Ah!  Questo è il motivo per cui ti ammacca più facilmente quando invecchi

Ah! Questo è il motivo per cui ti ammacca più facilmente quando invecchi

Devi solo sbattere contro il bordo del tavolo o ti apparirà un enorme livido sulla parte superiore della gamba. Ti fai lividi facilmente o noti che ti fai lividi sempre più velocemente? Questo è ciò che provoca lividi.

La nostra pelle diventa più sensibile

Uno viene elencato più velocemente dell’altro. Ha tutto a che fare con lo spessore e la forza della nostra pelle. Ematologa Karina Meijer di UMCG spiega: “Ti fai un livido se cadi o colpisci qualcosa. La tua pelle può rimanere intatta, ma il vaso sanguigno sotto la pelle può strapparsi o rompersi e poi sanguinare. Quindi un livido è solo sangue. Poiché la tua pelle è uno strato protettivo dei tuoi vasi sanguigni, le proprietà della tua pelle influenzano lo sviluppo di lividi. Se hai la pelle più sottile e debole, i lividi appariranno sulla tua pelle prima che se hai una pelle più spessa e più forte. Il numero di strati cellulari nella pelle diminuisce con l’età Centro di conoscenza Abena. Di conseguenza, la nostra pelle diventa più sottile e più vulnerabile. Mantenere la pelle soda? Qui vi diamo consigli su come mantenere naturalmente la pelle soda.

I lividi sono dannosi?

Sebbene un livido possa essere piuttosto imbarazzante, fortunatamente non è dannoso. Il tuo corpo ripara i vasi sanguigni rotti e pulisce il sangue, quindi la macchia cambia colore in viola, verde e giallo e alla fine scompare completamente. Attenzione: i lividi possono anche essere un sintomo del disturbo emorragico di Von Willebrand secondo l’UMCG. In questa condizione, c’è una mancanza di una certa proteina della coagulazione. Questa proteina assicura che l’emorragia non possa essere fermata così rapidamente. Queste persone possono creare un enorme livido. Hai lividi spontaneamente e spesso? Allora vai dal dottore.

READ  Linfociti T helper: cosa sono ea cosa servono? - AssoCareNews.it

seguici anche tu instagram, Facebook E ICT Tac. Più sano adesso? Allora dai un’occhiata alla rivista e iscriviti alla newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *