Anziani e alcol: piacere sano o malsano?

Anziani e alcol: piacere sano o malsano?

Almeno ottanta studenti, dipendenti e professionisti saranno presenti online e fisicamente mercoledì mattina alla masterclass organizzata dal master Healthy Ageing e dall’istituto per la cura delle dipendenze Novadic Kentron. Secondo il responsabile del programma Kenny Jansen, la masterclass deriva dall’accordo di prevenzione di Eindhoven, che presta molta attenzione al divertimento analcolico. “Tradizionalmente, l’attenzione è stata rivolta ai giovani. Ma qual è la sfida per gli anziani e cosa possiamo fare per questo gruppo target? Lo studieremo in questa masterclass, in cui lavoriamo sulla valorizzazione delle competenze dei (futuri) professionisti.

La masterclass è piena di esperti. In qualità di responsabile del programma per il seminario accademico sull’abuso di sostanze, Rob Bovens dice tutto sul fatto che bere alcolici sia effettivamente salutare o malsano. “Briviamo alla nostra salute, quando siamo malati”, spiega durante la sua presentazione. “E lo facciamo molto, perché il livello di consumo di alcol nella fascia di età 55-75 anni è aumentato notevolmente negli ultimi due decenni”.

Bere per abitudine
Secondo Bovens, coloro che bevono spesso sono spesso single, fumano, spesso siedono sul divano, hanno un livello di istruzione relativamente alto e un buon reddito, e mostrano caratteristiche di ansia o disturbi di panico. “Questo gruppo beve spesso per abitudine. Neanche noi ne sappiamo di meglio, perché l’abbiamo già imparato studiando. Quando hai una carriera e hai figli, rallenta un po’, ma non appena puoi di nuovo, l’alcol torna rapidamente in scena.

Ciò porta a varie conseguenze negative come problemi di sonno, aumento dei farmaci e pericolosa partecipazione al traffico. “Ci sono tante persone che un giorno escono con la bici elettrica, bevono qualche vino e finiscono per cadere. Questo porta ad un aumento delle visite ospedaliere.

READ  "Se non facciamo una scelta saggia, presto sarà come negli Stati Uniti qui" - Wel.nl

“La dipendenza è una malattia”
Tuttavia, non si ferma qui. Anche il numero delle persone di 55 anni e più a carico è aumentato di almeno due anni e mezzo rispetto a dieci anni fa. “La dipendenza da alcol è una malattia, ma nella nostra società prevale l’immagine che non vogliamo essere parte del trattamento della dipendenza, mentre questi professionisti della salute vogliono aiutarti.

Ciò è confermato da Janneke de Jong, account manager di Novadic Kentron, e Saskia van Schaijk, esperta di dipendenze. “L’alcol intorpidisce il cervello, provoca cambiamenti comportamentali, aumenta la frequenza cardiaca e disidrata il corpo. A lungo termine, l’alcol può persino causare danni cerebrali, sindrome di Korsakov, infiammazione del pancreas, problemi al fegato, infarti, ictus e tumori. E se sai che questo è il volantino, a chi diavolo consiglieresti di bere alcolici?” [Tekst gaat verder onder de foto]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *