Come vivi con visioni molto diverse della vita?

Mark Elchardus è Professore Emerito di Sociologia presso la Libera Università di Bruxelles (VUB). Il suo contributo appare ogni due settimane.

Marco Elcardo

Nella più antica giurisprudenza del mondo, la Corte Suprema è giunta alla conclusione che l’aborto non è realmente un diritto costituzionalmente garantito. I vari stati americani possono, se la maggioranza lo desidera, vietare l’aborto. “La Costituzione non menziona l’aborto”, hanno concluso i giudici, “la Costituzione non prevede alcun fondamento per un tale diritto”. Questo è l’esatto opposto della decisione della Corte Suprema del 1973 in Roe v. Guadare. All’epoca, questa stessa costituzione garantiva il diritto all’aborto, anche contro la volontà del legislatore.

Lo studioso di diritto comparato Mauro Cappelletti ha espresso in precedenza preoccupazione per tale arbitrarietà: “Individui relativamente irresponsabili (i giudici) e gruppi (la magistratura) riversano le proprie gerarchie di valori e personalità nei contenitori relativamente vuoti di concetti vaghi come libertà, uguaglianza , ragionevolezza, onestà…” August Vermeylen diceva la stessa cosa già nel 1895: “Sappiamo qualcosa di questo complicato tessuto di ingiustizie, attraverso gentiluomini in nero e rosso gonne zampa, allungati, ritirati, restituiti secondo il loro talento e ingegno. Secondo le gerarchie di valori dei giudici, la stessa costituzione impone norme diametralmente opposte. La competenza giudiziaria serve solo a trovare una scorciatoia tra il testo vago e la preferenza ideologica del giudice.

La sconfitta di Roe ha provocato numerose e massicce proteste. La maggior parte dei commentatori non ha notato quanto sia davvero peculiare questa protesta. Pensaci: le persone cedono i loro diritti democratici ai giudici, si mettono obbedientemente sotto la tutela di quei giudici e poi corrono urlando per le strade per protestare contro una decisione di quei giudici! È un mondo pazzo.

READ  UN INVERNO FOLLE, la storia è improvvisamente fatta

La Corte Suprema degli Stati Uniti è stata raramente progressista nella sua lunga storia. La recente decisione non sorprende. La sfida lo è ancora di più. La protesta è un’attività politica, utile per influenzare una decisione politica. In linea di principio, le decisioni dei giudici non dovrebbero essere influenzate. Ciò minaccia l’indipendenza della magistratura. Dopotutto, questa è la storia che ci viene presentata regolarmente con tono pedante quando ci lamentiamo di giudici la cui preferenza politica personale mette in ombra la legge e il buon senso.

Ho letto che diversi giornalisti stanno ora riportando con tutto il cuore la protesta per la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti. Ne hanno scritto come se volessero unirsi ai manifestanti. Tuttavia, gli stessi giornalisti hanno recentemente condannato politici che si sono lamentati dell’attivista e giudici fuori dal mondo. Per loro, l’indipendenza della magistratura significa apparentemente una dipendenza dalla giusta posizione ideologica. La giustizia è buona finché facciamo le cose per bene.

vita umana

Gli americani sono profondamente divisi su cosa sia la “vita umana”. per la vita vedere il feto come un neonato, una minoranza vulnerabile, minacciata dalla maggioranza. Lo stato di diritto deve proteggerli. Per il scelta professionaleNegli esseri umani, un feto può essere considerato una vita umana solo da poche settimane. Le due posizioni sono accompagnate da visioni divergenti sulla dignità umana. Per alcuni è la dignità della donna che, entro certi limiti, deve poter decidere se far crescere o meno il feto nel suo grembo, per altri la vita che cresce e che è al di là della volontà della donna. .

Queste posizioni sono così diverse che entrambe le parti si accusano a vicenda di cose terribili: oppressione, sangue e omicidio. Trovare un compromesso praticabile tra queste visioni contrastanti della dignità è un compito politico, non una decisione da lasciare ai giudici che, attraverso un’interpretazione arbitraria di una costituzione, gettano una dignità nella spazzatura ed esaltano l’altra alla giustizia.

A seconda dell’evoluzione delle concezioni di dignità a cui una comunità è giunta, la maggioranza prenderà una certa decisione, e poi anche la maggioranza sosterrà quella decisione. Nelle comunità vitali, tale decisione sarà basata su un compromesso, sul tentativo di rispettare sufficientemente la dignità dell’uno senza ferire troppo quella dell’altro. In pratica, questo spesso si riduce alla politica. Si tratta infatti di un’arte. Lasciare tali decisioni ai giudici generalmente indebolisce la volontà di compromesso e crea una situazione in cui lo scontro di opinioni degenera in una lotta per la vita o per la morte.

Sebbene sia probabile che porti ad abusi a breve termine, la decisione della Corte Suprema rende possibili progressi a lungo termine. I sostenitori e gli oppositori dell’aborto americani possono ora cercare un compromesso, una maggioranza che sancisca la legge nei cuori e nelle menti delle persone, non nell’arbitrarietà di nove giudici. Nel complesso, ora è il momento di lasciare che la giustizia e la libertà vivano nei nostri cuori invece di vederli martellati, allungati, ritrattati e trasformati da “signori in gonne nere e rosse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.