Visita del museo buono per la salute degli anziani. Anche se è un tour virtuale

Il fatto che una visita a un museo faccia bene alla salute degli anziani è già del tutto particolare. Ma il fatto che anche un tour virtuale aiuti è davvero notevole. Tuttavia, questo è stato dimostrato dalla ricerca canadese.

Un gruppo di anziani ha potuto fare un tour virtuale settimanale di vari musei durante il coronavirus in Canada. Ciò ha notevolmente migliorato il benessere, la qualità della vita, la fragilità e l’isolamento sociale delle persone anziane.

Gli scienziati sanno da tempo che evitare il contatto sociale fisico contribuisce a una serie di problemi di salute. Ad esempio, c’è un rischio maggiore di ictus e problemi cardiaci, ma anche un declino mentale accelerato e persino una morte prematura. I rischi sono maggiori per gli anziani, poiché il più delle volte hanno pochi contatti sociali e sono soli. La pandemia del corona ha esacerbato questo problema, per la necessità di mantenere le distanze.

Durante il lockdown, le persone sono state sempre più costrette a lavorare da casa utilizzando tutti i tipi di strumenti Internet. La stessa tecnologia è stata implementata per aiutare gli anziani a rimanere in contatto con il mondo esterno. Ciò ha permesso loro di rimanere fisicamente, mentalmente e socialmente in buona salute, godendo al contempo di tutti i tipi di attività culturali interattive. Questa è la fiduciosa conclusione di un nuovo studio quello della rivista Frontiere in Medicina spuntato. Questo è il primo studio a dimostrare in modo definitivo che una visita al museo virtuale migliora significativamente la qualità della vita delle persone anziane che rimangono a casa.

Qualità della vita e vulnerabilità
Un gruppo di ricercatori in Canada ha seguito esattamente 106 persone di età superiore ai 65 anni da Montreal da gennaio ad aprile 2022. La metà di loro si è goduta una visita guidata settimanale attraverso vari musei comodamente dal proprio divano. L’altra metà faceva parte del gruppo di controllo e non poteva partecipare a uscite culturali virtuali.

READ  La più grande cometa mai lanciata verso il nostro sistema solare

Il gruppo attivo si è chiaramente ripreso dai tour virtuali del museo. I 53 anziani di questo gruppo hanno compiuto notevoli progressi in termini di isolamento sociale, fragilità, benessere fisico e mentale e qualità della vita. I punteggi su tutti e quattro gli elementi erano significativamente più alti dopo tre mesi rispetto al gruppo di controllo, secondo il rapporto dello studio.

Un dipinto al giorno toglie il dottore di torno
“Il nostro studio mostra che le attività artistiche possono essere un intervento efficace”, ha affermato l’autore principale Dr. Olivier Beauchet, professore presso Università di Montreal. “Attività come questi tour settimanali interattivi del museo virtuale possono essere utili in qualsiasi parte del mondo. Penso che sarebbe un buon piano per liberare denaro da musei e istituzioni artistiche e offrire questo tipo di progetti a persone con più di 65 anni in tutto il mondo. In questo modo, promuovi un invecchiamento attivo e sano.

Soprattutto nell’area della vulnerabilità, ci sono stati molti progressi grazie alla visita di 45 minuti seguita da una sessione di domande e risposte. “La vulnerabilità porta a molti problemi di salute e disabilità, che hanno un impatto negativo sulla qualità della vita e sul benessere fisico e mentale delle persone anziane”, spiega Beauchet. “L’assistenza sanitaria deve fare qualcosa al riguardo”.

Uno studio pilota nel 2018 ha già dimostrato che le attività artistiche possono essere benefiche per le persone anziane. In parte sulla base dei risultati di questa ricerca, è stato avviato uno studio internazionale su un periodo di tre anni per misurare l’efficacia dei progetti di arte interattiva in diversi paesi e società.

READ  Come si misura il benessere mentale? Ecco gli effetti della pandemia sulla salute psicologica. Prima parte

Programma dell’OMS
Queste iniziative si basano sull’approccio dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) alle malattie croniche, ha affermato Beauchet. Ad esempio, nel 2015 l’OMS lo ha dichiarato Programma per l’invecchiamento e la salute installazione. In questo, la promozione della cultura gioca un ruolo centrale, con l’obiettivo di migliorare la salute generale dei partecipanti. Questo tipo di attività, finalizzate alla prevenzione di malattie e malattie, si svolgono tradizionalmente nelle scuole, nei centri comunitari e sul lavoro.

“In questo modo possiamo raggiungere molte persone, ma vogliamo di più. Ci sono organizzazioni e settori che possono aiutarci diventando partner. In questo modo possiamo lavorare insieme su nuovi sviluppi e ricerche nell’area della salute pubblica”, afferma Beauchet. “Secondo me, i musei sono partner molto adatti, per esempio. Sanno cosa sta succedendo nella comunità e di cosa hanno bisogno le persone. Controllano costantemente se le attività che offrono hanno successo e che tipo di notizie possono essere progettate per il gruppo target.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.