Addestramento per difendere la Terra: un razzo colpirà presto un asteroide

Addestramento per difendere la Terra: un razzo colpirà presto un asteroide

Il veicolo spaziale impatterà l’asteroide a circa 22.000 chilometri orari. L’obiettivo non è far esplodere tutto, ma tirare fuori Dimorphos dall’orbita con un tiro ben mirato. Questa è la prima volta che la NASA intraprende una missione del genere, quindi questo è solo un test. Dimorphos stesso non rappresenta una minaccia per la Terra.

Michel van Pelt dell’Agenzia spaziale europea spiega che la missione si compone di due fasi. “La NASA e l’ESA stanno conducendo insieme ricerche sugli asteroidi. In primo luogo, il Dart della NASA si schianta contro una roccia spaziale, poi Herasonde dell’ESA verrà inviato nello spazio nel 2024 per vedere cosa è successo esattamente. Vedremo anche dalla Terra quali saranno le conseguenze”.

“Si tratta davvero di difendere la terra. Finora siamo sempre stati molto fortunati”, afferma Van Pelt. “Ora stiamo anche mappando quali sono gli asteroidi pericolosi. Di conseguenza, ci sono anche sempre più allarmi per gli asteroidi. Quindi vediamo, ad esempio, che c’è una possibilità su 1000 che colpiscano il suolo”.

Modelli

“Ma poche ricerche sono state ancora fatte su cosa possiamo fare esattamente se succede qualcosa del genere”, continua van Pelt. “Vorremmo vedere se anche i modelli che abbiamo sono corretti”.

Che non faccia davvero male testare questo, è confermato dal giornalista spaziale George van Hal. “Succede con una certa regolarità che un tale asteroide si diriga verso la Terra”, spiega. “Succede una volta ogni dieci o vent’anni, ma si tratta di varianti leggermente più piccole. Vicino a Chelyabinsk in Russia, ad esempio, ne è stata colpita una di dimensioni pari a circa la metà e anche le persone sono rimaste ferite”.

READ  Test psicologico, qual è la tua personalità nascosta?

“Non funzionerebbe per tutti gli asteroidi”, continua Van Hal. “Se uno diventa davvero grande, come i dinosauri, non è abbastanza”. Tuttavia, anche i ragazzini non sono del tutto innocui. “Dimorphos è ancora abbastanza grande da spazzare via una città come New York.”

Secondo Van Pelt, non ci sono stati impatti davvero significativi nella storia recente. “Poi ne avremmo visto i resti. Quell’impatto in Russia non ha avuto grandi conseguenze, ma se fosse finito ad Amsterdam sarebbe stata un’altra storia. La possibilità è piccola, ma i possibili effetti sono enorme.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *