Bauke Mollema trova inquietante la partenza del Giro in Ungheria: “Felice quando siamo in Italia”

Bauke Mollema trova inquietante la partenza del Giro in Ungheria: “Felice quando siamo in Italia”

Giovedì 5 maggio 2022 alle 11:00

Colloquio

Bauke Mollema non vede l’ora che inizi il Giro d’Italia, ma non vede l’ora della Grande Partenza. Quest’anno è nella capitale dell’Ungheria, Budapest. Per l’olandese 35enne di Trek-Segafredo, non è così necessario. Alla conferenza stampa di mercoledì pomeriggio, lo chiama a rompicoglioni

Mollema non è del tutto sicuro della sua posizione. Sta ancora affrontando le conseguenze della sua caduta a Liegi-Bastogne-Liegi, in cui fu coinvolto anche Julian Alaphilippe. “Non sono più il più giovane”, ride. “Nelle ultime due settimane, mi sono sentito un po’ rigido come un vecchio. Avevo un po’ di mal di schiena, ma avevo anche problemi alle costole e al ginocchio. Non perfetto, ma sono riuscito a completare quasi tutti i miei allenamenti programmati. Ho costruito un po’ più di pace. Ora siamo qui e dobbiamo aspettare e vedere come è il mio modulo.

“Ho alcuni appuntamenti con l’osteopata nei prossimi giorni”, continua. “Ma mi aspetto che tutto andrà bene quando inizieremo e migliorerà nelle tre settimane. Sono stato in grado di fare il mio allenamento di resistenza e anche di intensità. Sono sicuro che le mie condizioni erano in ordine. a Liegi. Ma i miei valori ​erano ancora bravi in ​​allenamento la scorsa settimana, nonostante un po’ di feeling in meno. La condizione è ancora lì, credo. Ora spero di riuscire a vincere una tappa.

Mollema ha vinto una tappa del Tour l’anno scorso – foto: Cor Vos

Dirottatore irritato
L’ex vincitore di tappa del Tour de France e della Vuelta a España lo fa con piacere. “Questo è certo! Unirsi al volo è meno stressante che salire per una classifica. Non vedo l’ora. Sono pronto anche per quello, anche se dobbiamo aspettare e vedere come stanno le gambe. Ma lui è ancora troppo presto per dire quali giostre sono adatte ai fuggitivi. La classifica della montagna è un obiettivo? No, assolutamente no. Se sei fortunato per qualche giorno e accumuli molti punti, ci sarai. Quindi no, non lo è un obiettivo a tutti”.

READ  Proteste in Iran • L'equilibrio di Meloni • L'ora del perdono delle streghe?

In ogni caso Trek-Segafredo è al via con una squadra solida. Oltre a Mollema sono presenti anche gli alpinisti Giulio Ciccone, Mattias Skjelmose e Juan Pedro López. Quest’ultimo è arrivato tredicesimo nella classifica finale dell’ultima Vuelta. “Ciccone punta a una buona classifica. L’anno scorso è stato anche lapidato a giorni dalla fine, finché non si è arreso. Adesso può farlo di nuovo. In futuro, Skjelmose potrebbe anche competere per una top 10 o anche più alta. Ora sta facendo il suo debutto, quindi dobbiamo aspettare e vedere come reagirà a tre settimane di gare”.

Trasferimento dall’Ungheria all’Italia
La Grande Partenza è dunque in Ungheria quest’anno, ma Mollema ci sta pensando. “Non ho ancora sentimenti per il Giro. Ci sono andato solo un giorno. Dopo la presentazione della squadra più tardi oggi, ne aspetto altri sentimento ottenere. Durante un giro libero qui non abbiamo incontrato molti ciclisti. Non mi sentivo molto al sicuro qui nel traffico.

“L’intero viaggio è un rompicoglioni, trovo piuttosto inquietante che non stessimo lasciando l’Italia e siamo dovuti partire in aereo dopo tre giorni. Anche il giorno di riposo non è un vero giorno di riposo, perché devi viaggiare. Volare la domenica sera sarebbe stato più bello, ma non lo facciamo fino a lunedì mattina. Sono felice quando siamo in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *