Vita in attesa: i migranti privi di documenti sono stufi della loro esistenza senza speranza. “Ho detto al dottore: mi stai uccidendo”

Ahmed Mahdi Ahmed (28) soffre di gravi problemi allo stomaco. Ha subito un intervento chirurgico e sta prendendo pillole per lo stomaco. Da quando è arrivato nei Paesi Bassi, ha perso trenta chili. Non è perché non può mangiare, ma perché il suo intestino è diventato ipersensibile. Il cibo del banco alimentare ha superato la data di scadenza. Per molte persone questo non è un problema, ma per Ahmed lo è. Cerca di mangiare di tutto, ma non sopporta quasi nulla.

Ahmed lasciò il Sudan quando aveva sedici anni. Ha consegnato il suo passaporto ai trafficanti in Grecia e quindi non può più tornare in Sudan. Da allora, la sua vita è stata sospesa. Da anni cerca di ottenere un permesso di soggiorno da vari tribunali. Avrebbe preferito che non finisse nulla. Non gli importa se vuole tornare in Sudan o un permesso di soggiorno nei Paesi Bassi.

I suoi problemi di stomaco erano causati dallo stress. Tuttavia, non vuole sedativi. “So cosa causa lo stress”, dice. “Non sono un bambino a cui puoi dare una pillola. Ho detto al dottore: mi stai uccidendo.

Ha già rinunciato alla speranza di una vita normale. “Ho quasi trent’anni. non posso studiare. non posso lavorare. Non ho una relazione. La mia vita è già per metà finita.

Aspettare

Circa 23.000-58.000 migranti senza permesso di soggiorno vivono nei Paesi Bassi. Si stima che circa 100 di loro risiedano a Leida. Per lo più uomini, ma ci sono anche donne. Questi immigrati “senza documenti” o illegali di Leida, uomini e donne privi di documenti, parlano spesso olandese e talvolta vivono nei Paesi Bassi da vent’anni. Sono impegnati in procedimenti giudiziari o hanno già esaurito tutte le vie di ricorso. Non possono o non vogliono tornare nel loro paese di origine. Conoscono Leiden come il palmo della loro mano e hanno già dimenticato la loro lingua madre. Non lavorano, non ricevono istruzione e non ricevono benefici. A volte al chiaro di luna, girano per la città e aspettano anche, da anni, il prossimo giudizio del tribunale e dell’IND.

READ  Coronavirus. Il kiwi è positivo anche per Covid19? Lo strano esperimento sui tamponi rapidi che disinforma

I più forti osano attraversare

Nel frattempo, la loro salute peggiora. Lo stress a lungo termine li rende stufi della vita che conducono qui. Maria van den Muijsenbergh, originariamente medico generico e professoressa di differenze di salute, conduce ricerche sulla salute e l’assistenza ai migranti privi di documenti. Conferma il quadro della cattiva salute dei migranti privi di documenti a Leida a causa delle cattive condizioni qui. La sua ricerca su un gruppo di migranti privi di documenti nei Paesi Bassi mostra che tutti hanno problemi di salute. I cinque disturbi più comuni sono: affaticamento, disturbi del sonno, incubi, ansia e nervosismo e problemi dentali. Sono comuni anche altri disturbi fisici, come mal di testa, vertigini e problemi alla schiena. Gli stessi migranti privi di documenti vedono lo stress e l’ansia come le principali cause dei loro disturbi fisici, secondo la sua ricerca.

L’idea che i migranti privi di documenti arrivino qui malati a causa di esperienze traumatiche nel paese di origine o di un viaggio pericoloso è solo in parte corretta. “La maggior parte dei migranti privi di documenti arriva nei Paesi Bassi in buona salute”, spiega Van den Muijsenbergh. “Perché solo i più forti osano la pericolosa traversata. Siamo sicuri che le condizioni di vita nei Paesi Bassi – paura, discriminazione e cattive condizioni di vita – siano la causa della loro cattiva salute. E più a lungo rimangono nei Paesi Bassi, più la loro salute psicologica in particolare peggiora. »

In prigione

Sottolineati anche i migranti privi di documenti a Leida. Questo stress è causato, ad esempio, dal rischio di essere arrestati e posti in carcere per immigrati. Alcuni clandestini non possono essere espulsi perché il paese di origine non li riprende, perché non hanno i documenti giusti. Rimangono poi in un centro di detenzione per diversi mesi e poi tornano a Leida. “Le persone vivono in condizioni miserabili nei centri di detenzione”, afferma Van den Muijsenbergh. “Puoi paragonarlo alla prigione.”

Ahmed Mahdi Ahmed. Foto Leonie van der Helm

Ahmed ha anche trascorso 11 mesi in detenzione. Non era un problema e aveva buoni contatti con le guardie, ma le sue viscere non stavano bene. Non ha ricevuto cure mediche quando soffriva di forti dolori. Ciò ha comportato un risarcimento di 1500 euro. “Non ho accettato i soldi. I soldi finiscono dopo pochi mesi. Voglio un permesso di soggiorno.

Solitudine

Oltre allo stress di essere presi in giro, c’è anche lo stress di non essere autorizzati a partecipare alla società. Ai datori di lavoro è severamente vietato assumere migranti privi di documenti. La maggior parte dei migranti privi di documenti quindi lavora al mercato nero, alcuni fanno volontariato e altri non lavorano. “La ricerca tra i rifugiati mostra che coloro che sono inattivi contraggono il diabete molto più spesso”, afferma Van den Muijsenbergh. “Funziona così: un lavoro o un’attività significativa è importante per la tua autostima. La solitudine o il sentirsi esclusi, invece, provoca stress cronico. Lo stress rilascia ormoni che aumentano il rischio di diabete, obesità, depressione e malattie cardiovascolari. Lo stress cronico è un processo nauseante.

Issa Isaka.

Issa Isaka. Foto Leonie van der Helm

Issa Issaka (40 anni) trascorre le giornate nella sua stanza. È senza documenti nei Paesi Bassi da vent’anni, dodici dei quali a Leida. Prima di allora, ha vissuto in Benin. Issaka affitta una stanza da un conoscente africano. Dice solo “ciao” al conoscente, nient’altro. Trascorre la maggior parte della giornata nella sua stanza. Non gli piace uscire. È solo. Tutto ciò che fa è “pensare, pensare, pensare”. Aveva un appuntamento con uno psicologo, ma alla fine non ha funzionato. “Ho aspettato molto tempo.”

Issa Issaka

Issa Issaka Foto Leonie van der Helm

Ha una figlia in Benin, ma l’ha saputo solo molto più tardi, quando era in Olanda da molto tempo. Ha visto solo una sua foto. È difficile per lui. Si porta le mani al viso. “Vedo persone che camminano per strada. La cerco e mi chiedo se la rivedrò mai più.

Nessuna vaccinazione di resistenza

Oltre allo stress, alla depressione e alla solitudine, di recente si è aggiunto un altro rischio per la salute; Corona. I migranti privi di documenti a Leiden hanno avuto l’opportunità di ricevere il vaccino Janssen attraverso l’organizzazione di volontariato Committee for the Reception of Undocumented Migrants Leiden (COOL), ma non tutti lo volevano, ad esempio perché non ottengono un codice QR perché non lo fanno avere un numero BSN. Muntaga Balde (35), ad esempio, non voleva che il vaccino uscisse dalla resistenza. È fuggito dalla Sierra Leone all’età di quattordici anni e ha vissuto nei Paesi Bassi per vent’anni senza permesso di soggiorno, otto dei quali a Leida. Ha esaurito tutti i rimedi legali, ma non vuole tornare perché non ha più nulla nel suo paese di origine. Quando Balde è arrivato nei Paesi Bassi era ancora un bambino. Fu educato per sei mesi. Dopodiché, non gli fu più permesso di andare a scuola perché non aveva il permesso di soggiorno.

Muntaga Balde: ,, Riesco a malapena a fare le mie scelte nella mia vita.''

Muntaga Balde: ,, Riesco a malapena a fare le mie scelte nella mia vita.” Foto Leonie van der Helm

Non voleva una vaccinazione corona, perché non gli è permesso lavorare qui. È una forma di protesta. „Non ho diritto al lavoro, non ho diritto all’istruzione, non ho diritto a un permesso di soggiorno, non ho diritto a viaggiare, quindi perché dovrei accettare il ‘dovere’ di una vaccinazione? Riesco a malapena a fare le mie scelte nella mia vita. È solo con questa vaccinazione che posso dire: non lo farò. È la mia vita. Non ho paura di prendere la corona. Se viene la malattia, allora verrà.

Balde cerca regolarmente anche l’aiuto del medico generico e anche dello psichiatra. Dorme male, è depresso, ha incubi e molte preoccupazioni. “Sono solo e non posso condividere le mie preoccupazioni con nessuno. Cammino molto per la città. Di solito da solo, a volte amici – altre vittime di Leiden. Sto bene fisicamente. Mi piacerebbe lavorare o andare a scuola, ma non ho l’opportunità di fare nulla nella mia vita”.

Muntaga Balde

Muntaga Balde Foto Leonie van der Helm

Balde ha un amico che ha ricevuto un permesso di soggiorno. Lui lavora. “Non sono geloso, sono felice per lui, ma è difficile vedere come le altre persone si costruiscono una buona vita e io no”.

licenza medica

Il Centro di supporto per i migranti privi di documenti di Leiden – parte del Consiglio olandese per i rifugiati – aiuta i migranti privi di documenti a Leida controllando ancora una volta la documentazione spesso delle dimensioni di un pugno. L’avvocato Kilian van der Scheer sa che molti migranti privi di documenti hanno problemi psicologici a causa della situazione in cui si trovano. Esiste la possibilità legale di ottenere un permesso di soggiorno per motivi medici. Ci sono condizioni allegate a questo. Se queste condizioni sono soddisfatte – ad esempio, l’assistenza non può essere ottenuta nel paese di origine – riceveranno un modulo di “differimento della partenza”, che è un permesso di soggiorno debole. Se lo stato di salute non migliora dopo un anno, ricevono un permesso di soggiorno medico di un anno, che può essere esteso a permesso di soggiorno temporaneo dopo tre anni. Questa non è la strada che spesso prende Van der Scheer. “La cosa triste è che i migranti privi di documenti di Leiden sono malati a causa delle condizioni terribili nei Paesi Bassi, ma non abbastanza per beneficiare del programma. La mia esperienza è che i migranti privi di documenti ricevono un permesso medico solo quando hanno una vita breve. Quindi non possono vivere nei Paesi Bassi, ma possono morire, quindi non avrai più bisogno del permesso di soggiorno.

Questa storia è stata resa possibile dal Leiden Media Fund

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.