Crisi aiuti giovani: “Se non facciamo niente ora ci saranno morti”

Crisi aiuti giovani: “Se non facciamo niente ora ci saranno morti”

L’assessore dell’Aia, Hilbert Bredemeijer, non usa mezzi termini: “Non si può più fare come adesso. Il sistema è rotto”, dice l’assessore che si occupa, tra l’altro, dell’assistenza ai giovani nel suo comune .

“Solo a L’Aia abbiamo 189 fornitori di sostegno ai giovani. 189! E non sappiamo da molto tempo se tutto l’aiuto è efficace. Ma dobbiamo rispettare il dovere di aiutare”.

Costa anche denaro. L’anno scorso, il suo comune ha speso altri 60 milioni di euro in aiuti ai giovani.

Volantini per il sostegno ai giovani

Dal 2015 i Comuni sono responsabili dell’assistenza ai giovani, spaziando dall’aiuto leggero per dislessia e “semplici” problemi genitoriali a cure complesse per gravi problemi mentali o disturbi alimentari. I comuni ricevono denaro dal governo; ma si ridurrà notevolmente. E questo mentre la domanda sta aumentando enormemente.

L’assessore Bredemeijer vede ogni giorno come le cose vanno male: “I bambini con problemi minori sono già indirizzati a tutti i tipi di assistenza giovanile. Nel nostro comune vengono distribuiti volantini per pubblicizzare le forme di assistenza giovanile. Giovani. È diventato un modello di reddito”.

E questo mentre i giovani con richieste di aiuto più serie e specialistiche languiscono perché a volte sono in lista d’attesa per mesi, con conseguenti situazioni di pericolo di vita.

“Ti dispera”

Come Robin Knegt (18) di Emmen. Descrive il sistema come “marcio”. Per anni è passata dalla lista d’attesa alla lista d’attesa per il trattamento dell’autismo, del disturbo da stress post-traumatico e della depressione. “Sono stato messo in lista d’attesa di mesi per ogni trattamento. E mi è stato appena detto che dopo due anni di attesa devo tornare in comune perché non sono nel posto giusto”.

READ  Elon Musk termina il suo tentativo di impossessarsi di Twitter | Nuovo

Cosa fa a nessuno? “È senza speranza. A causa dei tempi di attesa, sono davvero caduto in una crisi. Non avevo prospettive e questo mi ha reso ancora più suicida”.

Nuovi pacchetti

Quasi tutti pensano che non si possa più andare avanti così. Anche il guardaroba. Il sistema ha bisogno di una drastica revisione. La prossima settimana (prima di Natale), il Segretario di Stato Maarten van Ooijen presenterà i suoi tanto attesi piani di riforma. Ciò deve includere misure concrete per migliorare la qualità del sostegno ai giovani e ridurne i costi.

Van Ooijen ha consultato i comuni (responsabili per il benessere dei giovani), le istituzioni di assistenza ai giovani e gli operatori sanitari per mesi. Le consultazioni erano bloccate da mesi, un accordo è già stato rinviato quest’anno.

Da un giro tra le persone coinvolte che siedono ai tavoli di discussione, si evince che ora ci sono dubbi anche sul fatto che Van Ooijen raggiungerà un accordo questa volta.

Piangi per i cambiamenti

Se non ci sono nuovi piani, sarà disastroso per i nostri giovani, dicono gli esperti. La richiesta di azioni concrete è grande, soprattutto perché c’è anche un taglio di un miliardo di dollari nell’aria. I comuni riceveranno presto molto meno denaro per fornire assistenza.

Il deputato del PvdA Mohammed Mohandis non capisce come si possa già prenotare un taglio senza un accordo sui piani concreti (programma di riforma). “C’è un disperato bisogno di nuovi piani, qualcosa deve essere fatto. Lo è davvero più o meno adesso.”

La deputata Lisa Westerveld (GroenLinks) concorda: “Il sistema è completamente crollato. Ora qualcuno deve battere il tavolo e dire come faremo le cose in modo diverso. I giovani che hanno bisogno di aiuto ora languiscono nelle liste d’attesa. “Teme casi ancora più strazianti in cui potrebbero verificarsi morti.

READ  nel 2022 sulla bolletta elettrica

Conversazioni intense

Ma la soluzione è complicata. “Comuni e governo si contendono i soldi fino all’ultimo minuto. C’è ancora un gap di decine di milioni da colmare”, dice un insider.

Inoltre, le organizzazioni di aiuto ai giovani stanno lanciando l’allarme sull’implementazione dell’assistenza stessa. “Parliamo molto di soldi, ma dovrebbe essere contenuto di cura.”

Contributo

C’è un intero pacchetto di misure per rendere di nuovo accessibile e di qualità l’assistenza ai giovani. Ma non è ancora chiaro se e cosa deciderà il Segretario di Stato.

Una possibilità è un contributo personale dei genitori per alcune forme più leggere di sostegno ai giovani. Ma per molti parlamentari un contributo personale non è negoziabile.

Si parla anche di togliere l’offerta. L’assistenza ai giovani si è notevolmente sviluppata negli ultimi anni: quasi un bambino su 7 usufruisce di qualche forma di assistenza ai giovani. E c’è una crescita particolarmente esplosiva nelle forme più leggere. Di conseguenza, i costi sono aumentati in modo esplosivo, fino a 5,6 miliardi l’anno scorso.

Come società, paghiamo centinaia di milioni all’anno solo per la dislessia. Potresti rimuovere questo modulo in quanto non è una cura, ma piuttosto qualcosa che rientra nell’educazione.

“Sessioni di coccole con gli animali”

Anche l’assessore Bredemeijer a L’Aia osserva questo: “Siamo ormai arrivati ​​al punto in cui un bambino con problemi comportamentali viene quasi sempre indirizzato a un’assistenza giovanile specializzata. E dobbiamo anche offrire formazione sulla resilienza se un bambino è un po’ timido. O sessioni di coccole . Con gli animali.”

Pensa che “no” dovrebbe essere detto più spesso.

Non aspettare

Resta da vedere se questa settimana il gabinetto annuncerà le tanto attese e, secondo molti, tanto necessarie riforme. “Nei prossimi giorni sono previsti tutti i tipi di consultazioni. Siamo ancora in tempo”, ha affermato il ministero.

READ  paga un extra se condividi la tua password

L’Assessore all’Aja Bredemeijer non vuole più aspettare. Nel frattempo, ha avviato i suoi cambiamenti: il numero di fornitori di assistenza ai giovani sta drasticamente diminuendo e il comune si concentrerà maggiormente sull’aiuto che è buono e necessario.

“Il modello delle entrate non dovrebbe più essere centrale, ma un aiuto buono e necessario. Dobbiamo farlo. Per mantenere il sistema sopportabile, ma soprattutto per i nostri figli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *