XBB.1.5 Sottovariante dominante in Europa entro due mesi

XBB.1.5 Sottovariante dominante in Europa entro due mesi

La sottovariante XBB.1.5 della variante omikron del coronavirus diventerà dominante in Europa entro uno o due mesi. Questo è ciò che si aspetta il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). La sottovariante si sta attualmente diffondendo rapidamente negli Stati Uniti.

XBB.1.5 è apparso in ottobre negli Stati Uniti. È una sottovariante altamente contagiosa che attualmente si sta diffondendo nel Paese il 12% più velocemente rispetto ad altre varianti e attualmente rappresenta quasi un terzo di tutte le infezioni.

Nelle ultime due settimane del 2022, il 2,5% delle infezioni da corona in Europa era dovuto alla nuova sottovariante. I modelli matematici dell’ECDC prevedono che XBB.1.5 potrebbe essere dominante in uno o due mesi.

Finora, non ci sono prove che le infezioni con la nuova sottovariante siano più gravi rispetto ad altre varianti di omikron. L’ECDC ritiene pertanto che il rischio per la popolazione generale sia basso. “Il rischio è medio-alto per le persone vulnerabili, come gli anziani, le persone non vaccinate e le persone con immunità compromessa”, afferma l’agenzia.

L’ECDC sottolinea che si tratta di stime basate sulle informazioni disponibili e che sussistono ancora “diverse lacune conoscitive”.

Un totale di 38 paesi ha già segnalato infezioni XBB.1.5, ha annunciato mercoledì l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). La maggior parte dei casi si trova negli Stati Uniti (82%), seguiti da Regno Unito (8%) e Danimarca (2%).

XBB.1.5 è apparso in ottobre negli Stati Uniti. È una sottovariante altamente contagiosa che attualmente si sta diffondendo nel Paese il 12% più velocemente rispetto ad altre varianti e attualmente rappresenta quasi un terzo di tutte le infezioni. Nelle ultime due settimane del 2022, il 2,5% delle infezioni da corona in Europa era dovuto alla nuova sottovariante. I modelli matematici dell’ECDC prevedono che XBB.1.5 potrebbe essere dominante in uno o due mesi.Finora, non vi è alcuna indicazione che le infezioni con la nuova sottovariante siano più gravi rispetto ad altre varianti XBB.1.5. L’ECDC ritiene pertanto che il rischio per la popolazione generale sia basso. “Il rischio è medio-alto per le persone vulnerabili, come anziani, persone non vaccinate e persone con immunità compromessa”, precisa l’agenzia, sottolineando che si tratta di stime basate sulle informazioni disponibili e che ci sono “diverse lacune conoscitive”. Un totale di 38 paesi ha già segnalato infezioni XBB.1.5, ha annunciato mercoledì l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). La maggior parte dei casi si trova negli Stati Uniti (82%), seguiti da Regno Unito (8%) e Danimarca (2%).

READ  Cronaca del 1 gennaio 2023 – Un buon anno con acqua potabile PULITA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *