Wendy: “Non oso chiedere aiuto agli altri.  Come lo faccio?’

Wendy: “Non oso chiedere aiuto agli altri. Come lo faccio?’

Wendy (41) ha tre figli, un lavoro impegnativo ed è piuttosto perfezionista, quindi vuole fare tutto il meglio che può. Ma nota che ne ha abbastanza del lavoro, della famiglia, della genitorialità e di tutto ciò che ne consegue. Vorrebbe chiedere aiuto più spesso, dal marito o da un amico per esempio. “Ma non oso farlo, quindi mi sento subito sopraffatto. Molto strano, perché mi piace aiutare me stesso. Hai qualche consiglio?”

mamma allenatrice Tilda Timmer“Non c’è da stupirsi se non osi chiedere aiuto. Molte madri pensano che dovrebbero essere in grado di fare tutto da sole. Chiedere aiuto è un segno di debolezza”.

Da dove viene questa idea che chiedere aiuto è debole? Timmers: “È molto radicato nella nostra cultura olandese. Non parlare, ma spazzolare. Quindi, non appena non puoi spruzzare e spazzolare allo stesso tempo, hai finito. Vedi? Ecco da dove viene. Dovrebbe essere più indulgente, soprattutto per le giovani madri. Come madre, sei molto indipendente.

“Quello che ho fatto io stesso una volta: assumere una baby sitter per un po’ per l’ora di punta serale. Mio marito stava lavorando sodo in questo periodo e con due bambini piccoli, ho notato: non posso farlo da solo. Quindi ho chiesto a un ragazza della porta accanto per aiutare con il cibo, rituale serale e dopo un po’ ho pensato: ok, ora posso farlo da solo”.

tribù

“Capisco che non è finanziariamente possibile per tutti rivolgersi a un aiuto a pagamento. In questo caso, la tua rete, tu tribù, Molto importante. Chiedi a genitori, nonni, amici o vicini di casa: “Chi può fare da babysitter o aiutare o aiutare con qualcosa?”

READ  La Terra ha almeno 20 quadrilioni di formiche (e probabilmente molte di più) | animali

Ma cosa succede se sei molto timido o ti senti facilmente sopraffatto perché gli altri sono già abbastanza occupati? Timmers: “Prova a formare il tuo gruppo. Guardati intorno per vedere chi si trova nella stessa situazione, può essere di grande aiuto. Ad esempio, puoi creare un gruppo di app. Non necessariamente chiedendo aiuto. , puoi anche dire: ” Come possiamo aiutarci a vicenda? Allora tutti ne trarranno beneficio.'”

Aiuto a pagamento

I timer ti avvertono di chiedere davvero aiuto, non importa quanto tu sia turbato. “Quello a cui devi stare attento è che la tua batteria può esaurirsi se non chiedi aiuto. E poi sei ancora più lontano da casa. Altrimenti stai cercando un aiuto pagato. Qualcuno che possa aiutarti. aiuto con baby sitter o una governante che può aiutarti anche con il bucato.

Non deve essere per sempre, solo finché non trovi la strada del ritorno. Esistono molti tipi di aiuto a pagamento, quindi sfruttali al meglio. Infine, se i tuoi figli sono più grandi, lascia che ti aiutino. Lo amano molto e si sentono parte della famiglia. Inoltre, può aiutarti enormemente”.

Categoria: Chiedi a un amico

In questa rubrica settimanale chiedi ad un amico rimandiamo le domande sulla salute dei lettori a uno dei nostri esperti. Hai anche una domanda sanitaria urgente per un medico di famiglia, un ostetrico, un dietista, uno psicologo o un altro esperto di salute? Invialo a [email protected] e forse vedrai presto la risposta qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *