Web Developer Alliance vuole che Apple consenta altri motori Web su iOS – IT Pro – News

eh? no, l’era ie6 era caratterizzata dal fatto che IE6 era dominante, quindi non importava se stavano ancora sviluppando il software, o addirittura accompagnando nuovi sviluppi per il web. Il client è rimasto comunque e gli sviluppatori web non potevano comunque supportare nuove cose, perché ie6.

Questa è esattamente la situazione che ottieni se hai solo bisogno di supportare un motore di browser. La concorrenza poi non c’è più, e con essa la dinamica dell’innovazione/correzioni di bug ecc.

Safari su dispositivo mobile è l’esempio classico moderno. Lo sviluppo è lento e cose come manifesti di app Web, messaggi push, ecc. sono finalmente implementati (su iPhone 14), letteralmente 10 anni o più dopo i concorrenti. Tuttavia, questi concorrenti non possono competere su iPhone, quindi Apple pensa che sia tutto a posto in questo modo. (le app web in realtà pessime che devono mancare di funzioni sull’iPhone ovviamente non influiscono sull’app store di Apple)

Quindi l’era ie6 era per lo più *non* inquietante a causa delle piccole differenze, era inquietante a causa dell’impossibile lentezza con cui potevamo andare avanti.

Chrome sta diventando almeno un tale problema su Internet in generale, ma per fortuna è ancora a un ritmo ragionevole in termini di sviluppo. Forse perché Google deve ancora vincere la concorrenza con le normali app native.

READ  "Migliaia di voli minacciati" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *