Dormire male o casa troppo fredda? Queste sono le conseguenze per il tuo cuore

Il sonno scarso influisce sulla salute del cuore in diversi modi. E i malati di cuore non dovrebbero impostare il loro termostato troppo basso quest’inverno. Il cardiologo Thomas Phillips spiega perché.

La Belgian Cardiology League è preoccupata per il sonno del belga. Più di un belga su due (54%) dichiara in un sondaggio di non dormire abbastanza. Ad esempio, l’insonnia, l’ipersonnia (eccessiva sonnolenza diurna) e la parasonnia (problemi durante il sonno, come il sonnambulismo) sono condizioni che possono influenzare significativamente la qualità del sonno, avverte la lega.

In particolare, la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) difficile da riconoscere ha conseguenze a lungo termine sul cuore e sui vasi sanguigni. Questo disturbo del sonno colpisce un adulto su cinque (a vari livelli). Durante il sonno, il dormiente smette di respirare in modo incontrollabile per più di dieci secondi, più di cinque volte all’ora. Di conseguenza, un campanello d’allarme suona nel cervello e il paziente si sveglia senza rendersene conto e non entra mai in un sonno profondo e ristoratore.

Come aumenta esattamente il sonno di una brutta notte il rischio di malattie cardiovascolari?

Thomas Phlips (cardiologo-elettrofisiologo al Jessa Hospital di Hasselt)“Negli ultimi anni sono state fatte molte ricerche sul legame tra i disturbi del sonno e il cuore. Diversi meccanismi possono svolgere un ruolo. Il primo è che con l’apnea ostruttiva del sonno, la tensione di ossigeno nel sangue diminuisce e il cuore deve pompare più forte per ottenere più ossigeno. Di conseguenza, la pressione sanguigna aumenta. Negli episodi di apnea ostruttiva aumenta anche la pressione al torace e quindi al cuore. Questo mette pressione sulle strutture del cuore. La camera anteriore del cuore in particolare è meno muscolare e sarà quindi sotto pressione, che può causare aritmie come la fibrillazione atriale. Il calo della tensione di ossigeno colpisce anche il sistema nervoso autonomo, che può anche innescare la fibrillazione atriale tramite determinati trigger. Vediamo che una forma di apnea notturna è molto spesso nascosta nei pazienti con fibrillazione atriale, il che è più o meno il caso fino al 50% dei pazienti. Un sonno scarso può anche aumentare il rischio di ipertensione, obesità e diabete di tipo 2. Questi a loro volta possono portare a problemi cardiovascolari e aritmie.

Uno svantaggio significativo dell’apnea notturna è che è così difficile da riconoscere. La Belgian Cardiology League stima che l’80% delle persone con apnea notturna non venga diagnosticato. Come puoi, come paziente, riconoscere la condizione?

Phillips“Esistono tre forme di apnea notturna, di cui la forma ostruttiva è la più comune. È spesso legato al sovrappeso. Il peso nel collo interferisce così tanto con l’epiglottide che non si apre più correttamente e inizi a russare. Tuttavia, ciò non significa che tutti coloro che russano avranno anche l’apnea notturna. A causa del numero crescente di casi di obesità, l’apnea notturna è in aumento nella nostra società. Se non hai un partner per segnalare il tuo russare, spesso non ne sei consapevole. Alcune persone poi si lamentano di stanchezza o irritabilità durante il giorno o hanno difficoltà a concentrarsi. Altri sviluppano problemi di sonno o depressione senza rendersi conto che esiste un problema di apnea notturna sottostante. Riconosci queste lamentele? Non esitate a consultare un medico. Oggigiorno ci sono molte risorse per ricercare quali problemi si verificano nel sonno e cosa li causa.

Come fai a sapere se stai dormendo male?

I sintomi sono gli stessi per la maggior parte dei disturbi del sonno: secchezza delle fauci al risveglio, mal di testa al mattino, problemi di attenzione o irritabilità.

È solo questo? il lavoro a turni aumenta il rischio di malattie cardiovascolari?

Phillips: ‘I lavoratori a turni corrono un rischio leggermente superiore, ma la differenza con i dipendenti regolari non è così grande. La domanda è qual è la ragione di fondo. Il lavoro a turni è spesso accompagnato da determinate abitudini, come mangiare o fumare in modo scorretto. Questo porta all’obesità e forse anche all’apnea notturna. Un sonno sano è quindi legato a uno stile di vita sano. I turnisti dovrebbero prestare particolare attenzione a uno stile di vita sano, anche più degli altri.

READ  a Ravenna la metà dei casi è asintomatica

Il passaggio all’orario invernale rappresenterà presto un rischio per i pazienti cardiovascolari?

Phillips: ‘Quando passiamo all’ora solare, possiamo dormire un’ora in più e non ci sono evidenti effetti negativi. Ma con il passaggio all’ora legale, dove perdiamo un’ora di sonno, aumentano i problemi cardiovascolari a livello di popolazione. Nelle settimane successive al passaggio si assiste ad un leggero aumento di infarti, ictus e possibilmente più aritmie. Un’ora in meno di sonno significa ulteriore stress per il corpo. Ciò dimostra ancora una volta l’importanza di un sonno sano e ristoratore.

dormire troppo può essere dannoso per il cuore?

Phillips: ‘La quantità ottimale di sonno va dalle sei alle otto ore. Alcune persone hanno bisogno di nove ore. Dormire più a lungo può anche influire sulla salute del cuore. Ma è piuttosto una conseguenza indiretta. Le persone che dormono molto più a lungo possono fare meno esercizio o avere abitudini alimentari più povere. Ecco perché una certa regolarità nel ritmo del sonno non è certo un lusso non necessario. Vai a letto più o meno alla stessa ora ogni notte, senza creare un’ossessione ovviamente. Sentiti libero di dormire un po’ più a lungo nei fine settimana.

Questo inverno, molte persone abbasseranno il riscaldamento o non lo accenderanno affatto a causa dei prezzi elevati dell’energia. Una casa così fredda fa bene al cuore?

Phillips: ‘Una casa più fresca non è un problema per i giovani e in buona salute, ma non è salutare per i pazienti cardiovascolari. I malati di cuore non corrono un rischio maggiore di infarto se impostano il termostato di un grado più basso del normale quest’inverno, ma abbassare drasticamente la temperatura a soli 16 gradi nel soggiorno sta causando stress fisico. Aumenta la pressione sanguigna nei pazienti ipertesi e anche le persone con ridotta funzione di pompaggio del cuore non beneficiano di una temperatura ambiente così bassa. I pazienti cardiopatici hanno quindi interesse per una temperatura stabile in casa. Con gli improvvisi sbalzi di temperatura in inverno, le persone con stenosi dell’arteria coronaria possono avvertire dolore toracico a causa del vasospasmo. In camera da letto, invece, può essere un po’ più fresco. Questo favorisce un buon sonno. Sei tornato bene e il tuo metabolismo lavorerà quindi più lentamente.

READ  La frode della ricerca sul morbo di Alzheimer è costata miliardi di dollari e milioni di vite?

Alcuni semplici consigli aiuteranno a combattere il calo della qualità del sonno:

1. Non bere bevande contenenti caffeina (tè, caffè, cola, bibite gassate) da quattro a sei ore prima di coricarsi

2. Non fumare subito prima di andare a letto e quando sei sveglio la notte

3. Evita l’alcol a cena

4. Mantieni la tua camera da letto silenziosa e buia

5. Evitare temperature estreme in camera da letto

6. Sbarazzarsi dei problemi della giornata e di quelli che restano da risolvere ben prima di coricarsi

7. Preferire un pasto leggero la sera ma non andare a letto affamato

8. Praticare una regolare attività fisica nel tardo pomeriggio o in prima serata

9. Posiziona la sveglia in modo da non poterla vedere

10. Fare attività rilassanti almeno un’ora prima di coricarsi per prepararsi al sonno

Più informazioni: Lega cardiologica belga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.