Australia, crolla il castello gonfiabile: muoiono quattro bambini – Corriere.it

a partire dal Editoriale online

Cinque feriti gravemente dopo che il castello gonfio è caduto a causa di una forte raffica di vento alla festa di fine anno in Australia

Ci sono quattro bambini morto, e altri cinque sono gravemente feriti dopo un Chateau
gonfiato abbandonato a una festa di fine anno in Australia. Posso purtroppo confermare che sono morti quattro bambini – ha detto la polizia di Stato di Tasman – altri quattro sono in condizioni critiche e uno in condizioni critiche acuto. La causa del crollo – secondo quanto riferito dalla polizia alla Bbc – è stato il forte vento che ha colpito la zona. I bambini sarebbero caduti da un’altezza di dieci metri. Due ragazze e due ragazzi sarebbero i bambini uccisi. Le autorità non hanno dato la loro età.

L’incidente è avvenuto giovedì durante una giornata di festa nella scuola primaria uno Devonport, in Tasmania.

Il comandante della polizia della Tasmania Debbie Williams ha descritto così tanto la scena duro. Una folata di vento sembra aver causato il Chateau in aria, ha detto ai giornalisti fuori dalla Hillcrest Elementary School.

Il primo Ministro Scott australiano Morrison ha descritto l’incidente come incredibilmente straziante: bambini piccoli che giocano in una giornata divertente… e tutto si trasforma in uno la tragedia perché orribile. In questo periodo dell’anno, ti spezza il cuore, ha aggiunto.

Quella della Tasmania non è la prima incidente fatale che ha colpito i giochi gonfiabili. Nel 2019 in Cina, ricorda la Bbc, due bambini sono morti e altri 20 feriti in un episodio simile a quello avvenuto in Australia. L’anno prima, una ragazza era morta nel Regno Unito dopo essere caduta da un Chateau gonfiabile esploso sulla spiaggia di Norfolk. Nel marzo 2016, un altro gonfiabile è esploso con dentro un bambino di sette anni, a Inghilterra; in relazione all’incidente, due dipendenti del parco giochi sono stati arrestati con l’accusa di omicidio colposo per gravi motivi negligenza.

Articolo in aggiornamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *