Virologo Perno: “In un Paese civile le scuole non chiudono. Il contagio avviene altrove “

In un Paese civile l’ultima cosa da chiudere sono le scuole ”, spiega il virologo Carlo Federico Perno, responsabile di microbiologia dell’ospedale Bambino Gesù di Roma dopo essere stato all’ospedale Niguarda di Milano durante il primo ondata pandemica. “Per il momento, non ci sono prove che la scuola sia il principale sito di trasmissione del virus”, assicura.

Perché il virus galoppa principalmente nei giovani?

“Perché il numero di persone che i giovani incontrano è notevolmente superiore al numero di persone anziane. A ciò si aggiunge la percezione di invulnerabilità tipica della giovane età, che spesso porta a sottovalutare erroneamente il pericolo di contagio ea non prendere le dovute precauzioni ”.

Cosa dovrebbe essere chiuso prima delle scuole?

“Dobbiamo intervenire nei contesti in cui i bambini si incontrano, evitando gli incontri. Se non vanno a lezione e non fanno lezioni a distanza, non posso escludere che poi escano per incontrare amici e magari stare a casa tutti insieme. Insomma, fuori dalla scuola, i controlli sono molto inferiori che a scuola stessa ”.

Ma tenere aperte le scuole non aiuta il virus a circolare?

“Al momento non ci sono prove di ciò. Sto seguendo una serie di progetti scolastici per monitorare la diffusione tra migliaia di studenti e il tasso di contagio a scuola non sembra essere maggiore che in altri ambienti. E non sono a conoscenza di situazioni ricorrenti in cui gruppi di bambini vengono contagiati nella stessa classe (i cosiddetti “cluster”), suggerendo la trasmissione a scuola “.

Cosa significa?

“Da un punto di vista virologico, c’è un modo principale per determinare dove si è infettati. E questo per misurare quante infezioni ci sono state in quello stesso ambiente. Se trovo sette studenti positivi in ​​una classe, posso dire che questa scuola è ovviamente pericolosa e il virus sta circolando in classe. Tuttavia, per il momento, non sono a conoscenza di situazioni del genere con una frequenza sufficiente a giustificare un intervento sulle scuole, mentre si sono riscontrati “cluster” nelle squadre di calcio, nel lavoro e nelle famiglie. “.

READ  Augusta, Neurologia del "Muscatello" diventa centro di prescrizione di anticorpi monoclonali contro l'emicrania - La Gazzetta Augustana

Quindi non è in classe che la curva è salita?

“Non abbiamo prove della chiusura della scuola come ricettacolo per la trasmissione di Covid. Se uno studente infetto arriva fuori in classe, l’infezione dovrebbe essere confinata alla scuola, come accade in altri contesti. La trasmissione avviene principalmente altrove ”.

Colomba?

“Ovunque ci sia folla, il rischio aumenta. Ad esempio, il trasporto pubblico può promuovere la trasmissione del virus se le persone viaggiano vicine o non indossano correttamente una maschera. E nemmeno la maschera può darmi invulnerabilità se una persona infetta mi respira a mezzo metro di distanza durante una mezz’ora di viaggio in autobus, metropolitana o treno. Dobbiamo diluire le persone nelle macchine. Mi chiedo, come cittadino, se davvero non ci fosse modo di migliorare i mezzi di trasporto. La sicurezza delle persone anziane, che possono infatti essere contagiate in casa, spesso da giovani, figli e nipoti, richiede una serie di interventi; In questa fase difficile, la chiusura della scuola non è la più urgente oggi ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *