come è possibile che l’economia russa regga per il momento?

come è possibile che l’economia russa regga per il momento?

Le vie dello shopping in Russia sono leggermente cambiate, ma non sono vuote

Notizie ONS

  • Iris di Graaf

    Corrispondente dalla Russia

  • Iris di Graaf

    Corrispondente dalla Russia

Da quando il presidente Putin ha lanciato la sua cosiddetta “operazione militare speciale” in Ucraina, la Russia è stata uno dei paesi più sanzionati al mondo. Proprio ieri, gli Stati membri dell’UE hanno raggiunto un accordo su un decimo pacchetto di sanzioni.

Molti economisti hanno previsto un completo collasso dell’economia russa. La produzione si fermerebbe a causa del divieto di acquistare prodotti russi. Ci sarebbe una grave crisi bancaria e le entrate del petrolio e del gas svanirebbero. Anche in Occidente erano attese proteste e disordini su larga scala tra la popolazione russa.

Molte di quelle previsioni non si sono avverate ora, un anno dopo. Natalia Zubarevich, 68 anni, professoressa di economia all’Università Statale di Mosca, spiega come ciò sia possibile.

Illusione che le sanzioni potrebbero distruggere l’economia russa

“Ci sbagliavamo tutti”, dice Zubarevich. Anche lei ha predetto il crollo dell’economia russa. “Era la prima volta che alla Russia venivano imposte sanzioni di tale entità e nessuno sapeva come l’economia e gli affari si sarebbero adattati. Non eravamo ottimisti”.

Ma lei definisce un’illusione pensare che le sanzioni possano distruggere l’intera economia russa. “La Russia è un paese grande, con un’enorme quantità di materie prime. Il mondo è grande e ci sono sempre alternative”. Crede inoltre che le sanzioni non possano mai cambiare un regime politico.

La Russia aveva già esperienza ed era preparata a sanzioni più severe.

Professore di economia, Natalya Zubarevich

Zubarevich spiega che l’economia russa ha cercato di staccarsi dall’Occidente dal 2014. Poi al Paese sono state imposte sanzioni dopo l’annessione della Crimea. Per contrastare ciò, la Russia ha sostituito molti prodotti occidentali con prodotti nazionali o merci importate da altri paesi non occidentali. La Russia inoltre non ha avuto accesso alle sue attività estere dal 2014. “Quindi la Russia aveva già esperienza ed era preparata per sanzioni più severe”.

READ  John Deere rende disponibili software e strumenti per le riparazioni dei trattori negli Stati Uniti - Professionista IT - Novità

Secondo Zubarevich, è ingenuo da parte dell’Occidente aspettarsi conseguenze importanti perché le sanzioni sono state introdotte così gradualmente. Le sanzioni che hanno colpito più duramente la Russia sono state imposte troppo tardi per avere l’effetto desiderato, ha affermato. “Hai iniziato il boicottaggio del petrolio solo a dicembre. Ha dato alle imprese russe molto tempo per prepararsi adeguatamente, per calcolare tutti i rischi e concentrarsi su altri mercati”.

Le cose sono cambiate nella scena di strada. I negozi occidentali sono ancora in gran parte chiusi, ci sono cartelli con scritte come “siamo temporaneamente chiusi per circostanze tecniche”. Da allora alcuni canali sono stati sostituiti da varianti russe. Ad esempio, McDonald’s è diventato “Tasty, punto” e Starbucks è stato sostituito da Stars Coffee.

Starbucks ora si chiama Stars Coffee in Russia.

Contrariamente alle aspettative, molti prodotti e merci sono ancora disponibili. La maggior parte delle sanzioni è ora aggirata dalle importazioni parallele. Quasi tutto ora entra nel paese attraverso Cina, Turchia, Dubai, Armenia e Kazakistan.

“Si chiama business. Se le persone vogliono fare soldi e possono fare molti soldi con questo, trovano sempre il modo”, dice Zubarevich.

prospettiva oscura

Sebbene la maggior parte degli economisti si aspetti che ci vorranno altri tre o quattro anni prima che il tesoro russo sia così vuoto da avere gravi conseguenze, secondo Zubarevich, anche i prossimi anni saranno difficili. Ad ogni modo, stanno arrivando anni di stagnazione e lento declino, dice.

Alla domanda sul perché i russi non stiano protestando in massa contro le sanzioni, come previsto in Occidente, risponde con irritazione. “Mi sto stancando di questa domanda. Scendi tu stesso in strada. Se protesti, vieni arrestato o picchiato dalla polizia occidentale? Non credo.”

Sopravvivere

Non solo la repressione statale gioca un ruolo importante, ma anche il fatalismo dei residenti russi e la loro capacità di adattamento. I ricavi russi dovrebbero diminuire del 3% nei prossimi anni. “Non è molto. E non muore nessuno. I russi sono abituati a vedere diminuire i loro guadagni durante le crisi. Lo accettano, lo faranno fino alla fine”.

Non va dimenticato che quasi un quarto della popolazione russa è povera o vive vicino alla soglia di povertà, dice. E molti russi sono anche gravati dalla forte pressione dei loro alti prestiti. Ma un momento in cui ne hanno avuto abbastanza, Zubarevich non riesce a vedere: “La maggior parte della Russia sta solo cercando di sopravvivere. Ricordiamo bene cosa può fare uno stato repressivo. Questa paura si trasmette di generazione in generazione. In un paese dove la repressione solo gli aumenti non sono più linee rosse.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *