Covid, l’avvertimento del virologo: “Vaccinato? Potrebbero essere infettati. 2 casi su 3 della variante inglese “

BARI – I vaccini possono ancora essere infettati e risultare positivi al tampone. Possono infettare gli altri? Si spera di no, non lo sappiamo. Non possiamo escluderlo. Certo, non si ammaleranno mai di forme gravi e non andranno mai in ospedale. E questa è un’ottima notizia ”. Lo scrive su facebook la virologa e docente di igiene all’Università degli studi di Bari, Maria Chironna, responsabile del laboratorio molecolare Covid presso il policlinico di Bari. sono in prima linea, in contatto ogni giorno, nei reparti, con questi pazienti ”. Tuttavia “la vaccinazione – sottolinea – richiede tempo e un enorme dispiegamento di forze. Ci dobbiamo sbrigare. Abbiamo chi ci guida a livello nazionale con idee e obiettivi chiari? Stiamo ancora navigando di vista, credo. L’unica cosa certa è che dobbiamo provare, ancora una volta, a tenere a bada questa nuova ondata di epidemia. Schiaccia la fottuta curva e vaccinane il maggior numero possibile con strategie più flessibili che ci permettono di raggiungere più persone, almeno con una dose, se l’evidenza ci dice che può funzionare e garantisce il minor impatto sul servizio sanitario. Altrimenti siamo fermati ”.

“Circa 10 giorni fa” in Puglia “quasi un caso su 2 proveniva dalla variante inglese. Oggi, circa 2 casi su 3 sono varianti. Quei giorni con un plateau di casi che annunciavano una seconda ondata di controllo, erano solo la calma prima della tempesta. Una tempesta perfetta, annunciata, orchestrata da un virus che non abbiamo mai sottovalutato ma che si rivela più sottile del previsto ”. Lo scrive su facebook la virologa e docente di igiene all’Università degli studi di Bari, Maria Chironna, responsabile del laboratorio molecolare Covid del policlinico di Bari. “Con le varianti – avverte – non si scherza. Solo che siamo un po ‘come San Tommaso. Dal momento che non li vediamo, non ci crediamo. Volevamo la conferma dei numeri. È arrivato puntuale. Oltre mille casi al giorno per diversi giorni. Ieri erano poco meno di 1500. Probabilmente sottovalutati. Tendenza al rialzo ”. E aggiunge: “E come in uno slalom gigante, ecco due pali che renderanno difficile la discesa e che potrebbero portarci fuori pista. La rapida diffusione delle varianti, perché molto più contagiose, e le oggettive difficoltà nel dispiegare forze sul campo per la vaccinazione di massa, nonostante le notizie positive dell’istituzione di enormi hub e palazzetti dello sport per le vaccinazioni. Le varianti girano velocemente, forse anche grazie a una sorta di eliminazione collettiva del problema, mentre la vaccinazione richiede più tempo e tanti operatori ”.

READ  ecco come eseguire correttamente i calcoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *