Coronavirus: RT nazionale scende a 0,98. Brusaferro: “Decadimento lento”

I punti chiave

  • Mantieni misure rigorose
  • Brusaferro: lento declino, ospedali sovraccarichi
  • Rezza: per le varianti Gb e brasiliana ci sono focolai anche nei bambini
  • Immunità di gregge con il 67% della popolazione vaccinata
  • Sei regioni ad alto rischio, in 13 moderate
  • In 14 regioni di terapia intensiva e aree mediche sotto pressione
  • Il numero di pazienti ospedalizzati è in aumento
  • Lettera di minaccia al ministro Speranza: 4 sospetti

Il valore della RT nazionale scende a 0,98, che la scorsa settimana era 1,08. Si torna quindi al di sotto della soglia di allarme rappresentata da 1. Si tratta dei primi valori esaminati dalla sala di controllo, che fanno parte del monitoraggio settimanale predisposto dai tecnici dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute sui dati forniti da regioni e province autonome. Anche l’incidenza di nuove infezioni sta migliorando coronavirus, ovvero 232 casi ogni 100.000 abitanti, contro i 240 della scorsa settimana.

Mantieni misure rigorose

Dalla sorveglianza risulta la raccomandazione di mantenere misure rigorose: “ I dati di incidenza e trasmissibilità, sebbene in lieve calo, uniti all’elevato sovraccarico dei servizi ospedalieri, richiedono il mantenimento di rigorose misure nazionali di mitigazione accompagnate da tempestivi interventi di mitigazione / contenimento in aree di maggiore disseminazione “. La raccomandazione anche alla luce della diffusione capillare di alcune varianti virali con maggiore trasmissibilità. Si pone, quindi, la” necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra persone e mobilità “, evitando” le occasioni di contatto con persone esterne la tua casa che non sono strettamente necessarie e di stare a casa il più a lungo possibile “.

Caricamento in corso…

READ  FOTO delle nuvole più estreme e insolite della Terra

Brusaferro: lento declino, ospedali sovraccarichi

“L’apertura delle scuole richiede misure di controllo molto rigorose. L’incidenza ancora alta mostra una tendenza al ribasso, possiamo immaginare di poter mantenere questa situazione pur mantenendo il rigoroso rispetto delle altre misure. La scuola è una priorità, facciamo un investimento nella scuola, che richiede grande attenzione in tutto il resto ”, ha sottolineato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa di analisi dei dati dell’ISS-Ministero della Salute sorveglianza, rispondendo ai rischi della riapertura della scuola esistente. Commentando i dati, ha affermato che “l’incidenza rimane elevata, anche se in lieve calo e lontana dalla soglia di sicurezza di 50 casi su 100.000 abitanti a sette giorni. C’è un lento declino, ma anche un forte sovraccarico di ospedali. Ciò significa che le misure stanno funzionando, ma bisogna fare molta attenzione a riportare la circolazione del virus a livelli contenuti ”.

Rezza: per le varianti Gb e brasiliana, focolai anche nei bambini

“In meno di due mesi, la variante inglese ha sostituito completamente i ceppi Sars-CoV-2 precedentemente in circolazione. Questo perché è più trasmissibile: forse siamo almeno dal 40 al 50% in più ”, ha sottolineato Rezza. “La variante brasiliana – precisa – è rimasta stabile al 4% di prevalenza, non corre più della variante inglese. Il problema è che si concentra in parti del centro Italia dove raggiunge almeno il 20%. Occorre quindi uno sforzo di contenimento su questa variante ”. Rezza ha sottolineato che per la variante britannica e brasiliana ci sono “molte epidemie, anche tra i bambini e gli adolescenti più piccoli, e ci sono dati umbri che mostrano incidenze molto elevate”. Rezza ha ricordato che i bambini “di solito hanno un’espressione clinica minore, sebbene non assente, della malattia, ma le nuove varianti possono portare ad una maggiore espressione clinica e la gravità non è del tutto stabilita. Secondo alcuni studi, i bambini in età scolare possono rappresentare il 25% della trasmissione totale ”.

READ  Marte, il rover Perseverance è pienamente operativo: invia le prime straordinarie immagini

Immunità di gregge con il 67% della popolazione vaccinata

“La situazione sta migliorando leggermente, ma l’indice Rt è ancora intorno a 1. L’incidenza sta diminuendo leggermente. Ma c’è ancora un carico significativo sul sistema sanitario, che probabilmente continuerà per molto tempo ”, ha detto Gianni Rezza, direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati di sorveglianza. Rezza ha parlato anche di immunità collettiva. “Con il 67% della popolazione vaccinata, potremmo ottenere l’immunità di gregge, ma alcune condizioni devono essere rispettate, ma per il momento stiamo immunizzando i più fragili”, ha detto. “Non sappiamo se tutti i vaccini che abbiamo a disposizione proteggano da infezioni o malattie, non sappiamo se lo faremo”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *