Vint Cerf vorrebbe aver prestato maggiore attenzione alla sicurezza durante lo sviluppo di TCP – IT Pro – News

Vint Cerf avrebbe voluto prestare maggiore attenzione alla sicurezza del TCP/IP. Questo aveva senso durante lo sviluppo perché la gestione delle chiavi era complicata, ma dopo avrebbe voluto fare di più, spiega l’inventore del protocollo internet.

dice il cervo in un’intervista con IEEE Spectrum che “non ha prestato sufficiente attenzione alla sicurezza” quando ha scritto TCP. Aveva senso in quel momento, ha detto. “Prima che fosse disponibile la crittografia a chiave pubblica, la gestione delle chiavi era un complicato processo manuale. Era terribile e non scalabile. Ecco perché non l’ho messo su Internet.” Cerf dice che non si pente della decisione. All’inizio, Internet era utilizzato principalmente dagli studenti. Cerf dice che è “l’ultimo gruppo di cui mi fido per la gestione delle chiavi”. Tuttavia, dice, “ci sono momenti in cui vorrei che avessimo prestato maggiore attenzione alla sicurezza del sistema end-to-end”.

Un’altra applicazione che Cerf guarda in modo diverso è la dimensione degli indirizzi Internet. Gli indirizzi IPv4 sono ora a 32 bit. “Ora tutti ridono e si chiedono perché non ho usato indirizzi a 128 bit”, dice. Gli indirizzi IPv6 sono così grandi, ma la loro implementazione è lenta. Cerf pensa anche che la scelta possa essere difesa bene. “Nel 1973, la gente diceva che eri pazzo se pensavi di aver bisogno di 3,4 volte 10 alla potenza di 38 indirizzi per un esperimento che non eri sicuro avrebbe funzionato.” Definisce gli indirizzi a 32 bit “un errore”, ma aggiunge: “Allora non avrei davvero potuto vendere indirizzi a 128 bit”.

Cerf dice anche di aver sottovalutato il web. Dice “non ha osato affatto prevedere che i motori di ricerca sarebbero stati necessari”. “Non ho assolutamente visto la valanga di contenuti che ha colpito Internet dopo che il web è diventato disponibile”, afferma.

READ  I mercati azionari rimbalzano dopo la frenata massima dovuta alla guerra dei vaccini. La produzione nella zona euro riprende

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *