ogni caso, non sarà dovuto agli sforzi dello stesso Meskerem Mees. Continua a suonare discretamente ma ha vissuto.

GUARDA: A Stubru, Meskerem Mees riflette sul suo spettacolo: “Faceva molto caldo e c’è sempre rumore ambientale durante un festival”

A proposito di block break: Eva è ancora al Pukkelpop tra un riesame, grazie al contest di Stubru

Molti amanti della musica con recensioni vedono il pass Pukkelpop. Ma Eva De Vijlder (20), studentessa di psicologia teorica e sperimentale all’Università di Gent, è ancora oggi al festival. Con i suoi manuali, ovviamente. Perché come vincitrice di un concorso di Stubru, può ancora assistere al concerto degli Arctic Monkeys stasera come una grande fan, dopo aver studiato tutto il giorno nello studio radiofonico di Stubru in loco.

Charlotte de Witte reagisce ai problemi tecnici durante il set di Pukkelpop di ieri: “Mi sento a pezzi, ma grazie per il vostro supporto e rispetto”

La techno DJ Charlotte de Witte, che ieri ha chiuso il palco principale del Pukkelpop, ci ha detto esattamente cosa c’era che non andava in una lunga dichiarazione su Instagram. Ha dovuto affrontare persistenti difficoltà tecniche, che hanno causato l’interruzione del suo set fino a quattro volte. “Un incubo”, lo chiama lei stessa.

È estremamente doloroso vedere qualcosa crollare oltre la mia volontà e il mio controllo. mi sento rotto

“Mi sentivo così sicuro dell’ambientazione che avrei interpretato. Ma sfortunatamente la storia che volevo raccontare è stata interrotta da problemi tecnici”, scrive de Witte.

“La mia delusione è immensa. È estremamente doloroso vedere qualcosa che si sgretola davanti ai tuoi occhi, al di fuori del mio controllo. Ecco perché voglio ringraziare il pubblico per l’immenso rispetto e la pazienza che hai dimostrato. Restando in piedi, e con esso per dare energia a ogni riavvio del mio set. Sono molto grato per questo e non lo do per scontato”.

De Witte è ancora oggi al Pukkelpop, al fianco del marito Enrico Sangiuliano e del suo buon amico Max Colombie di Oscar e il lupo. “Saliranno entrambi sul podio. Mi sento un po’ a pezzi, ma andrà tutto bene”, conclude de Witte.

READ  Grandi preoccupazioni per la salute del leader dell'opposizione Navalny, "è un inferno estremo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *