“Colpire i consumatori nel cuore”

“Colpire i consumatori nel cuore”

Connettendosi socialmente, inizierà la crescita biologica. I relatori Cees Veerman e Martien Lankester hanno presentato questo specchio ai visitatori del simposio NZ27 a Zeewolde il 15 giugno. Il consiglio di amministrazione di NZ27 era curioso di sapere come sarà l’agricoltura biologica nel 2050 e ha invitato oltre 60 persone del settore a discutere possibili soluzioni. Una forte collaborazione con il consumatore è il filo conduttore.


Discutere tra loro di margini uguali ed equi.

Piattaforma di vendita digitale centrale
“L’agricoltura biologica è molto bella, ma non facile”, ha detto Veerman. Ad esempio, vede sfide significative nell’area dell’innovazione, del lavoro, della tecnologia (raccolta), degli input e delle vendite in cui i prodotti biologici devono essere all’altezza dei loro valori sottostanti. “Non può essere fatto tutto in una volta, ma deve filtrare”, afferma Veerman, che cita la collaborazione cooperativa e una piattaforma di vendita digitale come opportunità entusiasmanti per crescere organicamente e uscire dagli schemi. consumatori. Invita il Retail ma anche le banche ad assumersi le proprie responsabilità nella transizione dell’agricoltura. “In un momento come questo, non dovrebbero esserci tabù e dovremmo aiutare gli agricoltori a cambiare e ad essere aperti alla collaborazione tra biologico e convenzionale”.

Il relatore Cees Veerman mostra uno specchio al settore biologico.

La cooperazione sociale nella catena alimentare
Il relatore della Avalon Foundation, Martien Lankester, vorrebbe vedere il valore aggiunto del biologico incorporato nell’etichetta del biologico. “Nel nostro sistema di certificazione vediamo le regole, ma non i valori”. È proprio l’agricoltore sostenibile che può essere il medico del futuro, non solo per la salute delle persone, ma anche per un sistema alimentare sano per gli agricoltori e il pianeta. La cooperazione sociale a un prezzo equo nella catena alimentare, come con “Herenboeren”, collega i consumatori con la produzione alimentare. Ad esempio, acquistando terreni o prodotti da e per gli agricoltori della propria regione. Queste possono diventare fiorenti regioni biologiche che diffondono storie su valori come la biodiversità, il rispetto per gli animali e la salute e ispirano altri agricoltori ad agire per un’agricoltura a prova di futuro.

READ  Combattere il cambiamento climatico? È possibile con le pietre su questo sentiero

Approfondimento sulla diversità nella catena di vendita.

Più regole
Michaël Wilde, direttore di Bionext, Gerjan Snippe, imprenditore della filiera corta, e Joost van Strien, produttore vegano, hanno parlato in modo più specifico con i visitatori della specificità del biologico e delle possibilità di sviluppare in equilibrio domanda e offerta. Tutti sono d’accordo sul fatto che il biologico dovrebbe distinguersi maggiormente nelle principali questioni sociali e comunicarlo in modo più forte. I presenti vogliono impedire l’introduzione di nuove regole, anche se le prestazioni in aree come lo sviluppo della biodiversità e la salute dovrebbero forse essere misurate con i KPI e forse il Ministero della Salute potrebbe essere coinvolto in questo. In breve, c’è molto di cui parlare e NZ27 ha invitato i visitatori a tornare per questo, incluso un pasto a base di prodotti propri presso il loro centro di ispirazione De Beleving. Il Direttore dell’NZ27 Douwe Monsma e il Presidente Jules van der Weerd ripercorrono con grande soddisfazione la celebrazione ispiratrice del 25° anniversario della loro azienda agricola biologica e non vedono l’ora di proseguire le discussioni.

Cees Veerman in conversazione con l’agricoltore Tom Saat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *