Allerta meteo della Protezione civile per Capodanno: tanta neve in Liguria e Pianura Padana, maltempo [MAPPE]

A Capodanno è previsto un peggioramento delle condizioni meteorologiche nelle regioni settentrionali e in Toscana e Lazio, con piogge diffuse che al nord avranno carattere nevoso anche alle basse quote.

Sulla base delle previsioni disponibili, la Direzione della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni interessate – responsabili dell’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche. I fenomeni meteorologici, impattando le diverse aree del Paese, potrebbero determinare le criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in sintesi nazionale, nel bollettino di criticità e allerta nazionale disponibile sul sito web del Dipartimento (http: //www.protezionecivile.gov .il).

Dalle prime ore di domani, venerdì 1 gennaio, nevicate sopra i 200 metri e localmente anche nelle pianure di Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia-Romagna e sopra i 500 metri in Veneto, con contributi al suolo in generale moderati, localmente abbondanti. L’avviso prevede anche piogge sparse a piogge diffuse, inclusi ritorni o temporali, su Veneto, Emilia-Romagna e Toscana, estendendosi dalla tarda mattinata nel Lazio, in particolare sulle zone costiere . I fenomeni saranno accompagnati da forti rovesci, fulmini e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni attuali e attesi, è stata valutata per domani, 1 gennaio, un’allerta gialla sui settori occidentali di Emilia-Romagna, Toscana, Sardegna e Molise, oltre che sull’intero del territorio dell’Umbria e del Lazio.

La tabella meteorologica e le previsioni dei problemi critici per l’Italia sono aggiornate quotidianamente sulla base delle nuove previsioni e degli sviluppi dei fenomeni, e sono disponibili sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (http: // www.protezionecivile.gov.it), unitamente alle regole generali di condotta da seguire in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionale, sulle criticità specifiche che potrebbero interessare i diversi territori e sulle azioni preventive adottate sono gestite dalle strutture di protezione civile territoriale, in contatto con le quali il Dipartimento monitorerà l’evoluzione della situazione. .

READ  Perché molti vaccini vengono somministrati in due dosi?

BOLLETTINI DI SORVEGLIANZA DEL 31 DICEMBRE 2020

Precipitazioni: da isolate a disperse, anche a carattere capovolto o burrascoso, nella Liguria di Levante, nell’Appennino emiliano, nel nord della Toscana, nell’ovest della Sardegna, nel sud della Campania e nei settori tirrenici del Basilicata e Calabria, con bassi quantitativi cumulativi, fino a occasionalmente moderati in Liguria di Levante, Appennino toscano e Calabria tirrenica settentrionale.
Nevicata: sopra i 900-1100 m sui settori settentrionali dell’Appennino con scarso apporto al suolo.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: basse temperature e gelate notturne generalizzate nelle regioni settentrionali e interne del Centro.
Venti: localmente forti da Ovest sulle zone costiere meridionali del Tirreno, in diminuzione.
Mari: i bacini occidentali e il mar Ionio sono molto mossi.

BOLLETTINI DI SORVEGLIANZA DEL 1 GENNAIO 2020

Pioggia:
– da sparso a diffuso, anche di carattere invertito o temporale, nel sud-ovest del Piemonte, nei settori occidentali di Lombardia, Veneto e Sardegna, Liguria, Appennino emiliano e settori costieri della Toscana e dal Lazio, con quantità cumulative moderate, fino a occasionalmente elevate in Liguria de Levante, Appennino emiliano, alta Toscana e Sardegna occidentale;
– sparsi, anche di carattere invertito o temporale, in Valle d’Aosta, nel resto del Piemonte, Lombardia, Triveneto, Toscana, Lazio e Sardegna, e nella pianura emiliana, Umbria, ovest dal Molise e dalla Campania centro-settentrionale, con importi cumulativi da bassi a occasionalmente moderati;
– isolato, anche con una battuta d’arresto o un breve temporale, sul resto del nord, i settori occidentali dell’Abruzzo, il centro del Molise, l’est della Campania e la Sicilia, con bassi quantitativi cumulativi.
Nevicate: sopra i 200-400 m in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Appennino Ligure ed Emiliano, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti; sopra i 500-700 m sul Triveneto, con contributi al suolo da moderati ad abbondanti; sopra gli 800-1000 m nell’Appennino toscano, con contributi al suolo da bassi a moderati.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: senza variazioni significative, con basse temperature e gelate notturne al Nord e nell’interno del Centro-Sud.
Venti: forti da sud sulla Sardegna, con raffiche di mareggiate, e parte centro-settentrionale del Tirreno; Serata tendente a forti meridionali sul resto del Centro-Sud.
Mari: molto mossi, tendenti a scuotere i bacini occidentali; le piscine rimanenti tendono ad essere molto agitate di notte.

READ  SECONDA ONDA di contagi, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarlo. Ecco come »ILMETEO.it

02 GENNAIO 2020 BOLLETTINI DI SORVEGLIANZA

Pioggia:
– da sparso a diffuso, anche di carattere invertito o temporale, in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Appennino emiliano, Toscana, Umbria occidentale, Lazio, Campania, Puglia centrale, Basilicata occidentale e ionica, Calabria, Sicilia settentrionale e sud-orientale e Sardegna occidentale, con quantità cumulative moderate, fino a quando occasionalmente elevate a est della Valle d’Aosta, i settori settentrionali del Piemonte e del Friuli-Venezia Giulia, la Liguria orientale, le zone costiere di Toscana, Lazio e Campania, Basilicata tirrenica, Ionica e Calabria meridionale e nord-est dalla Sicilia;
– da isolato a disperso, anche di natura inversa o temporale, sul resto del territorio, con quantità cumulative da basse a occasionalmente moderate.
Nevicate: sopra i 200-400 m in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Appennino Ligure ed Emiliano, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti, con livelli di innevamento in aumento nel corso della giornata; oltre i 600-800 m sul Triveneto, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti; sopra i 1000 m nell’Appennino toscano, con apporti al suolo da bassi a moderati.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: minime in sensibile aumento locale, con basse temperature e gelate notturne al Nord.
Venti: forti da sud su tutte le regioni centro-meridionali, con raffiche di temporale sui settori Sardegna, Tirreno e Appennino, attenuandosi in serata; in forte tendenza verso sud sui settori adriatico e ionico.
Marito: bacini occidentali da molto mossi a irrequieti; i bacini rimanenti erano molto attivi, l’Adriatico era localmente agitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *