Visco, con rinnovata fiducia nella qualità delle politiche e un ulteriore calo dello spread – LIVE – Economia

“Una rinnovata fiducia nella qualità delle politiche e nelle prospettive economiche potrebbe consentire un’ulteriore riduzione del differenziale di rendimento tra Btp italiani e Bund tedeschi, che è ancora prossimo al doppio di quello di Spagna e Portogallo”. Lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco al convegno Assiom Forex. “Con il miglioramento della situazione economica – aggiunge – un’adeguata strategia di graduale riequilibrio dei conti pubblici potrebbe rafforzare questi effetti di fiducia e accelerare ulteriormente la riduzione del rapporto debito / prodotto”.

“La nostra economia ha dato prova di resilienza, il Paese deve ora trovare la coesione necessaria per riprendere il suo sviluppo, cogliendo l’opportunità offerta dalla risposta dell’Unione Europea e affrontando i problemi strutturali che la frenano”, dichiara il governatore del Banca d’Italia che auspica “una strategia comune, che abbia al centro le sfide della sostenibilità ambientale e della transizione digitale”.

“La pandemia, con i suoi enormi costi economici e umani, non è stata superata ei margini di incertezza sulla sua evoluzione restano alti” ma “è possibile, coltivando una visione di più lungo termine, fare meglio di quanto prevede il trend suggerire “per l’economia, afferma Visco, che ricorda che” le nostre proiezioni prefigurano una ripresa dell’attività produttiva dalla primavera; questo scenario dipende essenzialmente da una graduale riduzione dell’epidemia ”.

Le misure per “dare sollievo” alle famiglie e alle imprese “restano indispensabili” per il momento ma “con la riduzione dell’incertezza sull’economia” bisognerà pensare ad una graduale riduzione di queste, rendendole “progressivamente più selettive”, stima il governatore. della Banca d’Italia che “L’accesso a istituzioni ormai ad ampio spettro e sensibilmente più generoso rispetto alle istituzioni ordinarie può essere rivisto condizionando la capacità delle imprese di mantenere i livelli occupazionali e allo stesso tempo allentando il blocco generale dei licenziamenti”.

READ  Perché una valanga di acquisti oggi ha travolto Piazza Affari, facendola esplodere in aumento

Le moratorie sul credito, prorogate fino a giugno 2020, “consentiranno” alle imprese di mantenere un’elevata liquidità ma devono restare “uno strumento che consente ai debitori di superare difficoltà transitorie, e non un mezzo per mascherare situazioni di crisi evidenti e irreversibili”. È il monito del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ad Assiom Forex che “mai come in questa fase le banche dovranno esercitare il proprio ruolo con competenza, agendo rapidamente”.

L’attuazione del piano nazionale di ripresa “sebbene essenziale per l’ammodernamento della struttura produttiva, potrebbe non essere sufficiente a garantire un aumento sostenibile del tasso di crescita se non è accompagnato da riforme che dissolvono i nodi che ostacolano lo sviluppo e gli investimenti privati”. E ‘quanto ha affermato il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, secondo cui “non si tratta di rispettare formalmente le precise raccomandazioni della Commissione Europea, ma di affrontare in modo concreto i problemi che si dibattono. Da anni” .

VIVERE

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA