Depuratore d’acqua ISS guasto – Astronauti

Il sistema di purificazione dell’acqua installato nella sezione statunitense della ISS è guasto e presto i membri dell’equipaggio dovranno affrontare la sua riparazione.

il Gruppo processore acqua (WPA), installato nel modulo Tranquility, è stato spento a causa di una perdita di fluido. Questo strumento è in grado di purificare l’acqua raccolta da diverse fonti e renderla nuovamente potabile. L’equipaggio non è in pericolo perché a bordo della Stazione Spaziale sono presenti sia i pezzi di ricambio necessari per la riparazione che una sufficiente scorta d’acqua.

Filtrazione, scambio ionico, adsorbimento, ossidazione catalitica e iodazione sono alcuni dei processi di trattamento delle acque reflue disponibili nel sistema Gruppo processore acqua. Questa non è la prima volta che WPA fallisce e probabilmente non sarà nemmeno l’ultima. La Stazione Spaziale è in servizio da più di due decenni e mostra sempre più segni di usura. Negli ultimi mesi sono emerse anche fughe d’aria che hanno contaminato le scorte di ossigeno e richiederanno riparazioni difficili e complicate; gli astronauti a bordo devono ancora scoprire la vera causa di questo problema. Un team di esperti provenienti da Stati Uniti e Russia inizierà a indagare sulla questione alla fine di maggio.

La ISS deve affrontare varie inevitabili riparazioni

Non sono certo i primi fallimenti registrati sulla ISS. Inevitabilmente, l’età della struttura richiederà in futuro sempre più attività di manutenzione straordinaria. Gli astronauti dovranno dedicare più tempo alle riparazioni non programmate proprio perché la maggior parte dei moduli che compongono l’attuale Stazione Spaziale sono in orbita per oltre 20 anni.

Il 20 ottobre, gli astronauti hanno dovuto lavorare tutta la notte perché molte apparecchiature critiche si sono guastate una dopo l’altra.

READ  “Variante inglese dominante. Abbiamo bisogno di un blocco regionale per poter fermare Covid "

Quella notte, i cosmonauti hanno dovuto affrontare il guasto dei servizi igienici nel segmento russo. Nella stessa sera è fallito anche il sistema di approvvigionamento di ossigeno, anche nel segmento russo. Quasi a voler aggiungere la beffa al danno, si è rotto anche il forno elettrico utilizzato per riscaldare i cibi.

Nell’agosto 2020 la Stazione Spaziale Internazionale è stata sottoposta ad un’approfondita analisi concentrandosi sul problema della perdita di atmosfera rilevata, nota e da tempo sotto controllo. Sergej Krikalëv, direttore del programma spaziale umano a Roskosmos, ha detto che il problema della perdita di atmosfera era presente da tempo, ma ha anche chiarito che non è mai stato fonte di pericolo per l’equipaggio; tuttavia, un improvviso peggioramento della situazione ha portato gli specialisti del settore a dare la priorità a questo problema.

In più di 20 anni di vita operativa, la ISS ha sofferto di problemi elettrici, perdite atmosferiche, guasti agli impianti di depurazione dell’acqua, guasti ai servizi igienici, attività extra veicolari non pianificate, fino contaminazione da ammoniaca, la situazione peggiore, compreso un incendio, che potrebbe verificarsi sulla ISS. Fortunatamente, questo avviso si è rivelato essere stato causato da un guasto del sensore e non da un’effettiva perdita di ammoniaca. Astronauta italiano Samantha Cristoforetti era a bordo della ISS quando si è verificata l’emergenza.

Attività extraveicolare per riparare l’Alpha Magnetic Spectometer

Lo scorso gennaio, i cosmonauti russi hanno scoperto due nuove crepe nello scafo della ISS. Il problema era noto da tempo ma, pur tenendolo sotto controllo, per molto tempo non vi prestarono molta attenzione in quanto l’equipaggio si era dovuto concentrare su altre questioni più urgenti.

Fonte: ScienceTimes.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *