Zero IVA su frutta e verdura è fattibile ed efficace

Zero IVA su frutta e verdura è fattibile ed efficace

Il benessere e l’economia beneficiano di una riduzione del prezzo del cibo sano, afferma l’assessore di Amsterdam Marjolein Moorman. “Cabinetto, non togliere più quella patata bollente dal piatto.”

Marjolein Moorman

Un adulto su due nei Paesi Bassi e oltre il 15% dei bambini è in sovrappeso o obeso. Queste percentuali sono ancora più elevate per le persone a basso reddito. Dopo anni in cui si è concentrato principalmente sull’informazione o sull’educazione, il governo vuole finalmente adottare misure concrete per combattere il sovrappeso. Nell’accordo governativo di Rutte IV è stata annunciata una tassa sullo zucchero e l’aliquota zero dell’IVA su frutta e verdura.

Purtroppo, dopo la pubblicazione di un report critico di SEO Economic Research, non è più certo che l’azienda continuerà con l’aliquota zero su frutta e verdura. Ma rimandare o cancellare è molto poco saggio. Una riduzione dell’Iva su frutta e verdura è efficace, fattibile e gode del sostegno pubblico. Con il 91% di consensi tra la popolazione, il provvedimento è la proposta più popolare dell’accordo di coalizione.

Frutta e verdura sono diventate il 40% più costose

Negli ultimi due decenni, frutta e verdura sono diventate in media più costose del 40%, mentre lo zucchero è diventato più economico di oltre il 20%. Una recente ricerca dell’UvA mostra che quasi la metà dei residenti di Amsterdam a basso reddito non ha accesso sufficiente a cibo sano. Più della metà di questo gruppo non ha sempre abbastanza soldi per mettere in tavola un pasto sano, e due su cinque dicono di mangiare di meno o di saltare un pasto perché non c’è abbastanza cibo. Gli intervistati hanno indicato di voler mangiare sano, ma i costi devono essere ridotti.

Quindi uovo di mela. Ma invece di accelerare, il gabinetto ha voluto prima svolgere un’indagine. I risultati sono deludenti. Perché invece di imparare dai leader internazionali in questo campo, i ricercatori sono già bloccati sulla questione di cosa si intenda esattamente per frutta e verdura. Contestano poi l’efficacia di tale misura e invocano la perdita di gettito IVA.

Cosa dovrebbe fare il governo con i risultati di questo studio? Per quanto ci riguarda è chiaro: non buttate più quella patata bollente fuori dal piatto. Decidi il prima possibile quali elementi sono e non sono coperti dalla legge e introducili il prima possibile. È sempre stata una scelta politica determinare quali prodotti rientrare in quale aliquota IVA: il mangime per conigli rientra nell’aliquota alta e il mangime per cavie rientra nell’aliquota bassa. Quindi, dovrebbe essere possibile operare scelte chiare anche quando si tratta di rimuovere l’IVA, ad esempio, su frutta e verdura non trasformate?

Un passo che aiuterà davvero le persone con una piccola borsa di studio

Le preoccupazioni circa l’efficacia della misura sono giustificate? NO. Agli scienziati generalmente piace essere cauti, ma in questo caso c’è consenso: le misure sui prezzi alimentari sono efficaci. Ad esempio, uno studio olandese in cui le persone hanno ricevuto uno sconto del 50% su frutta e verdura per sei mesi ha dimostrato che ciò ha portato a un aumento significativo dell’acquisto di questi prodotti alimentari sani, mentre un programma educativo non ha mostrato alcun effetto. Una ricerca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostra anche che l’abbassamento del prezzo dei prodotti sani contribuisce effettivamente al loro consumo, ancor di più se introdotto contemporaneamente alla tassa sullo zucchero.

Naturalmente, questa misura da sola non è sufficiente per portare tutti gli olandesi a un peso sano. Dobbiamo lavorare per un sistema alimentare sano in cui i cibi sani siano più accessibili e convenienti di quelli malsani. Questa misurazione del prezzo è un passo importante verso un tale sistema. Un passo che aiuterà davvero le persone con una piccola borsa di studio.

Gabinetto, prenda l’esempio di paesi come Spagna, Slovacchia e Regno Unito, che hanno attuato senza problemi e con risultati la riduzione dell’Iva su frutta e verdura.

A lungo termine, il guadagno in termini di salute si traduce in maggiore felicità nella vita, riduzione dei costi sanitari per una popolazione più sana, maggiore partecipazione al lavoro e minore disabilità. E tutti noi beneficiamo di questo profitto nei Paesi Bassi. Limone spremuto facile facile.

Marjolein Moorman è assessore all’istruzione, alla gioventù, alle politiche contro la povertà e alla cancellazione del debito ad Amsterdam. È anche assessore alle cure.

Leggi anche:

La ricerca mette in dubbio l’utilità dell’IVA zero percento su frutta e verdura

L’IVA allo zero percento su frutta e verdura è giuridicamente complicata e si prevede che porti pochi benefici per la salute. Questa è la conclusione dei ricercatori di SEO Economic Research.

Frutta più costosa, dolci più economici. Dovrebbe essere il contrario, dice il Nutrition Center

I prezzi dei cibi sani stanno aumentando più velocemente di quelli dei prodotti malsani. Una brutta cosa, secondo il Nutrition Center.

READ  "Il latte d'avena non fa bene al corpo" - Wel.nl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *