Alla scoperta dello spazio interstellare

Il Nasa prevede di inviare una sonda in grado di viaggiare nello spazio interstellare. Sonda interstellare, questo è il nome dell’astronave, andrà molto oltre il Sonda Voyager, circa 1000 unità astronomiche dal Sole per saperne di più sui processi che regolano la formazione dieliosphere, la gigantesca bolla magnetica che contiene il sistema solare. La missione potrebbe essere lanciata all’inizio del prossimo decennio e impiegherebbero circa 15 anni per raggiungere il limite dell’eliosfera, rispetto ai 35 utilizzati dai Voyager, mentre la durata operativa dovrebbe essere di circa 50 anni.

Al il progetto attualmente coinvolge circa 500 scienziati e ingegneri da tutto il mondo che hanno discusso della missione a Assemblea generale della European Geosciences Union. Il team mira a far luce su diversi problemi di fisica irrisolti, inclusa l’interazione tra plasma solare e vento interstellare e la forma dell’eliosfera. “Sonda interstellare – ha affermato Elena Provornikova del Johns Hopkins Applied Physics Lab – prenderà le immagini dell’eliosfera usando il atomi di energia neutra, una tecnologia utilizzata per creare immagini globali di fenomeni altrimenti invisibili e può essere in grado di osservare il luce di fondo extragalattica risalente agli albori della formazione di Via Lattea. Lo studio dell’eliosfera – prosegue Provornikova – è importante perché protegge il sistema solare dai raggi cosmici galattici altamente energetici ”.

Attualmente il Unico si trova all’interno del Nube Interstellare Local che si estende per circa 30 anni luce e alcune ricerche recenti suggeriscono che la nostra stella potrebbe spostarsi sul bordo di questa nube e quindi entrare nella regione dello spazio interstellare di cui non sappiamo quasi nulla. Secondo i ricercatori, questo cambiamento di posizione potrebbe aumentare o diminuire le dimensioni dell’eliosfera o modificare la quantità di raggi cosmici che colpiscono la Terra.

Il progetto Interstellar Probe è giunto all’ultimo anno della fase di studio concettuale che ha il compito di individuare gli obiettivi scientifici della missione. Alla fine dell’anno, gli scienziati presenteranno alla NASA un rapporto che lo descriverà scienza, oltre all’elenco di una serie di carico utile, che potrebbe far parte della suite di strumenti di bordo.

READ  SpaceX Crew-1 presso la ISS, prima missione operativa con equipaggio il 31 ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *