VWS conferma il disaccordo con gli ospedali sui letti IC aggiuntivi, opposizione furiosa | Interno

Un portavoce del dipartimento conferma in risposta ai rapporti dell’NRC che si è effettivamente discusso di un piano per aumentare il numero di letti IC.

Il motivo del disaccordo era, tra l’altro, il conteggio del numero di letti IC negli ospedali. VWS aveva messo da parte una sovvenzione per lo scale-up, ma secondo il portavoce, non era chiaro esattamente quanti letti IC avesse un ospedale prima della pandemia. Il denaro extra era disponibile solo per i letti extra IC. VWS doveva garantire che mezzo miliardo di euro per la capacità extra fosse ben speso, secondo il portavoce.

L’NRC ha indagato sul corso degli eventi e ha concluso che gli ospedali a volte erano scoraggiati dall’estendere il loro IC, quando erano urgentemente necessari più posti IC nel 2020 e nel 2021. Gli amministratori ospedalieri si sono scontrati con il conteggio dei posti IC da parte del ministero.

Il maggior numero di letti IC

VWS a volte arrivava a un numero maggiore di letti IC nella situazione iniziale rispetto a quanto dichiarato dagli ospedali stessi. Pertanto, le istituzioni riceverebbero meno soldi per una proroga. Anche i termini della proroga non erano chiari. Ci sono anche grandi differenze tra gli ospedali nell’espansione dei CI. Alla fine, il disaccordo finanziario viene risolto dopo un anno, riferisce l’NRC, e la VWS sta ancora pagando.

NRC ha richiesto documenti governativi, letto dozzine di rapporti e parlato con dozzine di parti interessate ed esperti del settore sanitario. VWS non ha saputo dare al giornale una risposta alle tante domande.

Le reazioni indignate per la contrattazione arrivano dalla Camera dei rappresentanti. GroenLinks e il gruppo Van Haga chiederanno un dibattito sull’argomento.

READ  Pagamenti elettronici, ecco il piano cashless del governo: dal 10% di rimborso al super cashback di 3mila euro per i primi 100.000

feroce opposizione

L’opposizione alla Camera dei Rappresentanti è arrabbiata per la disputa finanziaria. GroenLinks e Groep-Van Haga vorrebbero una discussione per chiarire rapidamente il problema. “Aumentare il numero di letti IC è un compito difficile, lo capiamo tutti. Ma se il Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport scoraggia gli ospedali dall’ampliamento dell’unità di terapia intensiva, per paura di sforamenti di budget, qualcosa è andato storto”, ha twittato Lisa Westerveld di GroenLinks.

Wybren van Haga è furioso. “Abbiamo chiesto durante la crisi della corona cure intensificate, ma i malati che hanno davvero bisogno di aiuto non hanno ottenuto nulla a causa della contrattazione ufficiale. Mentre la sovvenzione è stata rapidamente estratta per i vaccini e i tappi per la bocca non funzionanti”, ha affermato Van Haga.

PVV’er Fleur Agema ha twittato: “I bastardi preferirebbero il blocco, preferirebbero tagliare le cure ospedaliere regolari, preferirebbero 95 miliardi sul debito nazionale, preferirebbero il 22% dei giovani che pensassero al suicidio, piuttosto che investire nella capacità dell’ospedale. Peccato.”

Il deputato SGP Kees van der Staaij: “È allarmante che la disputa finanziaria in VWS al culmine della crisi della corona abbia portato a un aumento della capacità IC inferiore al possibile. È necessario un chiarimento in merito.

JA21 pone interrogazioni parlamentari al ministro dell’assistenza Ernst Kuipers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.