Cos’è la variante giapponese e cosa comporta: cosa c’è da sapere sulla mutazione spiegata da 5 esperti

UDINE. La variante giapponese di Covid preoccupa gli esperti, che stanno cercando in queste ore di rispondere alle domande più ricorrenti anche tra la popolazione. È più contagioso? E soprattutto, è resistente al vaccino? In attesa di ulteriori studi sulla mutazione del virus scoperta al Tokyo University Hospital, gli scienziati italiani non sono sbilanciati e chiedono cautela, anche nel valutare la sua presunta resistenza ai vaccini.

Bassetti: vigiliamo, ma senza terrorismo
“Sulla variante giapponese (E484K), dobbiamo essere vigili, con la sequenza, ma anche non terrorizzare ogni volta che troviamo una variante dall’altra parte del mondo. Dobbiamo tenerlo presente, poiché dovremmo convivere con virus da anni, quindi dovremmo farlo con le tante varianti che verranno scoperte. Come tutte le varianti, potrebbe essere più contagioso, ma non siamo sicuri se possa sfuggire ai vaccini, servono ulteriori studi ”. Così il direttore delle malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova Matteo Bassetti sulla sua pagina Facebook. “Il Giappone – ha aggiunto – ha gestito molto bene tutte le fasi della pandemia, ma è molto indietro con le vaccinazioni. Quindi è probabile che visto che hanno una quarta ondata di casi, la responsabilità ricada proprio su questa variante perché il virus è tornato. per muoversi liberamente. L’unico modo per combattere le mutazioni è accelerare le vaccinazioni e impedire il passaggio del virus da persona a persona. Questo è l’unico modo per fermare le mutazioni. “Evita di selezionare varianti che saranno comunque lì. virus, batteri e funghi. Sono in continua evoluzione ed evoluzione “.

✉ Coronavirus, iscriviti alla nostra newsletter settimanale: è gratis

Burioni: “Il vaccino Pfizer sembra funzionare”

READ  Dal grande mondo al mondo della precisione - Roberto Boccafogli

L’invito a non fomentare allarmismi arriva anche dal virologo Roberto Burioni: “D’ora in poi domina il ‘varianterrosimo: ogni variante che compare diventa terrorismo. È perfettamente normale che un nuovo virus generi varianti, dovresti essere preoccupato quando queste hanno caratteristiche che lo rendono pericoloso. La variante inglese, ormai dominante in Italia, è molto pericolosa perché è molto più contagiosa e anche più mortale, provocando malattie più gravi. Poi ci sono brasiliano e sudafricano, ma non ci sono altre varianti inquietanti “, è la premessa di Burioni, intervenuto su Rai Radio1. E la variante cosiddetta giapponese (E484K)?” Secondo uno studio condotto dalla Stessa azienda, il vaccino Pfizer sembra funzionare molto bene anche contro questa variante ”, ha detto il virologo dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

“Non ci sono varianti in grado di superare l’immunità indotta dai migliori vaccini – dice – anzi arrivano notizie eccezionali da Israele, dove, ricordiamolo, domina la variante inglese, ma sono molto più avanti rispetto alle vaccinazioni”. . Due studi “molto interessanti” sono stati pubblicati nei giorni scorsi, secondo il virologo, che spiega: “Il primo descrive come i familiari malati, se vaccinati, non vengono contagiati. Mentre il secondo è accompagnato da un primo segno, che è fantastico: infezioni nei bambini, che non sono stati vaccinati. Si inizia quindi a verificare l’immunità della mandria. Una notizia ancora preliminare, ma se confermata è la migliore notizia che sarebbe potuta arrivare, dopo lo scorso novembre sull’efficacia dei vaccini “contro il Covid19. Pertanto, ripete Burioni,” bisogna vaccinare il prima possibile, il virus lo fa. non andare in vacanza “, non puoi mai rallentare.

READ  Insegnante. Scardovelli ▷ Come superare la paura e raggiungere il pieno sviluppo della persona umana

Pregliasco: “Potrebbe ridurre l’efficacia dei vaccini”

Meno ottimista Fabrizio Pregliasco, per il quale la variante giapponese potrebbe ridurre l’efficacia dei vaccini. “L’aspetto positivo – ha detto Pregliasco ad Adnkronos Salute – è di averlo individuato su un piccolo campione e quindi di avere la capacità di seguirlo. Le cose che si conoscono finora sono poche e cioè che si tratta di una variante che unisce le caratteristiche della variante inglese. altre variazioni, e che le valutazioni di ricostruzioni tridimensionali al computer mostrano cambiamenti che potrebbero in qualche modo ridurre l’efficacia delle vaccinazioni, questo è ciò che temiamo “. “Per il momento – sottolinea – è un elemento di preoccupazione che deve ancora essere studiato”.

Ciccozzi: “Niente di nuovo, non pregiudica la vaccinazione”

L’epidemiologo Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di Statistica Medica ed Epidemiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha rassicurato i timori sulla pericolosità di questa variante. “Niente di nuovo – dice – E ‘la solita mutazione E483K, presente nella variante brasiliana, nella variante sudafricana e in almeno il 50% della variante inglese. È una variante come tutte le altre. Circolante, e non pregiudica la vaccinazione . Può diminuire l’efficacia dei vaccini di una piccola percentuale, ma finora agiscono anche contro questa mutazione “.

Questa mutazione “si chiamava” giapponese “- spiega – perché secondo loro (ma non siamo sicuri, perché qualcosa potrebbe essere sfuggito) è nata in Giappone, è stata isolata lì – bassa e non sarebbe una mutazione importata da . Potrebbe essere, non ci sono dati per affermare il contrario, ma ciò non significa che sia uguale agli altri. Davvero ‘nato’ in Giappone, cioè se abbiamo mutazioni che avvengono in continenti diversi ma nello stesso punto in il genoma del virus (in questo caso 484) questo potrebbe tecnicamente rientrare nel concetto di ‘omeoplasia’, cioè di “ convergenza evolutiva ”: questo significa che ci troviamo di fronte ai primi segni che il virus si sta evolvendo adattarci al nuovo ospite che siamo.

READ  Il suo cuore si ferma mentre suona: tredici anni salvati dai medici. Il padre: "E' crollato a terra, eravamo paralizzati dal terrore"

“In altre parole – precisa Ciccozzi – queste varianti non hanno un antenato comune ma è un adattamento che il virus sta tentando. Quanto tempo ci vorrà per adattarle non è noto, ma quel che è certo è che un importante e serio la vaccinazione riuscirà a farlo prima adattare e poi ad averlo come compagno di viaggio che ci farà meno dolore ”.

Galli: “È la variante brasiliana arrivata in Giappone”

“Sebbene non sia stata pubblicata alcuna indicazione che suggerisca una nuova evoluzione con un cambiamento nelle caratteristiche, la variante E484K è una delle mutazioni caratteristiche della variante brasiliana. Chiamarla variante giapponese è per coloro che amano prendere i titoli dei giornali”, afferma Massimo Galli ad Adnkronos Salve, direttore della clinica di malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano.

“Purtroppo c’è la conferma che anche in Giappone, dove sono estremamente attenti e precisi, sono finiti, e sottolineo a meno che non vengano fuori dati diversi – insiste Galli – la brutta ma prevedibile sorpresa che i casi si stanno diffondendo, non molto, della variante brasiliana che era già stata segnalata a gennaio. Le persone che hanno visto questa variante a gennaio hanno ovviamente lasciato dietro di sé un mucchio di infezioni che, dopo pochi mesi, finiscono negli ospedali “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *