Acquista TikTok: Oracle vince la gara. Offerta Microsoft rifiutata

Oracle ha vinto la gara per le attività statunitensi dell’applicazione cinese TikTok, battendo Microsoft. Lo scrive il Wall Street Journal, citando qualcuno che ha familiarità con la questione.
L’azienda con sede a Redwood intende pubblicizzare TikTok come un “partner tecnologico di fiducia” negli Stati Uniti, ma è improbabile che l’accordo venga strutturato come una vendita completa. Il passo successivo spetta alla Casa Bianca e alla Commissione per gli investimenti esteri degli Stati Uniti, che devono approvare l’accordo.

È stata la stessa Microsoft ad annunciare la sua offerta di acquisto dei cinesi l’app di brevi video che era popolare tra i ragazzi era è stato rifiutato dalla società proprietaria ByteDance, alla vigilia della scadenza del 15 settembre di Donald Trump per vietare la popolare app.

Oracle, una delle poche società della Silicon Valley ad allearsi pubblicamente con Trump, è rimasta l’unica società in lizza per l’acquisto. ByteDance aveva indicato che Oracle sarebbe stato il suo “partner tecnologico” sebbene non fosse specificato se avesse preso la maggior parte dell’applicazione.

“Siamo fiduciosi che la nostra proposta sarebbe stata buona per gli utenti di TikTok proteggendo gli interessi della sicurezza nazionale”, ha detto Microsoft in una nota. Non è noto il motivo per cui l’offerta è stata rifiutata. Ad agosto, la società ha dichiarato che avrebbe insistito su una serie di protezioni che le avrebbero essenzialmente dato il controllo sul codice del computer utilizzato da TikTok per gli Stati Uniti e su altre versioni inglesi dell’app.

Alcune settimane dopo, Pechino ha emanato nuove normative che impediscono efficacemente a TikTok di trasferire la sua tecnologia ad acquirenti stranieri senza il permesso esplicito del governo cinese. Oracle non ha detto nulla pubblicamente su cosa farebbe con la tecnologia alla base dell’app.

READ  Crollano le concessionarie di automobili, minacciati 150.000 posti di lavoro

L’ultimatum di Trump è fissato per il 15 settembre

La vendita degli asset statunitensi di TikTok – del cinese ByteDance – non sarà prorogata oltre il 15. Lo ha confermato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in conferenza stampa. “Vedremo cosa succederà”, ha detto Trump. “Chiuderemo TikTok in questo paese per motivi di sicurezza, o verrà venduto”, ha aggiunto il presidente. “Non sto estendendo le scadenze, è il 15 settembre. Non ci sarà alcuna proroga della scadenza per TikTok”.

Trump ha firmato un ordine esecutivo che vieta le transazioni con i proprietari cinesi delle app TikTok e WeChat, spingendo così efficacemente la cinese ByteDance a vendere la partecipazione nelle operazioni di TikTok negli Stati Uniti.

Larry Ellison, uno dei pochi sostenitori che Donald Trump si ritrova nella Silicon Valley, è entrato in campo ad agosto per riprendere le operazioni statunitensi da TikTok.

Oracle, la compagnia dell’imprenditore 76enne accreditato di una fortuna di quasi 65 miliardi di dollari (12 ° posizione nell’indice Bloomberg Billionaires), ha contattato un gruppo di fondi americani – tra cui General Atlantic e Sequoia – per contestare Microsoft, che aveva già dichiarato ad inizio agosto il proprio interesse per le attività dell’applicazione in via di interruzione: oltre a quelle degli Stati Uniti, il pacchetto comprende anche Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *